Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 03/2020 del 09/01/2020

L'Inps, con il messaggio n° 4658 del 13 dicembre scorso, ha fornito ulteriori chiarimenti in relazione alle modalità di fruizione della indennità di disoccupazione NASPI in forma anticipata e rioccupazione con contratto di collaborazione.

 

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con il Messaggio n° 4658 del 13 dicembre 2019, fornisce indicazioni e chiarimenti in relazione alla corretta applicazione dell'art. 8, comma 1, del Decreto legislativo 4 marzo 2015, n°22 che prevede, per il lavoratore avente diritto alla corresponsione dell’indennità NASpI, la possibilità di richiedere la liquidazione anticipata, in un’unica soluzione, dell’importo complessivo della predetta indennità, a titolo di incentivo all’avvio di un’attività autonoma o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività lavorativa da parte del socio.

Come noto, il Decreto legislativo 4 marzo 2015, n°22, recante "disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della Legge 10 dicembre 2014, n. 183", prevede, all'art. 8 (id: incentivo all’autoimprenditorialità):

1. Il lavoratore avente diritto alla corresponsione della NASpI può richiedere la liquidazione anticipata, in unica soluzione, dell’importo complessivo del trattamento che gli spetta e che non gli è stato ancora erogato, a titolo di incentivo all’avvio di un’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o per la sottoscrizione di una quota di capitale sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha ad oggetto la prestazione di attività lavorative da parte del socio.

2. L’erogazione anticipata in un’unica soluzione della NASpI non dà diritto alla contribuzione figurativa, né all’Assegno per il nucleo familiare.

3. Il lavoratore che intende avvalersi della liquidazione in un’unica soluzione della NASpI deve presentare all’INPS, a pena di decadenza, domanda di anticipazione in via telematica entro trenta giorni dalla data di inizio dell’attività lavorativa autonoma o di impresa individuale o dalla data di sottoscrizione di una quota di capitale sociale della cooperativa.

4. Il lavoratore che instaura un rapporto di lavoro subordinato prima della scadenza del periodo per cui è riconosciuta la liquidazione anticipata della NASpI è tenuto a restituire per intero l’anticipazione ottenuta, salvo il caso in cui il rapporto di lavoro subordinato sia instaurato con la cooperativa della quale il lavoratore ha sottoscritto una quota di capitale sociale.

L'Istituto, con il Messaggio in esame specifica che, nella disposizione normativa sopra richiamata, non trova disciplina l’ipotesi della rioccupazione con rapporto di lavoro parasubordinato da parte del beneficiario dell’indennità NASpI in forma anticipata nel periodo teorico di spettanza della stessa.

In detta ultima fattispecie può verificarsi che il rapporto di collaborazione cessi durante il periodo teorico di spettanza della prestazione NASpI, già percepita dal soggetto in forma anticipata in unica soluzione, e che il lavoratore, in ragione di detta cessazione presenti domanda di indennità di disoccupazione DIS-COLL. In tale caso, qualora si riconoscesse il diritto anche all’indennità DIS-COLL, il soggetto interessato potrebbe ricevere per lo stesso periodo una duplice tutela contro la disoccupazione involontaria, in ragione della sovrapposizione tra le due prestazioni di disoccupazione (NASpI in forma anticipata e DIS-COLL).

Al fine di evitare che ciò avvenga, nell’ipotesi di rioccupazione con contratto di collaborazione coordinata e continuativa nel periodo teorico di spettanza di una NASpI erogata in forma anticipata, qualora detto rapporto di collaborazione cessi durante il predetto periodo teorico, il collaboratore può accedere alla prestazione DIS-COLL, ma la stessa potrà essere riconosciuta, qualora ne ricorrano tutti i requisiti legislativamente previsti, per le sole mensilità che non si sovrappongono al periodo teorico di spettanza dell’indennità NASpI.

Nella diversa ipotesi in cui, invece, sempre a seguito di rioccupazione con contratto di collaborazione durante il periodo teorico di spettanza dell’indennità NASpI, il rapporto di collaborazione cessi dopo la fine del periodo teorico di spettanza della NASpI, la prestazione DIS-COLL potrà essere riconosciuta per tutto il periodo di spettanza, non essendovi sovrapposizione tra le due prestazioni di disoccupazione (NASpI anticipata e DIS-COLL) nel medesimo arco temporale.

Ad maiora

IL PRESIDENTE    
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/PDN

 

 

 

N° 08/2020 del 17/01/2020

L'Agenzia delle Entrate, con la risposta ad interpello n° 522 del 13 dicembre 2019, ha fornito chiarimenti sul trattamento e l'inquadramento di alcuni benefit riconosciuti nell'ambito di un piano di welfare aziendale.   L’Agenzia delle Entrate, con il documento di prassi in epigrafe, si è occupata del trattamento fiscale – c.d. “detassazione” – da applicare, […]

Leggi di più

N° 07/2020 del 16/01/2020

L’INPS fornisce chiarimenti relativi agli elementi identificativi del trasfertismo ed al regime contributivo applicabile alle indennità corrisposte.   L’INPS ha pubblicato la circolare n. 158 del 23 dicembre 2019, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito alla differenza tra trasferta e trasfertismo, definendo gli elementi identificativi di quest’ultimo sulla base delle disposizioni dell’art. 7 […]

Leggi di più

N° 06/2020 del 15/01/2020

L'Agenzia delle Entrate, con la risposta ad interpello n° 510 dell’11 dicembre 2019, ha fornito un chiarimento in tema di agevolazione per i lavoratori impatriati, comunicando che l'agevolazione fiscale prevista in loro favore non spetta a coloro i quali rientrano in Italia dopo essere stati inviati in distacco all'estero.   L'Agenzia delle Entrate ha fornito un chiarimento […]

Leggi di più

N° 05/2020 del 14/01/2020

L’Agenzia delle Entrate, con Provvedimento n.1427541 del 17 dicembre 2019, ha comunicato che è stato spostato al 29 febbraio 2020 (in realtà 2 marzo in quanto il 29 febbraio cade di sabato) il termine del periodo transitorio per l’adesione al servizio telematico di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici, rivolto […]

Leggi di più

N° 04/2020 del 10/01/2020

L’INPS con circolare n. 148 del 12 dicembre 2019, fornisce le istruzioni operative per la fruizione del congedo di maternità obbligatoria esclusivamente dopo il parto, per le dipendenti del settore privato.   L’Inps, con circolare n. 148 del 12 dicembre 2019, ha fornito le prime istruzioni per l’astensione dal lavoro dopo l’evento del parto e […]

Leggi di più

N° 02/2020 del 08/01/2020

L’INPS con messaggio n. 4791 del 20 dicembre 2019, ha provveduto a fornire ulteriori precisazioni in merito alla richiesta da parte di imprese agricole dell’incentivo per l’assunzione di beneficiari di RdC   L’Inps, con messaggio n. 4791 del 20 dicembre 2019, ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla procedura da seguire, per la richiesta dell’incentivo […]

Leggi di più

N° 01/2020 del 07/01/2020

L’INAIL pubblicato il bando ISI 2019. Ora si aspettano, entro il 31 gennaio 2020, gli avvisi regionali. Di seguito una disamina degli assi di interventi con i relativi importi finanziati.   Già con il numero 179 del 18 dicembre scorso, Vi avevamo dato contezza che l’Inail, sulla base della determinazione del CIV n° 17 del […]

Leggi di più

N° 181/2019 del 20/12/2019

Le Camere di Commercio, in base a quanto previsto dal decreto legislativo n° 14 del 12 gennaio 2019, tenute a mandare comunicazioni per sensibilizzare il rispetto della legge secondo le liste elaborate da InfoCamere delle società tenute a rispettare l’obbligo di nomina dei collegi sindacali.   Il nuovo Codice della Crisi D'Impresa (id: D.lgs 14/2019) […]

Leggi di più

N° 180/2019 del 19/12/2019

L’Inps, con la circolare n° 146 del 6 dicembre scorso, ha fornito indicazioni operative in ordine all’attività di raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati relativi alla rappresentanza delle OO.SS. per la contrattazione collettiva nazionale di categoria.   Come noto, con il c.d. T.U. sulla rappresentanza del 10 gennaio 2014 le parti datoriali/sindacali, Confindustria, CGIL. CISL […]

Leggi di più

N° 179/2019 del 18/12/2019

  L'INAIL, con Delibera CIV n. 17 del 28 novembre 2019, ha confermato l’aggiornamento delle linee di indirizzo del Bando ISI 2019 in favore delle imprese meritevoli ai fini della sicurezza sul lavoro.   Il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (CIV) dell'INAIL ha deliberato, con il documento n. 17 del 28 novembre 2019, che si intendono […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF