Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 155/2019 del 07/11/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta ad Interpello n. 400 del 9 ottobre 2019, ha precisato che i contributi previdenziali dedotti da un contribuente forfettario e successivamente compensati dallo stesso nel Mod. F24, vanno tassati con le regole del regime agevolato. In pratica, il credito maturato non va inserito nel quadro RM  ma va rettificato e recuperato a tassazione nel periodo d’imposta in cui è stata effettuata la compensazione, indicandolo con il segno meno, nel rigo LM35.

 

Nel caso di utilizzo in compensazione dell’eccedenza Inps maturata nell’anno precedente, i forfettari recuperano a tassazione tale importo indicandolo nel quadro LM: questa è l’importante chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate tramite la risposta all’istanza di interpello n. 400 del 09 ottobre 2019.

Come noto, quando il reddito d’impresa o di lavoro autonomo del contribuente risulta inferiore a quello del periodo d’imposta precedente, il versamento dei contributi previdenziali in acconto (con il metodo storico) determinano una eccedenza di versamento rispetto a quanto effettivamente dovuto, ed il suddetto credito frequentemente viene utilizzato in compensazione tramite F24, per il versamento di altri tributi o contributi.

Orbene, le somme dei crediti INPS utilizzate in compensazione in F24 dovranno poi essere esposte nella sezione III del quadro RM della dichiarazione dei redditi dell’anno d’imposta in cui è avvenuta la compensazione, e precisamente nel rigo RM9 deputato ad accogliere il rimborso di imposte o di oneri dedotti dal reddito complessivo (barrando la casella 2 per optare per la tassazione ordinaria), equivalendo  l’utilizzo in compensazione di un credito previdenziale al rimborso dello stesso.

Pertanto, ad esempio, se nel corso del 2018 il contribuente ha utilizzato in compensazione un credito Inps relativo al 2017, per € 1.000, tale importo dovrà essere oggetto di tassazione tramite la compilazione del suddetto rigo RM9 nel modello Redditi PF 2019.

Ciò premesso, un contribuente in regime forfettario ha avanzato istanza di interpello all’Agenzia delle Entrate in merito alla possibilità di riportare un credito previdenziale compensato in F24 nel quadro LM.

QUESITO OGGETTO D’INTERPELLO

Il contribuente dichiara di avvalersi del c.d. regime forfettario di cui alla legge 190/2014 come modificata dall'articolo 1, commi da 9 a 11, della legge n. 145/2018 (in breve "Legge di bilancio 2019") e di avere maturato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta 2017 un credito, pari a 1.522,00 euro, derivante da contributi previdenziali versati all'INPS, utilizzato in compensazione con F24 nel corso dell'anno 2018. L'istante precisa che detto importo dovrebbe essere riportato nel quadro RM ed essere assoggettato a tassazione ordinaria.

Purtuttavia, trattandosi di un importo portato in deduzione nell'ambito del c.d. regime forfettario, con tassazione agevolata, ritiene non corretta la tassazione ordinaria. Infatti, ad avviso dell'istante l'onere detratto (più correttamente dedotto) e successivamente rimborsato (attraverso l'utilizzo in compensazione del credito Inps) dovrebbe essere assoggettato a tassazione applicando le disposizioni previste dal c.d. regime forfettario.

L'istante ritiene che la somma prima portata in detrazione (più correttamente deduzione) e poi compensata deve essere riportata a tassazione secondo il medesimo regime in cui è avvenuta la detrazione (deduzione), ossia il regime forfetario.

Pertanto, il contribuente è dell'avviso di scomputare l'importo del credito INPS utilizzato in compensazione dai contributi previdenziali deducibili indicati nel rigo LM35 del modello Unico 2019 (periodo d'imposta 2018), in quanto aggiungerlo ai redditi del rigo LM22 ne comporterebbe l'assoggettamento ad ulteriore contribuzione INPS.

PARERE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

L’Agenzia delle Entrate nel fornire la propria risposta concorda pienamente con la soluzione prospettata dal contribuente.

In premessa, l’Agenzia delle Entrate ricorda che chi applica il regime forfettario determina "il reddito imponibile applicando all'ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti il coefficiente di redditività nella misura […] diversificata a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata”. Inoltre, “i contributi previdenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, compresi quelli corrisposti per conto dei collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico […] ovvero, se non fiscalmente a carico, qualora il titolare non abbia esercitato il diritto di rivalsa sui collaboratori stessi, si deducono dal reddito determinato ai sensi del presente comma […]".

Tanto premesso, con riferimento all'ipotesi in cui il contribuente ha versato e dedotto dal reddito d'impresa in regime forfettario, con riferimento al periodo d'imposta 2017, contributi previdenziali per una quota poi risultata superiore al dovuto, che ha originato un credito Inps utilizzato in compensazione nel 2018, l’Agenzia, nell’avallare la soluzione prospettata dal contribuentechiarisce che, ai soli fini della determinazione del reddito da assoggettare a imposta sostitutiva secondo il regime forfettario, il contributo previdenziale dedotto nel periodo d'imposta precedente e compensato in F24 deve essere rettificato e recuperato a tassazione nel periodo d'imposta successivo, indicandolo al rigo LM35 del quadro LM in diminuzione del totale dei contributi previdenziali da dedurre per l’anno d’imposta oggetto di dichiarazione.

Ad maiora

IL PRESIDENTE   
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/GC

N° 160/2019 del 14/11/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta all’interpello n. 389 del 24 settembre 2019, ha fornito chiarimenti in merito alla corretta indicazione della data fattura per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, effettuate in un mese accompagnate dai relativi DDT.   La data della fattura differita può coincidere con quella di emissione dell’ultimo DDT, […]

Leggi di più

N° 159/2019 del 13/11/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Interpello n. 427 del 25 ottobre 2019, ha fornito ulteriori chiarimenti sul principio secondo cui gli emolumenti in denaro e natura offerti dal datore costituiscono redditi imponibili.   Con la risposta a interpello del 25 ottobre 2019, n. 427, l’Agenzia delle Entrate ha confermato che sia gli emolumenti in […]

Leggi di più

N° 158/2019 del 12/11/2019

L’INPS, con messaggio n. 3854 del 24 ottobre 2019, fornisce nuove istruzioni operative per l’istanza di intervento del Fondo di garanzia.   Con messaggio n. 3854 del 24 ottobre 2019, l’INPS ha aggiornato le istruzioni operative relative alla documentazione da presentare in allegato all’istanza di intervento del Fondo di garanzia per il pagamento di crediti […]

Leggi di più

N° 157/2019 del 11/11/2019

Svanisce, senza alcuna formale comunicazione, la possibilità resa nota dal MEF, con comunicato n. 188 del 14 ottobre scorso, con cui si paventava una proroga al 16 marzo 2020 del versamento della rata di unico 2019 in scadenza il 16 novembre 2019 per imprese e professionisti soggetti agli ISA o in regime forfettario.   Con […]

Leggi di più

N° 156/2019 del 08/11/2019

L’Inps, con il messaggio n° 3835 del 23 ottobre scorso, ha precisato che il periodo di validità dell’ISEE corrente presentato dal 23 ottobre 2019 è esteso da due a sei mesi decorrenti dalla data di presentazione del modello sostitutivo.   L’Inps, con il messaggio n°3835 del 23 ottobre 2019, ricorda che il termine di validità […]

Leggi di più

N° 154/2019 del 06/11/2019

  L’Inps, con il messaggio n° 3606 del 4 ottobre scorso, ha precisato che il requisito contributivo necessario per l'accesso alla prestazione DIS-COLL è stato modificato ad opera del decreto legge 3 settembre 2019 n. 101 a partire dagli eventi di disoccupazione verificatisi dal 5 settembre 2019.   L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con il […]

Leggi di più

N° 153/2019 del 05/11/2019

L'Inps, con il messaggio n° 3604 del 4 ottobre 2019, ha fornito utili chiarimenti in relazione all'accertamento del diritto a maggiorazione di importo dell'assegno per il nucleo familiare in caso di presenza di componenti minori inabili.   L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con il Messaggio n°3604 del 4 ottobre 2019, fornisce utili chiarimenti in merito […]

Leggi di più

N° 152/2019 del 31/10/2019

Il MEF, con comunicato n. 188 del 14 ottobre scorso, ha annunciato la proroga al 16 marzo 2020 del versamento della rata di unico 2019 in scadenza il 16 novembre 2019.   Il Ministero dell’Economia e della Finanze, con il comunicato n.188 del 14/10/2019, ha prorogato al 16 marzo 2020 il pagamento della rata derivante […]

Leggi di più

N° 151/2019 del 30/10/2019

L’Agenzia delle Entrate – Riscossione ha pubblicato un comunicato stampa con il quale informa i cittadini del nuovo sistema di pagamento “PagoPa”, inserito nelle cartelle di pagamento e negli avvisi di addebito, che andrà a sostituire gradualmente i bollettini RAV.   PagoPA è una piattaforma che mette in collegamento cittadini, Pubbliche Amministrazione e Prestatori Servizi […]

Leggi di più

N° 150/2019 del 29/10/2019

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con la circolare esplicativa n. 131411/RU del 20 settembre 2019, ha fornito i primi chiarimenti in merito alla reintroduzione dell’obbligo di effettuare la denuncia fiscale per la vendita e somministrazione di alcolici a carico degli esercizi pubblici, di quelli di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF