Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 130/2018 del 10/10/2018

L’Agenzia delle Entrate, con Provvedimento n° 195385 del 28 agosto 2018, ha definito i criteri e le modalità per la sospensione dell’esecuzione delle deleghe di pagamento (Mod. F24) che, a partire dal 29 ottobre 2018, presentano compensazioni con crediti incerti o a rischio.

 

Come noto, il comma 49-ter dell’articolo 37 del decreto-legge n. 223/2006, introdotto dall’articolo 1, comma 990, della legge n. 205 del 27 dicembre 2017 (legge di bilancio 2018), allo scopo di contrastare il fenomeno delle indebite compensazioni di crediti d’imposta, prevede che l'Agenzia delle entrate può sospendere, fino a trenta giorni, l'esecuzione delle deleghe di pagamento (modello F24), contenenti compensazioni che presentano profili di rischio.
Se all'esito del controllo automatizzato il credito risulta correttamente utilizzato, ovvero decorsi trenta giorni dalla data di presentazione della delega di pagamento, la delega è eseguita e le compensazioni e i versamenti in essa contenuti sono considerati effettuati alla data indicata nel file inviato; diversamente la delega di pagamento non è eseguita e i versamenti e le compensazioni si considerano non effettuati.
Orbene ciò premesso, con il provvedimento in esame sono individuati i criteri di rischio per selezionare, in via automatizzata, i modelli F24 da sottoporre alla verifica delle strutture territorialmente competenti dell’Agenzia delle Entrate e viene definita la procedura per sospenderne l’esecuzione, ai fini del controllo dell'utilizzo del credito.
Questa nuova procedura si applicherà a decorrere dal 29 ottobre 2018.
Ma vediamo nel dettaglio le indicazioni operative impartite dall’Agenzia delle Entrate alle proprie sedi periferiche.

CRITERI DA UTILIZZARE PER LA SELEZIONE DELLE DELEGHE A RISCHIO
L’Agenzia delle Entrate individua i seguenti criteri da utilizzare per la selezione delle deleghe a rischio. Nel dettaglio le deleghe dovranno essere selezionate in base:

  • alla tipologia dei debiti pagati;
  • alla tipologia dei crediti compensati;
  • alla coerenza dei dati indicati nell’F24;
  • ai dati presenti in Anagrafe tributaria (o resi disponibili da altri enti pubblici) relativi ai soggetti indicati nell’F24;
  • ad analoghe compensazioni effettuate in precedenza dai soggetti indicati nell’F24;
  • al pagamento di debiti iscritti a ruolo, di cui all’articolo 31 (“Preclusione alla autocompensazione in presenza di debito su ruoli definitivi”), comma 1, Dl 78/2010. Per quanto riguarda in particolare quest’ultimo punto, viene stabilito che, dal 29 ottobre 2018 (data di decorrenza delle disposizioni contenute nel provvedimento), i relativi modelli F24 dovranno essere presentati esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto della delega di pagamento.

PROCEDURA DI SOSPENSIONE
L’Agenzia delle Entrate, in merito alla sospensione delle delega di pagamento, chiarisce che il contribuente riceverà apposita comunicazione dove verrà indicata anche la data di fine del periodo di sospensione, che non può essere maggiore di trenta giorni rispetto alla data di invio del modello F24.

!!! Attenzione !!!

La suddetta sospensione riguarderà l’intero contenuto della delega di pagamento, vale a dire tutti gli importi riportati nelle varie sezioni di cui si compone il modello F24, quindi anche importi non tributari.
Durante il periodo di operatività della sospensione:

  • l’eventuale saldo positivo dell’F24 non viene addebitato;
  • la delega di pagamento può essere annullata secondo le ordinarie procedure telematiche;
  • il contribuente può inviare le informazioni ritenute necessarie per sbloccare la delega sospesa.

ESITO DELLE VERIFICHE
La verifica sul modello F24 contenente compensazioni potrà concludersi con esito positivo o negativo, con diverse conseguenze come di seguito si chiarisce.
Credito non correttamente utilizzato
Se in esito alle verifiche effettuate, l’Agenzia delle Entrate rileva che il credito non è stato correttamente utilizzato, comunica lo scarto del modello F24 al soggetto che ha inviato il file telematico, tramite apposita ricevuta, indicandone anche la relativa motivazione. Tutti i pagamenti e le compensazioni contenuti nel modello F24 scartato si considerano non eseguiti.
Credito correttamente utilizzato
Se il credito risulta correttamente utilizzato, la delega di pagamento si considera effettuata nella data indicata nel file telematico inviato e:

  • in caso di modello F24 a saldo zero, con apposita ricevuta, l’Agenzia delle Entrate comunica al soggetto che ha trasmesso il file telematico l’avvenuto perfezionamento della delega di pagamento;
  • se il modello F24 presenta saldo positivo, l’Agenzia delle Entrate invia la richiesta di addebito sul conto indicato nel file telematico, informando il soggetto che ha trasmesso il file.

!!! Attenzione !!!

In assenza di comunicazione di scarto del modello F24, nel termine di 30 giorni dall’invio, l’operazione si considera effettuata nella data indicata nel file telematico inviato.

COMUNICAZIONI DA PARTE DEL CONTRIBUENTE
Durante il periodo di sospensione e prima che siano intervenuti lo scarto o lo sblocco della delega di pagamento, il contribuente può inviare all’Agenzia delle Entrate gli elementi informativi ritenuti necessari per la finalizzazione della delega sospesa. Tali elementi sono utilizzati dall’Agenzia delle Entrate ai fini del controllo dell’utilizzo del credito compensato.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/GC

N° 11/2019 del 24/01/2019

L’Inps, con il messaggio n° 4844 del 28 dicembre scorso, ha precisato che il documento unico di regolarità contributiva è rilasciato ai contribuenti che hanno presentato dichiarazione di adesione alla definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione – rottamazione ter.   Con il Messaggio n°4844 del 28 dicembre 2018, l'Inps chiarisce alcuni aspetti […]

Leggi di più

N° 10/2019 del 23/01/2019

Chiusura a saldo e stralcio, pronto il modello che attua la disposizione di cui al comma 184 della legge di bilancio 2019. L’Agenzia delle Entrate – Riscossione ha pubblicato sul proprio sito internet il modello per presentare la domanda di adesione al cosiddetto “Saldo e stralcio” ovvero l’istituto contenuto nella Legge di Bilancio 2019 (Legge […]

Leggi di più

N° 09/2019 del 22/01/2019

Le novità e i nuovi requisiti per il Regime Forfetario 2019 modificato dalla Legge di bilancio 2019 n° 145 del 30 dicembre 2018.   La Legge di bilancio 2019 (id: L.145 del 30/12/2018) ha profondamente modificato il regime forfetario istituito dall’articolo 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190, con molte novità anche e soprattutto […]

Leggi di più

N° 08/2019 del 18/01/2019

L’Inps, con il messaggio n. 15 del 3 gennaio 2019, ha reso noto che entro il 28 febbraio 2019 i contribuenti fuoriusciti dal regime forfettario, o per opzione al regime ordinario o per perdita dei requisiti di cui per legge, devono presentare domanda di rinuncia al regime contributivo agevolato.   Come noto, il comma 77 […]

Leggi di più

N° 07/2019 del 17/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018, ha illustrato le regole per l’emissione della Fattura Accompagnatoria dopo il nuovo obbligo della fattura elettronica   La Fattura Accompagnatoria viene utilizzata per le cessioni di beni e contiene non solo le informazioni tipiche che deve recare obbligatoriamente una fattura elencate dall’art. 21 […]

Leggi di più

N° 06/2019 del 16/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta fornita all’interpello n. 107 del 13 dicembre 2018, ha fornito una serie di chiarimenti relativamente alle S.T.P. chiarendo che la trasformazione di uno studio associato in società tra professionisti non è un’operazione fiscalmente neutrale ma è equiparabile ai fini fiscali ad un conferimento che genera pertanto plusvalenza.   Ancora […]

Leggi di più

N° 05/2019 del 15/01/2019

L’Inps, con il messaggio n° 4843 del 28 dicembre scorso, ha reso noto che è stata istituita la nuova “app” per la consultazione delle domande Naspi.   L’applicazione per tablet e smartphone denominata “INPS mobile” si arricchisce di una nuova funzionalità che consente di monitorare lo stato di avanzamento delle domande di NASpI. Il nostro […]

Leggi di più

N° 04/2019 del 11/01/2019

L'Inps, con il messaggio n. 4811 del 21 dicembre scorso, comunica l'estensione del servizio estratto conto integrato ad ogni lavoratore per il quale risulti accreditato almeno un contributo in una o più gestioni o enti previdenziali.   Il servizio "Estratto Conto Integrato" (E.C.I.) istituito presso l'Inps e volto alla gestione dell'anagrafe generale delle posizioni assicurative […]

Leggi di più

N° 03/2019 del 10/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta  all’interpello n. 92 del 4 dicembre 2018, ha fornito chiarimenti in merito alla dichiarazione di successione rettificativa, chiarendo che il contribuente può procedere alla rettifica dell’errore materiale contenuto nella dichiarazione di successione che non incide nella determinazione della base imponibile, versando, per le formalità di trascrizione, le imposte catastale e […]

Leggi di più

N° 02/2019 del 09/01/2019

L’Agenzia delle Entrate, con le FAQ pubblicate il 28 novembre 2018, ha fornito chiarimenti sulle regole di conservazione delle fatture elettroniche d’acquisto ricevute dai titolari di partita IVA in regime dei minimi e forfettari.   L’Agenzia delle Entrate, con le FAQ (id: Frequently Asked Questions) del 28/11/2018, ha fornito diversi ulteriori chiarimenti in tema di […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF