Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 150/2019 del 29/10/2019

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con la circolare esplicativa n. 131411/RU del 20 settembre 2019, ha fornito i primi chiarimenti in merito alla reintroduzione dell’obbligo di effettuare la denuncia fiscale per la vendita e somministrazione di alcolici a carico degli esercizi pubblici, di quelli di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini (ex licenza UTIF), obbligo che era stato soppresso dalla legge per il mercato e la concorrenza n. 124 del 2017 in un'ottica di semplificazione.

 

Come noto, in sede di conversione del c.d. D.L. “Crescita” n. 34/2019 (legge n. 58 del 28 giugno 2019) è stato introdotto l’art. 13-bis che modifica l’articolo 29 del Testo Unico Accise – TUA (D.Lgs. n. 504 del 1995), il quale ha reintrodotto, con decorrenza 30 giugno 2019, l’obbligo di denuncia fiscale per gli esercizi di vendita di prodotti alcolici, ripristinando l’originario campo di applicazione dell’articolo 29, comma 2, D.Lgs. n. 504/1995, oggetto di parziale abrogazione ad opera dell’articolo 1, comma 178, L. 124/2017.

In particolare, la suddetta disposizione normativa aveva previsto l’esclusione dall’obbligo di denuncia di attivazione e dalla correlata licenza rilasciata dall’Ufficio delle dogane (ex licenza UTIF) dei seguenti esercizi:

  • degli esercizi pubblici;
  • degli esercizi di intrattenimento pubblico;
  • degli esercizi ricettivi;
  • dei rifugi alpini.

La reintroduzione dell’obbligo di denuncia fiscale per gli esercizi di vendita di prodotti alcolici non ha mancato di suscitare dubbi tra gli operatori del settore, da qui i tanto attesi chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che con la circolare n. 131411/RU del 20 settembre 2019 ha finalmente dissipato i molto dubbi legati all’applicazione della novella normativa di cui all’art. 13 bis del c.d. Decreto Crescita.

CHIARIMENTI AGENZIA DELLE DOGANE DEI MONOPOLI

Con la Direttiva in commento, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha chiarito che:

  • sono sottoposti all’obbligo di denuncia anche gli operatori che hanno avviato l’attività in data successiva al 29 agosto 2017 e precedente al 29 giugno 2019 (vale a dire l’intervallo di tempo di vigenza della norma che aveva escluso l’obbligo). Per tali soggetti l’Agenzia ha previsto la possibilità di poter consolidare la loro posizione entro il 31 dicembre 2019, presentando all’Ufficio delle Dogane territorialmente competente la denuncia di avvenuta attivazione di esercizio di vendita, comprensiva di marca da bollo. L’Agenzia ha predisposto per il caso di specie un modello di denuncia di avvenuta attivazione rinvenibile sul sito web della stessa, al seguente indirizzo:
  • https://www.adm.gov.it/portale/documents/20182/3668456/modello+denunciadi+avvenuta+attivazione+esercizio+vendita+alcolici.pdf/010d1ae4-a2d2-4964-ae66-f13235b3ddd0
  • allo stesso modo dovranno procedere anche gli operatori che avevano effettuato la comunicazione preventiva al SUAP in data anteriore al 29 agosto 2017 senza completare il procedimento tributario di rilascio della licenza, a causa dell’intervenuta soppressione dell’obbligo di denuncia;
  • diversamente, gli operatori del settore che, avendo avviato l’attività in data precedente al 29 agosto 2017, siano già in possesso della licenza fiscale, non sono tenuti ad alcun ulteriore adempimento, in forza della piena efficacia della licenza in precedenza rilasciata. Se però sono intervenute variazioni nella titolarità dell’esercizio di vendita, l’attuale gestore dovrà darne comunicazione all’Ufficio delle Dogane competente, al fine di procedere all’aggiornamento della licenza di esercizio. In caso di smarrimento o distruzione della licenza fiscale a suo tempo rilasciata, occorrerà chiederne un duplicato al medesimo Ufficio;
  • per gli operatori che abbiano avviato l’attività a partire dal 30 giugno 2019, l’Agenzia delle Dogane, inoltre, ricorda che la tabella A allegata al D.Lgs. n. 222/2016 dispone nella sottosezione 1.10 che la SCIA presentata al SUAP all’avvio della vendita al minuto o della somministrazione di alcolici vale quale denuncia ai sensi del D.Lgs. n. 504/1995 all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Pertanto, per le attività avviate a far data dal 30 giugno 2019, la disposizione di cui sopra produce l’assorbimento della denuncia di attivazione ex art.29, comma 2 del D.Lgs n. 504/95 da parte della SCIA presentata al SUAP, il quale è tenuto alla trasmissione della stessa all’Ufficio delle Dogane. In definitiva, chiarisce l’Agenzia “qualora l’interessato si avvalga del modulo procedimentale incardinato presso l’autorità comunale non occorre presentare la denuncia a questa Agenzia, sempreché la suddetta comunicazione sia stata trasmessa all’Ufficio delle dogane territorialmente competente”;
  • le attività di vendita di bevande alcoliche che avvengono nel corso di eventi a carattere temporaneo di breve durata (sagre, fiere, mostre, ecc.) non debbano essere soggette all’obbligo di denuncia fiscale. Ciò in quanto, la finalità della reintroduzione dell’obbligo di dotarsi di licenza di vendita per prodotti alcolici risiederebbe nella necessità di garantire all’Amministrazione finanziaria la possibilità di presidiare la filiera distributiva dei prodotti alcolici; e per questa ragione, l’obbligo in questione ricadrà solo sugli esercizi che abbiano sede fissa od operino in forma permanente o comunque stagionale.

Ad maiora

IL PRESIDENTE    
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FC/GC

N° 107/2020 del 10/07/2020

L’INL, con la nota n° 260 del 18 giugno scorso, fornisce chiarimenti sui criteri di calcolo delle sanzioni applicabili per violazione dei tempi di guida e riposo nel settore dell’autotrasporto.   L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con nota n. 260 del 18 giugno 2020, su richiesta della ITL di Bergamo, ha espresso il suo parere in […]

Leggi di più

N° 106/2020 del 09/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 159 del 29 maggio scorso, ha precisato, in tema di benefici fiscali per le cessioni di veicoli adattati ai disabili, che lo stato di handicap grave può essere validamente attestato dal certificato rilasciato dalla commissione medica pubblica preposta all'accertamento della invalidità'.     Con la risposta ad Interpello del […]

Leggi di più

N° 105/2020 del 08/07/2020

L’INPS, con la Circolare n. 77 del 27 giugno 2020, ha fornito istruzioni per l’assunzione agevolata di lavoratori in CIGS che hanno chiesto l’assegno di ricollocazione.   L'INPS, con la Circolare n. 77/2020, ha fornito le istruzioni operative necessarie per consentire ai datori di lavoro di fruire dello sgravio contributivo nel caso in cui assumano […]

Leggi di più

N° 104/2020 del 07/07/2020

Pubblicato sulla G.U. n. 162 del 29 giugno 2020 il D.P.C.M. 27 giugno 2020 che fa slittare al prossimo 20 luglio i versamenti fiscali dei contribuenti soggetti agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa), in scadenza al 30 giugno. Rinviato, di conseguenza, al prossimo 20 agosto anche il termine dei pagamenti con maggiorazione dello 0,40% […]

Leggi di più

N° 103/2020 del 03/07/2020

L’INL, con nota n. 298 del 24 giugno scorso, ha chiarito che il divieto di licenziamento, di cui all’art. 46 del decreto “Cura Italia”, si applica anche all’inidoneità sopravvenuta alla mansione. Come noto, il decreto “Cura Italia”, DL 18/2020 – convertito dalla L. 27/2020 -, ha disposto il divieto dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo […]

Leggi di più

N° 102/2020 del 02/07/2020

L’INPS, con il Messaggio n. 2510 del 18 giugno scorso, ha fornito precisazioni sulla proroga della validità del Durc la cui scadenza rientrava nel periodo dal 31 gennaio al 15 aprile 2020.   Il Decreto Rilancio ha chiarito che i Documenti Unici di Regolarità Contributiva (DURC) restano esclusi dagli atti per i quali il Decreto […]

Leggi di più

N° 101/2020 del 01/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento prot. n. 0230439/2020 del 10 giugno 2020, ha finalmente pubblicato le tanto attese istruzioni per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 25 del D.L. rilancio.   Come noto, l’articolo 25, D.L. n. 34/2020, ha previsto, al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica Covid-19, il riconoscimento di […]

Leggi di più

N° 100/2020 del 30/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 16/E del 16 giugno scorso, fornisce chiarimenti in ordine all'applicazione per il periodo di imposta 2019 degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) specificando che i soggetti per i quali operi una causa di esclusione non possono accedere ai benefici premiali previsti.   Con la Circolare n° 16/E […]

Leggi di più

N° 99/2020 del 26/06/2020

Il Decreto Rilancio, D.L. 34/2020, all’art. 186, ha modificato e ampliato il credito di imposta al 50% degli investimenti pubblicitari effettuati nell'anno 2020.   Con L'art. 98 del D.L. 18/2020 (Id: Cura Italia) convertito in Legge n°27/2020,  nell’introdurre il comma 1-ter nell'art. 57-bis del D.L. 50/2017, convertito in Legge n°96/2017, ha operato un primo rafforzamento […]

Leggi di più

N° 98/2020 del 25/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 148 del 26 maggio scorso, ha precisato che i contributi Inps versati da un soggetto non residente non sono deducibili se i redditi prodotti in Italia non risultano pari o superiori al 75% del reddito complessivamente prodotto.   Con la risposta ad Interpello del 26 maggio 2020 n°148, l'Agenzia […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF