Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 166/2020 del 19/11/2020

L’INL, con la circolare n. 7 del 30 ottobre 2020, fornisce chiarimenti in merito alle collaborazioni coordinate e continuative etero – organizzate

 

Con la circolare n. 7 del 30 ottobre 2020, l’INL ha fornito alcuni chiarimenti in ordine alle collaborazioni coordinate e continuative organizzate dal committente, in considerazione delle intervenute modifiche, con il D.L. n. 101/2019, convertito con Legge n. 128/2019, dell’art. 2 del D. Lgs. n. 81/2015.

Nel documento di prassi si ricorda che l’art. 2 del citato decreto delegato riconosce l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato a tutte le collaborazioni nelle quali siano rinvenibili la prevalente personalità della prestazione, la sua continuatività e l’esecuzione secondo modalità organizzate dal committente.

L’INL provvede dunque a declinare all’interno della circolare i tre caratteri citati:

  • prevalente personalità: riferita alle prestazioni svolte sia mediante l’utilizzo di strumentazione o mezzi nella disponibilità del collaboratore, sia con l’ausilio di altri soggetti. A riguardo viene precisato che la mera previsione di una “clausola di sostituzione” con la quale viene ammessa la sostituzione del prestatore con altra persona non è motivo di esclusione del requisito della personalità, purché resti prevalente la prestazione svolta dal collaboratore.
  • Continuità: riferita alle prestazioni ripetute in un determinato arco temporale, la cui esistenza può essere dedotta anche dal perdurare dell’interesse del committente.
  • Etero – organizzazione: riferita alle prestazioni nelle quali ci sia un’imposizione delle modalità di esecuzione da parte del committente, di tale precisione da comportare una sorta di inserimento del collaboratore nell’organizzazione dell’azienda.

Nella circolare l’INL riconosce un ruolo determinante alla contrattazione collettiva, infatti, pur avendo declinato con precisione i caratteri delle collaborazioni etero – organizzate, quest’ultima assume grande rilevanza in quanto ad essa viene demandata la possibilità di escludere l’estensione della disciplina del lavoro subordinato laddove contenga specifiche disposizioni relative ai collaboratori, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore.

In merito all’applicazione della disciplina del rapporto di lavoro subordinato, nel documento di prassi viene esplicitamente richiamata la sentenza della Corte di Cassazione n. 1663/2020, secondo la quale le collaborazioni etero – organizzate non si configurano come un “tertium genus” intermedio tra lavoro autonomo e subordinato, piuttosto l’intenzione del legislatore era tesa a valorizzare alcuni indici fattuali ritenuti sufficienti a giustificare l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato, con l’unico limite rappresentato dalle disposizioni “ontologicamente incompatibili con le fattispecie da regolare che per definizione non sono comprese nell’ambito dell’art. 2094 cod. civ.”.

Sulla base di queste premesse, nella circolare viene evidenziato che in tutte le circostanze nelle quali si ravvisino gli estremi per l’applicazione della disciplina del rapporto di lavoro subordinato, il rapporto di lavoro non verrà riqualificato, con eccezione delle situazioni in cui l’etero – organizzazione sconfini in una vera e propria etero – direzione, tuttavia, potranno verificarsi conseguenze sanzionatorie con riferimento alla mancata applicazione di particolari disposizioni a tutela del lavoratore subordinato, la cui violazione comporta l’applicazione di sanzioni, a titolo esemplificativo viene fatto riferimento ai limiti massimi dell’orario di lavoro, alle pause ed ai riposi.

All’interno della circolare vengono trattati anche i temi della salute e sicurezza e della tutela retributiva e contributiva dei collaboratori.

In merito alla prima questione, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro afferma che il D.Lgs. n. 81/2008 trova applicazione nei confronti di lavoratori subordinati, autonomi ed equiparati, ne consegue che la qualificazione giuridica del rapporto di lavoro non assume alcuna rilevanza per l’applicazione delle tutele prevenzionistiche. Ciò che diventa rilevante è la presenza del collaboratore in uno specifico contesto lavorativo. A parere dell’INL, infatti, laddove una collaborazione venga svolta presso la sede del committente la questione della natura giuridica della collaborazione non porrà alcuna differenza in termini di tutele per il collaboratore, giacché l’art. 3 comma 7, del D.Lgs. n. 81/2008 prevede comunque l’applicazione delle disposizioni del T.U. alle collaborazioni coordinate e continuative.

In merito alla questione delle tutele retributive e contributive, viene chiarito che, l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato comporta l’applicazione del contratto collettivo di riferimento e, pertanto, sia il compenso riconosciuto al collaboratore, sia la base imponibile per il calcolo dei contributi previdenziali non potranno essere inferiori ai minimi previsti dai contratti collettivi “leader”.

In particolare, la retribuzione applicabile dovrà essere riparametrata in base alle previsioni contrattuali con riferimento sia al livello ed alla qualifica individuata in ragione delle mansioni svolte, sia sulla base dell’estensione temporale della prestazione. Inoltre, alla luce del susseguirsi di orientamenti giurisprudenziali in tal senso, eventuali scostamenti retributivi dai parametri indicati in precedenza potranno consentire l’adozione della diffida accertativa per il recupero delle differenze retributive.

Ad maiora

IL PRESIDENTE    
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC

Ha collaborato alla redazione la Collega Michela Sequino

N° 04/2021 del 15/01/2021

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n° 376631 dell’11 dicembre scorso, ha concesso un anno di proroga per la validità delle deleghe per l'utilizzo dei servizi di fatturazione elettronica messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate.   Con un "comunicato stampa" del 11 dicembre 2020, l'Agenzia delle Entrate, ha annunciato il contenuto del Provvedimento n°376631 di […]

Leggi di più

N° 03/2021 del 14/01/2021

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 578 del 10 dicembre scorso, ha precisato che gli emolumenti erogati a persona fisica non residente a seguito di verbale di conciliazione per mancata stipula di un contratto di lavoro si qualificano come redditi di lavoro dipendente.   Con la risposta ad Interpello del 10 dicembre 2020 n°578, l'Agenzia […]

Leggi di più

N° 02/2021 del 13/01/2021

L’Agenzia delle Entrate, con il comunicato stampa del 1° dicembre scorso, ha assicurato che con la Lotteria degli scontrini non ci sarà nessun tracciamento degli acquisti.   L’Agenzia delle Entrate, con il comunicato stampa dell’1 dicembre 2020, ha formalmente rassicurato i contribuenti sul fatto che non ci sarà nessun tracciamento sugli acquisti effettuati in relazione […]

Leggi di più

N° 01/2021 del 12/01/2021

L’Inps, con la circolare n° 143 del 9 dicembre 2020, fornisce nuove indicazioni in merito al versamento del contributo addizionale da parte delle aziende che attivino il contratto di espansione.   Con la circolare n. 143 del 9 dicembre 2020, l’INPS, recependo le nuove indicazioni fornite dal Ministero del Lavoro e discostandosi da quanto già […]

Leggi di più

N° 182/2020 del 18/12/2020

La Corte costituzionale, sentenza n° 254 del 26 novembre 2020, ha dichiarato l’inammissibilità delle questioni di legittimità costituzionale sollevate sulle disposizioni del Jobs Act relative ai licenziamenti collettivi intimati in violazione dei criteri di scelta, rimarcando il ruolo fondamentale rivestito dalla leale collaborazione tra la Corte di Giustizia UE ed i Giudici nazionali in vista […]

Leggi di più

N° 181/2020 del 17/12/2020

L’INL, con la nota n° 1050 del 26 novembre scorso, ha fornito chiarimenti sulla definizione di lavoratore notturno   Con nota n. 1050 del 26 novembre 2020, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito nuovi chiarimenti relativamente al lavoro notturno ed alla definizione di lavoratore notturno, con riferimento all’ambito di intervento lasciato alla contrattazione collettiva. Nel […]

Leggi di più

N° 180/2020 del 16/12/2020

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n° 1046 del 26 novembre 2020, ha precisato che il personale acquisito dall’appaltatore subentrante non dovrà essere computato nella quota di riserva ex art. 3 della L. 68/99 ai fini dell’obbligo di assunzione di soggetti protetti.   L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota in commento, riprendendo l’interpretazione […]

Leggi di più

N° 179/2020 del 15/12/2020

L’INL, con la nota n° 1037 del 25 novembre scorso, ha fornito precisazioni in materia di accertamento degli illeciti del committente di appalti labour intensive.   Con la nota n. 1037 del 25 novembre 2020, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito chiarimenti in merito alla verifica degli illeciti a carico del committente negli appalti cosiddetti […]

Leggi di più

N° 178/2020 del 11/12/2020

L’INPS, con circolare n° 132 del 20 novembre 2020, ha fornito ulteriori istruzioni operative per poter fruire del congedo per figli in quarantena scolastica o per i quali sia stata disposta la sospensione della didattica in presenza   L'INPS con circolare n° 132 del 20 novembre 2020 fornisce ulteriori istruzioni operative per poter fruire del […]

Leggi di più

N° 177/2020 del 10/12/2020

Con il DL 104/20, convertito dalla L. 126/20, è stata rivista la disciplina della rivalutazione dei beni di impresa con importanti modifiche che prevedono il pagamento di una imposta sostitutiva notevolmente ridotta rispetto alle precedenti edizioni.   Come noto, è stata pubblicata nella G.U. del 13.10.2020, n° 253, la legge n° 126/2020 di conversione del […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF