Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 125/2018 del 02/10/2018

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n° 64/E del 14 settembre 2018, ha precisato che la scelta del regime IVA è palesata dal comportamento concludente del contribuente che non è vincolato dalla permanenza triennale.

 

Con la risoluzione n° 64/E del 14 settembre 2018 l’Agenzia delle Entrate in risposta ad interpello ha fornito utili indicazioni in merito alla facoltà per il contribuente di transitare al regime forfetario ex art. 1, commi da 54 a 89, L. n° 190/2014 senza vincolo triennale di permanenza.

In particolare, nel quesito posto, la contribuente istante ha specificato che, pur possedendo i requisiti per accedere al regime forfettario di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89 della legge 23 dicembre 2014, n°190, fin dall'anno 2015 ha sempre svolto l’attività di parrucchiera in regime di contabilità semplificata di cui all’articolo 18 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n°600, senza tuttavia mai esercitare l’opzione nel quadro VO della dichiarazione annuale IVA, ma semplicemente adottando un “comportamento concludente”.

Nel 2017 l’istante ha optato per il regime semplificato di cui al comma 5 del citato articolo 18 con relativa presentazione del quadro VO della dichiarazione annuale IVA/2018 per l'anno 2017.

Volendo applicare il regime forfetario a partire dall'anno d'imposta 2018, l'istante ha chiesto da quale anno decorra il vincolo triennale di permanenza nel regime opzionato previsto dalle norme sopra richiamate ed inoltre, se il vincolo triennale possa essere derogato anche con riferimento agli anni d’imposta 2016 e/o 2017 nonostante la mancata formale opzione.

Ciò posto, i tecnici dell'amministrazione finanziaria, hanno ricordato che a partire dal 1° gennaio 2015, il regime naturale per i contribuenti in possesso dei requisiti di cui all’articolo 1, commi da 54 ad 89, della legge n°190 del 2014, è il regime forfetario. Tuttavia, a tali soggetti è consentito optare per la determinazione dell’IVA e del reddito nei modi ordinari.

Orbene, la scelta per comportamento concludente, esercitata nel 2015, di avvalersi del regime contabile semplificato di cui all’articolo 18 del D.P.R. n°600 del 1973 e, conseguentemente, di determinare il reddito secondo i criteri di cui all’articolo 66 del TUIR – in luogo del regime forfettario di cui alla legge n°190 del 2014  non vincola l’istante alla permanenza triennale nel regime scelto, trattandosi comunque di un regime “naturale” proprio dei contribuenti minori. Né rileva la circostanza che, nel 2017, l’istante ha determinato il reddito con il regime contabile semplificato e secondo il “criterio di cassa”, trattandosi ugualmente del regime “naturale” applicabile ai contribuenti in contabilità semplificata ed avendo esercitato l’opzione di cui al comma 5 del citato articolo 18.

In particolare, specifica il documento di prassi, il vincolo triennale rileva solo per coloro che scelgono di rimanere nel regime semplificato di cui all’articolo 18, e non anche per coloro che, avendone i requisiti, scelgono di accedere al regime forfetario. Pertanto, l’istante – in presenza dei requisiti richiesti dalla normativa di riferimento – ha facoltà di transitare dal regime semplificato al regime forfettario senza dover scontare alcun vincolo triennale di permanenza, e quindi, avvalersi per l’anno d’imposta 2018 del regime forfettario.

Ciò chiarito, si evidenzia che, fermo restando che l'opzione e la revoca di regimi di determinazione dell'imposta o di regimi contabili si desumono da comportamenti concludenti del contribuente o dalle modalità di tenuta delle scritture contabili, la validità dell'opzione e della relativa revoca è subordinata unicamente alla sua concreta attuazione sin dall'inizio dell'anno o dell'attività.  Inoltre, il contribuente è obbligato a comunicare l'opzione nella prima dichiarazione annuale IVA da presentare successivamente alla scelta operata mentre resta ferma la validità dell'opzione anche nelle ipotesi di omessa, tardiva o irregolare comunicazione, sanzionabili secondo le vigenti disposizioni.

Nel caso in specie, l’omessa indicazione dell’opzione, nella dichiarazione IVA relativa all’anno d’imposta 2015, per l’applicazione del regime di contabilità ordinario per le imprese minori, seppur non vincolante ai fini dell’efficacia del regime scelto, costituisce una violazione sanzionabile, che l’istante può sanare attraverso l’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n°472.

Ad maiora

IL PRESIDENTE 
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/PDN

N° 148/2018 del 13/11/2018

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Interpello n. 24 del 4 ottobre 2018, ha fornito importanti chiarimenti circa le somme erogate dai datori di lavoro per conto degli enti bilaterali. In particolare, l’Agenzia ha dato indicazioni circa il corretto trattamento fiscale da applicare alle suddette somme, nonché ai contributi versati agli enti bilaterali dai datori […]

Leggi di più

N° 147/2018 del 09/11/2018

Il Ministero del Lavoro, con interpello n° 6 del 24 ottobre scorso, ha precisato che l'adozione del contratto di lavoro intermittente non consente di escludere l'applicazione delle disposizioni in materia di lavoro straordinario.   Il Ministero del Lavoro, Interpello n°6 del 24 ottobre 2018, ha fornito risposta ad un quesito avanzato dall’Associazione Nazionale delle Imprese […]

Leggi di più

N° 146/2018 del 08/11/2018

L’INPS, con il messaggio n. 3760 dell’11 ottobre scorso, ha fornito le indicazioni operative per il passaggio delle deleghe dai soci intermediari alla STP e il relativo caricamento massivo.   Il 1° giugno 2018, con la circolare n. 77, l’INPS ha illustrato la disciplina delle società tra professionisti (STP), rendendo noto sia il regolamento attuativo […]

Leggi di più

N° 145/2018 del 07/11/2018

A decorrere dal 1° settembre 2018 è in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica per le cessioni di beni di cui art. 38-quater, D.P.R. n. 633/72, c.d. Tax free shopping.   Come noto, la disciplina IVA prevede che le cessioni a soggetti domiciliati o residenti fuori dell’Unione europea di beni per un importo complessivo (IVA inclusa), […]

Leggi di più

N° 144/2018 del 06/11/2018

Il MISE, con la circolare n° 3709/C del 19 ottobre scorso, ha reso noto che gli agenti e rappresentanti di commercio entro il 31 dicembre 2018 devono aggiornare telematicamente la loro posizione nel registro delle imprese e nel REA   Il Ministero dello Sviluppo Economico, con Circolare del 19 ottobre 2018 n. 3709/C, ha stabilito […]

Leggi di più

N° 143/2018 del 02/11/2018

L’Inps, con il messaggio n° 3809 del 15 ottobre scorso, ha fornito ulteriori chiarimenti in ordine al servizio “Nuova Passweb”   L’applicazione “Nuova Passweb” raggiungibile per il tramite del consueto portale www.inps.it consente alle Pubbliche Amministrazioni di visualizzare e sistemare le posizioni assicurative dei propri dipendenti. Al fine di attivare le necessarie abilitazioni è necessario […]

Leggi di più

N° 142/2018 del 31/10/2018

L’Inps, con la circolare n° 102 del 16 ottobre scorso, ha fornito indicazioni in merito alla corretta adozione delle norme in materia di legislazione applicabile ai soggetti iscritti alla gestione separata per attività plurime svolte in diversi stati comunitari.   Come noto, il principio generale dell’unicità della legislazione applicabile (art. 11, par. 1, del Regolamento UE […]

Leggi di più

N° 141/2018 del 30/10/2018

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n. 237975 dell’8 ottobre 2018, ha reso noto di aver messo a disposizione dei soggetti titolari di partita IVA le informazioni derivanti dal confronto tra i dati comunicati dai contribuenti stessi e dai loro clienti soggetti passivi IVA tramite spesometro, nel caso in cui risultino differenze tra il volume […]

Leggi di più

N° 140/2018 del 26/10/2018

L’Inps, con il messaggio n° 3754 dell’11 Ottobre 2018, ha comunicato che è prevista una nuova elaborazione dell’imposizione contributiva per artigiani e commercianti   In arrivo i modelli F24 inerenti la gestione previdenziale artigiani e commercianti per coloro che sono stati iscritti in corso d’anno. Con il messaggio n° 3754 pubblicato l’11 ottobre u.s., il […]

Leggi di più

N° 139/2018 del 25/10/2018

Il Garante per la Privacy, con il comunicato dell’8 Ottobre scorso, doc. WEB 9047529, ha fornito importanti istruzioni sulle modalità di tenuta del registro delle attività di trattamento previsto dall'art. 30 del regolamento UE 679/2016. Obbligo di tenuta con data certa confermato per tutti i datori di lavoro che effettuano trattamenti ex art. 9 del […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF