Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 129/2018 del 09/10/2018

Con il provvedimento del capo del Dipartimento per l'informazione e l'editoria del 31 luglio scorso si è dato il via alle domande per ottenere il credito di imposta su investimenti pubblicitari incrementali.

 

L’articolo 57-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n° 50, convertito con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, n° 96, e modificato dall'articolo 4 del decreto-legge 16 ottobre 2017, n°148, convertito con modificazioni dalla legge 4 dicembre 2017, n°172 ha previsto un’importante agevolazione di natura fiscale, nella forma di un credito di imposta. La norma, infatti, ha istituito un credito d’imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali (con incremento minimo dell’1% rispetto agli analoghi investimenti dell’anno precedente) effettuati dalle imprese, dai lavoratori autonomi e dagli enti non commerciali, sulla stampa (giornali quotidiani e periodici, locali e nazionali) e sulle emittenti radio-televisive a diffusione locale, nella misura del 75 per cento del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90 per cento nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start up innovative.
Successivamente, il decreto regolamentare, D.P.C.M. 16 maggio 2018, n° 90, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 170 del 24 luglio 2018, ha stabilito le modalità e i criteri di attuazione della disposizione normativa, con particolare riguardo agli investimenti che danno accesso al beneficio, ai casi di esclusione, alle procedure di concessione e di utilizzo del beneficio, alla documentazione richiesta, all'effettuazione dei controlli e alle modalità finalizzate ad assicurare il rispetto del limite di spesa.
In data 31 luglio 2018 è stato adottato il provvedimento del Capo del Dipartimento per l'informazione e l'editoria, previsto dall'articolo 5, comma 1, del D.P.C.M. 16 maggio 2018, n°90, con il quale è approvato il modello di comunicazione telematica e sono definite le modalità per la presentazione della comunicazione sull'apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, ai fini della fruizione del credito di imposta.
In particolare, sono ammissibili al credito d’imposta gli investimenti riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, anche on-line, ovvero nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali. In sede di prima attuazione, il beneficio è applicabile anche agli investimenti effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017 sempre con la stessa soglia incrementale riferita all’anno precedente. In ogni caso, gli investimenti pubblicitari devono essere effettuati su giornali ed emittenti editi da imprese titolari di testata giornalistica iscritta presso il competente Tribunale, ai sensi dell’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n°47, ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione di cui all’articolo 1, comma 6, lettera a), numero 5, della legge 31 luglio 1997, n° 249, e dotate in ogni caso della figura del direttore responsabile.
Sono escluse dal credito d’imposta le spese sostenute per l’acquisto di spazi destinati a servizi particolari; ad esempio: televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, di messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovraprezzo. Le spese per l’acquisto di pubblicità sono ammissibili al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connesso.
I soggetti interessati presentano la domanda di fruizione del beneficio, usufruendo di una “finestra temporale” di trenta giorni, nella forma di una comunicazione telematica (una “prenotazione”) su apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, secondo il modello che ha definito la medesima Agenzia. Per l’anno in corso, la finestra per la prenotazione si apre, per trenta giorni, a decorrere dal sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale ovvero dal 22 settembre al 22 Ottobre 2018.
La comunicazione dovrà contenere:

  • i dati identificativi dell’azienda (o del lavoratore autonomo);
  • il costo complessivo degli investimenti pubblicitari effettuati, o da effettuare, nel corso dell’anno; ove gli investimenti riguardino sia la stampa che le emittenti radio-televisive, i costi andranno esposti distintamente per le due tipologie di media;
  • il costo complessivo degli investimenti effettuati sugli analoghi media nell’anno precedente; (per “media analoghi” si intendono la stampa, da una parte, e le emittenti radio-televisive dall’altra; non il singolo giornale o la singola emittente);
  • l’indicazione dell’incremento degli investimenti su ognuno dei due media, in percentuale ed in valore assoluto;
  • l’ammontare del credito d’imposta richiesto per ognuno dei due media;
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio, redatta ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n° 445, concernente il possesso del requisito consistente nell’assenza delle condizioni ostative ed interdittive previste dalle disposizioni antimafia ai fini della fruizione di contributi e finanziamenti pubblici.

Entro i successivi trenta giorni dalla chiusura del termine per effettuare le prenotazioni il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri forma un elenco dei soggetti richiedenti il credito di imposta con l’indicazione dell’eventuale percentuale provvisoria di riparto in caso di insufficienza delle risorse e l’importo teoricamente fruibile da ciascun soggetto dopo la realizzazione dell’investimento incrementale. L’ammontare del credito effettivamente fruibile dopo l’accertamento in ordine agli investimenti effettuati è disposto con provvedimento del Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri, pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento. La determinazione del credito effettivamente fruibile in compensazione da ciascun richiedente è effettuata sulla base dei dati relativi agli investimenti effettivamente realizzati, che dovranno essere trasmessi dai richiedenti con le stesse modalità informatiche usate per la prenotazione.
Il modello e le relative istruzioni sono reperibili sul sito internet del Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri: www.informazioneeditoria.gov.it e sul sito internet dell'Agenzia delle entrate: www.agenziaentrate.it.

Ad maiora

 IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/PDN

N° 11/2019 del 24/01/2019

L’Inps, con il messaggio n° 4844 del 28 dicembre scorso, ha precisato che il documento unico di regolarità contributiva è rilasciato ai contribuenti che hanno presentato dichiarazione di adesione alla definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione – rottamazione ter.   Con il Messaggio n°4844 del 28 dicembre 2018, l'Inps chiarisce alcuni aspetti […]

Leggi di più

N° 10/2019 del 23/01/2019

Chiusura a saldo e stralcio, pronto il modello che attua la disposizione di cui al comma 184 della legge di bilancio 2019. L’Agenzia delle Entrate – Riscossione ha pubblicato sul proprio sito internet il modello per presentare la domanda di adesione al cosiddetto “Saldo e stralcio” ovvero l’istituto contenuto nella Legge di Bilancio 2019 (Legge […]

Leggi di più

N° 09/2019 del 22/01/2019

Le novità e i nuovi requisiti per il Regime Forfetario 2019 modificato dalla Legge di bilancio 2019 n° 145 del 30 dicembre 2018.   La Legge di bilancio 2019 (id: L.145 del 30/12/2018) ha profondamente modificato il regime forfetario istituito dall’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190, con molte novità anche e soprattutto […]

Leggi di più

N° 08/2019 del 18/01/2019

L’Inps, con il messaggio n. 15 del 3 gennaio 2019, ha reso noto che entro il 28 febbraio 2019 i contribuenti fuoriusciti dal regime forfettario, o per opzione al regime ordinario o per perdita dei requisiti di cui per legge, devono presentare domanda di rinuncia al regime contributivo agevolato.   Come noto, il comma 77 […]

Leggi di più

N° 07/2019 del 17/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018, ha illustrato le regole per l’emissione della Fattura Accompagnatoria dopo il nuovo obbligo della fattura elettronica   La Fattura Accompagnatoria viene utilizzata per le cessioni di beni e contiene non solo le informazioni tipiche che deve recare obbligatoriamente una fattura elencate dall’art. 21 […]

Leggi di più

N° 06/2019 del 16/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta fornita all’interpello n. 107 del 13 dicembre 2018, ha fornito una serie di chiarimenti relativamente alle S.T.P. chiarendo che la trasformazione di uno studio associato in società tra professionisti non è un’operazione fiscalmente neutrale ma è equiparabile ai fini fiscali ad un conferimento che genera pertanto plusvalenza.   Ancora […]

Leggi di più

N° 05/2019 del 15/01/2019

L’Inps, con il messaggio n° 4843 del 28 dicembre scorso, ha reso noto che è stata istituita la nuova “app” per la consultazione delle domande Naspi.   L’applicazione per tablet e smartphone denominata “INPS mobile” si arricchisce di una nuova funzionalità che consente di monitorare lo stato di avanzamento delle domande di NASpI. Il nostro […]

Leggi di più

N° 04/2019 del 11/01/2019

L'Inps, con il messaggio n. 4811 del 21 dicembre scorso, comunica l'estensione del servizio estratto conto integrato ad ogni lavoratore per il quale risulti accreditato almeno un contributo in una o più gestioni o enti previdenziali.   Il servizio "Estratto Conto Integrato" (E.C.I.) istituito presso l'Inps e volto alla gestione dell'anagrafe generale delle posizioni assicurative […]

Leggi di più

N° 03/2019 del 10/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta  all’interpello n. 92 del 4 dicembre 2018, ha fornito chiarimenti in merito alla dichiarazione di successione rettificativa, chiarendo che il contribuente può procedere alla rettifica dell’errore materiale contenuto nella dichiarazione di successione che non incide nella determinazione della base imponibile, versando, per le formalità di trascrizione, le imposte catastale e […]

Leggi di più

N° 02/2019 del 09/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con le FAQ pubblicate il 28 novembre 2018, ha fornito chiarimenti sulle regole di conservazione delle fatture elettroniche d’acquisto ricevute dai titolari di partita IVA in regime dei minimi e forfettari.   L’Agenzia delle Entrate, con le FAQ (id: Frequently Asked Questions) del 28/11/2018, ha fornito diversi ulteriori chiarimenti in tema di […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF