Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
37/2019 del 12/03/2019

L’indicazione del credito d’imposta per canoni di locazione non percepiti nella dichiarazione dei redditi periodo d'imposta 2018.

 

Nelle dichiarazioni dei redditi, modello 730/2019 e redditi PF 2019, riferite al periodo d'imposta 2018, è possibile usufruire di un credito d'imposta per canoni di locazione non percepiti, come previsto dall’art. 26 del TUIR (id: DPR n.917/86) che dispone per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti, come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità, è riconosciuto un credito d’imposta di pari ammontare.

Nello specifico, per determinare il credito d’imposta de quo spettante, è necessario calcolare le imposte pagate in più relativamente ai canoni non percepiti riliquidando la dichiarazione dei redditi di ciascuno degli anni per i quali, sulla base dell’accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore, sono state pagate maggiori imposte per effetto di canoni di locazione non riscossi.

Nell’effettuare tali operazioni di riliquidazione delle imposte, bisogna tener conto:

  • della rendita catastale degli immobili;
  • di eventuali rettifiche ed accertamenti operati dagli uffici.

Ai fini del calcolo del credito d’imposta spettante non rileva, invece, quanto pagato ai fini del contributo al servizio sanitario nazionale.

Inoltre, bisogna tener presente che l’eventuale successiva riscossione totale o parziale dei canoni per i quali si è usufruito del credito d’imposta come sopra determinato, comporterà l’obbligo di dichiarare tra i redditi soggetti a tassazione separata, salvo opzione per la tassazione ordinaria, il maggior reddito imponibile rideterminato, anche nell’ipotesi di contratto di locazione per il quale il contribuente abbia deciso di avvalersi dell’opzione per la “cedolare secca”.

Qualora il contribuente non intenda avvalersi del credito d’imposta nell’ambito della dichiarazione dei redditi, ha comunque la facoltà di presentare all’Agenzia delle Entrate competente, entro i termini ordinari di prescrizione decennale, un’apposita istanza di rimborso.

Il credito d’imposta de quo può essere indicato nella prima dichiarazione dei redditi utile successiva alla conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida dello sfratto e comunque non oltre il termine ordinario di prescrizione indicato.

Nelle istruzioni del modello 730/2019, riferito all'anno di imposta 2018, viene espressamente indicato che, per quanto riguarda i periodi d’imposta utili cui fare riferimento per la rideterminazione delle imposte e del conseguente credito, vale il termine di prescrizione ordinaria di dieci anni e, pertanto, si può effettuare il calcolo con riferimento alle dichiarazioni presentate negli anni precedenti, ma non oltre quelle relative ai redditi 2008, sempreché per ciascuna delle annualità risulti accertata la morosità del conduttore nell’ambito del procedimento di convalida dello sfratto conclusosi nel 2018.

In pratica, per calcolare la nuova imposta il contribuente dovrà:

a) sottrarre da reddito complessivo i canoni non percepiti;

b) aggiungere il valore della rendita catastale;

c) ottenere così un nuovo reddito imponibile;

d) calcolare la tassazione sulla base delle aliquote vigenti nel periodo d’imposta interessato al calcolo.

Il credito d’imposta, così risultante da utilizzare a scomputo delle imposte dovute, va indicato nel quadro RC, rigo CR8 del modello Redditi PF ovvero nel quadro G, rigo G2 del modello 730.

Ulteriore condizione per fruire del credito d’imposta è la verifica che alla determinazione del reddito complessivo abbia concorso il canone d’affitto e non la rendita catastale, nei casi in cui debba essere assoggettata a tassazione la rendita catastale rivalutata se superiore al canone d’affitto ridotto della percentuale forfetaria, in quanto, in queste circostanze il non aver percepito il canone di locazione non determina il diritto a fruire del credito d’imposta.

E’ possibile trovare ulteriore documentazione per ogni eventuale approfondimento, collegandosi al seguente link: Crediti d’Imposta

Ad maiora

IL PRESIDENTE 
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori


ED/FC/FT

N° 78/2019 del 24/05/2019

L’Agenzia delle Entrate, con interpello n° 134 del 6 maggio scorso, ha fornito nuovi chiarimenti sul regime forfettario precisando che solo a fine 2019 vanno verificati i requisiti per la permanenza nel regime.   Con la risposta ad Interpello del 6 maggio 2019 n°134, l'Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori indicazioni sulla corretta applicazione del […]

Leggi di più

N° 77/2019 del 23/05/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta all’interpello n. 78 del 19 marzo 2019, ha chiarito che per le prestazioni sanitarie fatturate nei confronti di persone fisiche è confermato il divieto di emissione della fattura elettronica, e ciò a prescindere dalla circostanza che la prestazione sia o meno oggetto di invio al sistema tessera Sanitaria.   L’Agenzia […]

Leggi di più

N° 76/2019 del 22/05/2019

L’Inps, con il messaggio n° 1660 del 29 aprile scorso, ha fornito indicazioni in ordine alla presentazione delle domande per il riconoscimento dei benefici afferenti i c.d. “lavori usuranti”.   Il 29 aprile 2019 l’Inps ha pubblicato il messaggio n. 1660 con il quale sono state fornite le indicazioni per la presentazione delle domande, fissato […]

Leggi di più

N° 75/2019 del 21/05/2019

Il Garante per la privacy, con la newsletter n° 452 del 29 aprile scorso, ha stabilito che è illecito il trattamento di dati personali dei pazienti di un medico per finalità diverse da quelle legate strettamente alla tutela della salute.   Il Garante per la protezione dei dati personali, con newsletter n°452 del 29 aprile […]

Leggi di più

N° 74/2019 del 17/05/2019

Con il decreto legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019, pubblicato in G.U. del 14 febbraio, molte società a responsabilità limitata e società cooperative dovranno modificare il proprio atto costitutivo o statuto per prevedere la nomina del sindaco unico, del collegio sindacale o del revisore entro il prossimo dicembre.   Il D.lgs n.14 del 14/01/2019 […]

Leggi di più

N° 73/2019 del 16/05/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta ad interpello n° 107 dell’11 aprile scorso, ha comunicato che è possibile il passaggio al regime forfettario dal 2019 per il professionista che abbia optato con vincolo triennale al regime di contabilità semplificato.   Con la risposta ad Interpello dell'11 aprile 2019 n°107, l'Agenzia delle Entrate ha fornito utili […]

Leggi di più

N° 72/2019 del 15/05/2019

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione, con il comunicato stampa dell’11 aprile 2019, ha reso noto che diventa più facile per i titolari di partita IVA delegare il proprio consulente di fiducia a utilizzare i servizi web dell’Agenzia stessa per effettuare varie operazioni on line.   Diventa più facile per imprenditori, professionisti e artigiani delegare il proprio consulente […]

Leggi di più

N° 71/2019 del 14/05/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 8 del 10 aprile 2019, ha fornito i chiarimenti in merito alla cedolare secca da applicare per negozi e botteghe introdotta dalla Legge di Bilancio 2019.   L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n.8/E del 10/04/2019, ha inteso chiarire l’estensione del regime opzionale della cedolare secca, prevista dalla […]

Leggi di più

N° 70/2019 del 10/05/2019

L’INPS, con il messaggio n.1609 del 19 aprile scorso, ha aggiornato il servizio attivo sul proprio sito internet per la simulazione dell’onere di riscatto, con due novità: estensione funzionalità ai dipendenti pubblici e inserimento del nuovo criterio di calcolo di cui al D.L. n. 04/2019 convertito dalla Legge n.29/2019   Il Decreto Legge 28 gennaio […]

Leggi di più

N° 69/2019 del 09/05/2019

L’Agenzia delle Entrate, con comunicato stampa del 3 aprile 2019, ha reso noto di aver istituito nuovi servizi a disposizione dei contribuenti per favorire e migliorare l’assistenza negli adempimenti tributari.   Con il comunicato stampa del 3 aprile 2019 l’Agenzia delle Entrate ha reso noto di aver messo a disposizione dei contribuenti nuove funzionalità per […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF