Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 112/2017 del 12/09/2017

Il Garante per la privacy, con la nota n° 430 del 24 luglio scorso, ha fornito importanti precisazioni ai datori di lavoro sull'uso dei social network e delle comunicazioni dei lavoratori senza violare la privacy degli stessi.

 

Il Garante per la Privacy, con la Nota n° 430 del 24 Luglio 2017 ha riepilogato le indicazioni date alle imprese dai Garanti europei della privacy riuniti nel Gruppo "Articolo 29" (WP29), al fine di sfruttare le potenzialità delle reti sociali e delle nuove tecnologie senza violare la privacy del lavoratori. Queste alcune delle indicazioni:

– possibili i controlli contro la fuga di dati o la compromissione dei sistemi ma senza spiare le comunicazioni   dei dipendenti;

– eventuale consultazione dei social network limitata ai soli profili professionali;

– offerta di spazi privati su computer aziendali e servizi cloud;

– necessità di ulteriori basi legali rispetto al consenso per trattare i dati personali dei lavoratori.

Il 

, che tiene conto sia della normativa vigente sia delle novità introdotte dal Regolamento UE 2016/679 che si applicherà a partire dal maggio 2018, definisce un quadro dei principi fondamentali ed esempi concreti per il corretto trattamento dei dati in ambito professionale.

I Garanti hanno ricordato che ogni lavoratore, indipendentemente dal tipo di contratto a lui applicato, ha diritto al rispetto della vita privata, della sua libertà e dignità. Deve, innanzitutto, essere adeguatamente informato sulle modalità di trattamento dei dati personali in maniera chiara, semplice ed esaustiva, soprattutto quando siano previste forme di controllo del lavoratore, che comunque dovranno essere rispettose anche delle norme nazionali.

Le Autorità per la privacy hanno poi rimarcato che, aziende ed enti pubblici difficilmente potranno avvalersi del consenso dei dipendenti come base legale per poter procedere all'utilizzo dei loro dati. Il consenso, infatti, per essere considerato valido, deve essere libero, diversamente da quanto accade nella realtà lavorativa dove c'è una forte disparità di potere tra datore di lavoro e dipendente. Il datore di lavoro potrà quindi valutare, in alternativa, il ricorso a disposizioni normative o contrattuali, oppure far valere il proprio "legittimo interesse": ad esempio, alla sicurezza e alla corretta allocazione delle risorse. A questo proposito, i Garanti hanno ribadito che occorre bilanciare il legittimo interesse del datore di lavoro con i diritti e le libertà dei lavoratori alla luce dei principi di necessità e proporzionalità.

In particolare, ogni trattamento deve essere proporzionato alla finalità perseguita, e deve essere limitato quanto più possibile l'uso dei dati personali. Gli strumenti di geolocalizzazione, ad esempio, possono essere utilizzati per finalità strettamente aziendali e al lavoratore deve essere lasciata la possibilità di disattivare, se necessario, il localizzatore come i gps.

Si possono inoltre introdurre strumenti e tecnologie, come quelle per l'analisi del traffico, per ridurre i rischi di attacchi informatici e la diffusione di informazioni riservate, ma non si può spiare la posta dei dipendenti o la loro navigazione internet. Anche in questo caso devono essere privilegiate misure preventive, assolutamente trasparenti, che segnalino ad esempio ai dipendenti la violazione che potrebbero stare per commettere.

Anche l'eventuale consultazione o il monitoraggio dei social network devono essere limitati ai soli profili professionali, escludendo la vita privata di dipendenti o candidati all'assunzione. Vale sempre, infatti, il diritto fondamentale a non essere oggetto di discriminazione come quelle basate sulle idee politiche, l'impegno sociale o altri aspetti della sfera personale o familiare.

Proprio per favorire il corretto utilizzo degli strumenti e delle policy aziendali nel rispetto della privacy dei lavoratori, i Garanti invitano i datori di lavoro a offrire, ad esempio, connessioni WiFi ad hoc e a definire spazi riservati – su computer e smartphone, su cloud e posta elettronica – dove possono essere conservati documenti o inviate comunicazioni personali, non accessibili al datore di lavoro se non in casi assolutamente eccezionali.

Ad maiora

 IL PRESIDENTE      
 Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/PDN

N° 87/2018 del 15/06/2018

L’ENEA, in una nota tecnica pubblicata sul proprio sito, ha reso noto che per coloro che hanno terminato i lavori relativi agli interventi di riqualificazione energetica in data antecedente al 30 marzo 2018, il termine di 90 giorni, previsto per la trasmissione all’Enea della documentazione necessaria per poter usufruire dell’ecobonus (detrazione Irpef), decorre a partire […]

Leggi di più

N° 86/2018 del 14/06/2018

Il Garante della Privacy italiano, con la comunicazione WEB 8581268 del 01.06.2018, rende noto di aver messo a disposizione dei titolari dei trattamenti il software, già adottato dal Garante francese (CNIL), in versione italiana per una corretta DPIA – data protection impact assestment.   Con comunicazione WEB 8581268 del 01.06.2018, il Garante della privacy ha […]

Leggi di più

N° 85/2018 del 13/06/2018

Il Garante per la Privacy, con la newsletter n° 441 del 29 maggio scorso, ha dato il via libera alla geolocalizzazione del personale di una società che effettua servizi di vigilanza privata con la prescrizione di misure a tutela della riservatezza dei lavoratori.   Il Garante per la Privacy, con la Newsletter n° 441 del […]

Leggi di più

N° 84/2018 del 12/06/2018

Il Ministero del Lavoro, con l’Interpello n. 3 del 29 maggio scorso, ha fornito interessanti chiarimenti inerenti la disciplina dei principi generali di fruizione degli incentivi in materia di somministrazione.   Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con l’interpello n° 3 pubblicato il 29 maggio u.s., dietro sollecitazione dell’Associazione Nazionale delle Agenzie per […]

Leggi di più

N° 83/2018 del 08/06/2018

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n° 89757 del 30 aprile scorso, ha comunicato che la fatturazione elettronica verso l’estero sostituirà lo spesometro mensile in vigore dal 2019   L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018, ha fornito ulteriori chiarimenti sulla fattura elettronica, relativamente all’adempimento che scatterà il prossimo 1°gennaio […]

Leggi di più

N° 82/2018 del 07/06/2018

L’INPS, con il messaggio n. 2121 del 25 maggio 2018, ha reso noto l’implementazione, all’interno della piattaforma INPS delle Prestazioni Occasionali, di un’apposita funzionalità per consentire il rimborso agli utilizzatori delle somme versate e non utilizzate per le nuove prestazioni occasionali ex art. 54-bis del D.L. n. 50/2017.   Con messaggio n. 2121 del 25 […]

Leggi di più

N° 81/2018 del 06/06/2018

L’Inps, con la circolare n° 73 del 25 maggio 2018, ha reso noti i contributi dovuti dai concedenti per i piccoli coloni e compartecipanti familiari.   Il nostro maggiore Istituto di previdenza, con la circolare n° 73 pubblicata il 25 maggio u.s., ha fornito gli elementi utili per la corretta quantificazione degli importi dovuti dai […]

Leggi di più

N° 80/2018 del 05/06/2018

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n° 4538 del 22 maggio scorso, fornisce importanti indicazioni in merito al nuovo obbligo di pagamento della retribuzione unicamente con modalità tracciabili a far data dal prossimo 1° luglio 2018.   L'Ispettorato Nazionale del Lavoro interviene, con la Nota n° 4538 del 22 maggio 2018,  in relazione al nuovo […]

Leggi di più

N° 79/2018 del 01/06/2018

Come calcolare il beneficio ACE per i soggetti IRPEF: ulteriori casi pratici   Il beneficio ACE (id: Aiuto alla Crescita Economica), previsto sia per i soggetti IRES che per i soggetti IRPEF, deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi compilando il quadro RS. In pratica, l'agevolazione ACE trasforma in una deduzione dal reddito complessivo netto, […]

Leggi di più

N° 78/2018 del 31/05/2018

L’Agenzia delle Entrate, risoluzione n° 36 dell’8 maggio 2018, ha fornito chiarimenti in merito al regime sanzionatorio applicabile all’ipotesi di utilizzo in compensazione di crediti IVA inesistenti, già recuperati in ambito accertativo e sanzionati per illegittima detrazione e infedele dichiarazione, ai sensi degli artt. 6, comma 6, e 5, comma 4, D.Lgs. n. 471/1997.   […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF