Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 153/2019 del 05/11/2019

L'Inps, con il messaggio n° 3604 del 4 ottobre 2019, ha fornito utili chiarimenti in relazione all'accertamento del diritto a maggiorazione di importo dell'assegno per il nucleo familiare in caso di presenza di componenti minori inabili.

 

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con il Messaggio n°3604 del 4 ottobre 2019, fornisce utili chiarimenti in merito all'accertamento dell’inabilità, prevista dalla normativa in materia di assegno per il nucleo familiare (ANF), in favore dei soggetti minorenni componenti il nucleo familiare del richiedente la prestazione.

In particolare, in merito alla procedura per l'accertamento amministrativo per maggiorazione importi ANF, l'Istituto precisa che la legge n°153/1988 nel disporre che l’assegno compete in misura differenziata in rapporto al numero dei componenti ed al reddito del nucleo familiare secondo specifiche tabelle, precisa che i livelli di reddito di tali tabelle sono aumentati per i nuclei familiari che "comprendono soggetti che si trovino, a causa di infermità o difetto fisico o mentale, nell’assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro, ovvero, se minorenni, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età". Tale ultima condizione va interpretata come quella di un minore con alto grado di disfunzione paragonabile alla condizione utile per fruire dell’assegno di accompagnamento dato ai non deambulanti.

L'ipotesi sopra descritta, in altro ambito assistenziale, è definita come "indennità di frequenza", consistente in una prestazione economica, erogata a domanda, finalizzata all’inserimento scolastico e sociale dei minori con disabilità fino al compimento della maggiore età. In tale riconoscimento, specifica il documento di prassi in commento, vi si ricomprendono situazioni di diversificata gravità, anche in considerazione del fatto che il previsto aiuto economico è di per sé modulato, risultando a volte limitato a tempistiche, anche di solo poche settimane.

Per i motivi sopra esplicitati, non è possibile procedere ad una mera traslazione della richiamata definizione da un ambito di tutela all’altro (indennità di frequenza ≠ maggiorazione ANF), essendo necessario mantenere il requisito medico legale ancorato ad una condizione disfunzionale di certa e severa gravità.

Conseguentemente, ai fini del riconoscimento della maggiorazione di importo degli ANF, possono essere presi in considerazione anche soggetti fruitori dell’indennità di frequenza, ma essendo il complesso menomativo del minore titolare dell’indennità di frequenza dispiegato in un ampio ventaglio di situazioni sottese, è necessario richiedere parere endoprocedimentale all’Ufficio medico legale di Sede per una disamina della fattispecie.

Il compito di verifica è di gran lunga semplificato, spiega il messaggio, essendo attribuito all’INPS l’accertamento definitivo in tema di invalidità civile, consentendo la costituzione di appositi database integrati dell’invalidità civile, dove il medico ha la possibilità di visualizzare ogni opportuno dettaglio.

In tal caso, la UOC/UOST (Unità Operativa Complessa) dovrà esprimersi sulla presenza o meno di una invalidità medio-grave/grave e solo in caso affermativo si potrà procedere agli ulteriori adempimenti.

Pertanto, laddove il minore sia stato valutato e storicizzato presso l’Istituto, non è più necessario subordinare la procedibilità dell’istanza di ANF all’autorizzazione.

Ad maiora

IL PRESIDENTE 
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/PDN

N° 107/2020 del 10/07/2020

L’INL, con la nota n° 260 del 18 giugno scorso, fornisce chiarimenti sui criteri di calcolo delle sanzioni applicabili per violazione dei tempi di guida e riposo nel settore dell’autotrasporto.   L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con nota n. 260 del 18 giugno 2020, su richiesta della ITL di Bergamo, ha espresso il suo parere in […]

Leggi di più

N° 106/2020 del 09/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 159 del 29 maggio scorso, ha precisato, in tema di benefici fiscali per le cessioni di veicoli adattati ai disabili, che lo stato di handicap grave può essere validamente attestato dal certificato rilasciato dalla commissione medica pubblica preposta all'accertamento della invalidità'.     Con la risposta ad Interpello del […]

Leggi di più

N° 105/2020 del 08/07/2020

L’INPS, con la Circolare n. 77 del 27 giugno 2020, ha fornito istruzioni per l’assunzione agevolata di lavoratori in CIGS che hanno chiesto l’assegno di ricollocazione.   L'INPS, con la Circolare n. 77/2020, ha fornito le istruzioni operative necessarie per consentire ai datori di lavoro di fruire dello sgravio contributivo nel caso in cui assumano […]

Leggi di più

N° 104/2020 del 07/07/2020

Pubblicato sulla G.U. n. 162 del 29 giugno 2020 il D.P.C.M. 27 giugno 2020 che fa slittare al prossimo 20 luglio i versamenti fiscali dei contribuenti soggetti agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa), in scadenza al 30 giugno. Rinviato, di conseguenza, al prossimo 20 agosto anche il termine dei pagamenti con maggiorazione dello 0,40% […]

Leggi di più

N° 103/2020 del 03/07/2020

L’INL, con nota n. 298 del 24 giugno scorso, ha chiarito che il divieto di licenziamento, di cui all’art. 46 del decreto “Cura Italia”, si applica anche all’inidoneità sopravvenuta alla mansione. Come noto, il decreto “Cura Italia”, DL 18/2020 – convertito dalla L. 27/2020 -, ha disposto il divieto dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo […]

Leggi di più

N° 102/2020 del 02/07/2020

L’INPS, con il Messaggio n. 2510 del 18 giugno scorso, ha fornito precisazioni sulla proroga della validità del Durc la cui scadenza rientrava nel periodo dal 31 gennaio al 15 aprile 2020.   Il Decreto Rilancio ha chiarito che i Documenti Unici di Regolarità Contributiva (DURC) restano esclusi dagli atti per i quali il Decreto […]

Leggi di più

N° 101/2020 del 01/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento prot. n. 0230439/2020 del 10 giugno 2020, ha finalmente pubblicato le tanto attese istruzioni per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 25 del D.L. rilancio.   Come noto, l’articolo 25, D.L. n. 34/2020, ha previsto, al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica Covid-19, il riconoscimento di […]

Leggi di più

N° 100/2020 del 30/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 16/E del 16 giugno scorso, fornisce chiarimenti in ordine all'applicazione per il periodo di imposta 2019 degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) specificando che i soggetti per i quali operi una causa di esclusione non possono accedere ai benefici premiali previsti.   Con la Circolare n° 16/E […]

Leggi di più

N° 99/2020 del 26/06/2020

Il Decreto Rilancio, D.L. 34/2020, all’art. 186, ha modificato e ampliato il credito di imposta al 50% degli investimenti pubblicitari effettuati nell'anno 2020.   Con L'art. 98 del D.L. 18/2020 (Id: Cura Italia) convertito in Legge n°27/2020,  nell’introdurre il comma 1-ter nell'art. 57-bis del D.L. 50/2017, convertito in Legge n°96/2017, ha operato un primo rafforzamento […]

Leggi di più

N° 98/2020 del 25/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 148 del 26 maggio scorso, ha precisato che i contributi Inps versati da un soggetto non residente non sono deducibili se i redditi prodotti in Italia non risultano pari o superiori al 75% del reddito complessivamente prodotto.   Con la risposta ad Interpello del 26 maggio 2020 n°148, l'Agenzia […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF