Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 49/2021 del 06/04/2021

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n° 77923 del 23 marzo scorso, ha reso note le regole operative per accedere ai contributi a fondo perduto dell’Agenzia delle Entrate

 

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, con il provvedimento n. 77923, datato 23 marzo 2021, ha definito in dettaglio le modalità di presentazione dell’istanza, il suo contenuto informativo, i termini di presentazione per dare attuazione all’art. 1 del DL n. 41/2021 (id: DL Sostegni).
A supporto dei contribuenti è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, anche una nuova guida “Contributo a fondo perduto del Decreto Sostegni”, dove si possono trovare ulteriori dettagli per accedere alla misura de qua.

Il contenuto dell’Istanza
L’invio delle istanze per i contributi de quo, esclusivamente telematico, è fissato dal 30 marzo 2021, mentre la scadenza è prevista per il 28 maggio 2021. E’ opportuno precisare che non siamo in presenza di un click day, anche e soprattutto perché le risorse ammontano a circa 11 miliardi di euro.
Nella domanda in parola, oltre ai dati identificativi del soggetto richiedente e del suo rappresentante legale, va resa la dichiarazione:

  • dell’ammontare dei ricavi o compensi del secondo periodo di imposta antecedente a quello di entrata in vigore del DL Sostegni;
  • dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020;
  • dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.

Va inoltre indicato anche il codice IBAN del conto corrente intestato allo stesso soggetto che ha richiesto il contributo e il codice fiscale dell’intermediario eventualmente delegato alla trasmissione.
Per l’invio della domanda è sempre possibile avvalersi degli intermediari già delegati al cassetto fiscale del richiedente ovvero utilizzare il servizio di “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche” del portale “Fatture e Corrispettivi”.

La Procedura di compilazione
Per la compilazione e la trasmissione telematica dell’istanza ci sono due canali utilizzabili:

  • la procedura web, presente all’interno del portale “Fatture e corrispettivi”;
  • software presente nel “Desktop telematico.

Si ricorda che il richiedente può scegliere, irrevocabilmente, se avere direttamente il contributo come accredito diretto sul conto corrente ovvero usarlo come credito d’imposta da portare in compensazione con modello F24.

I Controlli
A seguito della ricevuta di presa in carico della domanda, l’Amministrazione Finanziaria pone in atto dei controlli sui dati presenti nell’istanza e, in caso di superamento degli stessi, comunica l’avvenuto mandato di pagamento del contributo.
Anche l’eventuale mancato superamento dei controlli, prevede che, in ogni caso, l’Agenzia delle Entrate comunichi lo scarto dell’istanza, evidenziando i motivi che ne hanno causato il rigetto.

I Soggetti beneficiari
L’articolo 1 del DL n. 41/2021 ha previsto l’erogazione di un contributo a fondo perduto per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte e professione e di reddito agrario, titolari di partita IVA residenti o stabiliti nel Territorio dello Stato, che nel secondo periodo di imposta antecedente al periodo di entrata in vigore del presente decreto abbiano conseguito un ammontare di ricavi o di compensi non superiore a dieci milioni di euro.
Sono ammessi anche gli enti non commerciali, compresi gli ETS e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali.
Ex adverso, sono tassativamente esclusi:

  • coloro la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto o che abbiano attivato la partita Iva successivamente;
  • gli enti pubblici;
  • gli intermediari finanziari;
  • le società di partecipazione.

I requisiti:
Pertanto, per poter accedere ai contributi, l’istante deve aver avuto:

  • i ricavi e i compensi relativi all’anno 2019 non superiori a 10 milioni di euro;
  • la media mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 inferiore almeno del 30% rispetto a quella del 2019, requisito non richiesto per chi ha attivato la partita dal 1° gennaio 2019.

L’ammontare del contributo

L’ammontare del contributo spettante è diviso in varie percentuali determinate dalla fascia di ricavi 2019 del richiedente, da applicare alla differenza tra le due medie mensili 2019 e 2020, ossia:

 

Percentuale da applicare

Ricavi e Compensi 2019

60%

 

Fino a 100mila euro

50%

 

Da 100mila euro fino a 400mila

40%

 

Da 400mila euro fino a 1 milione

30%

 

Da 1 milione di euro fino a 5 milioni

20%

 

Da 5 milioni di euro fino a 10 milioni

 

L’importo massimo del contributo è di 150mila euro, mentre la misura minima erogabile è di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 euro per i soggetti diversi.

Per approfondire
E’ possibile trovare ulteriori notizie per gli approfondimenti del caso, collegandosi al seguente link:
https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/3344901/Provvedimento-CFP-23.03.2021.pdf/30cdb798-9472-1e4b-548d-b268c7a7d1bc

Ad maiora

 IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/FT

N° 57/2021 del 20/04/2021

L’INPS, con il messaggio n. 1361 del 31 marzo scorso, ha fornito un nuovo orientamento in merito alla fruizione della decontribuzione sud da parte delle agenzie di somministrazione   Con il messaggio n. 1361 del 31 marzo 2021, l’INPS fornisce nuovi chiarimenti in merito all’applicabilità della “Decontribuzione SUD” ai rapporti di somministrazione. La suddetta agevolazione, […]

Leggi di più

N° 56/2021 del 16/04/2021

La Corte costituzionale, con la sentenza n° 59 del 1° aprile scorso, rende note le motivazioni per le quali nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo il cui fatto, posto a base del recesso, è “manifestamente insussistente”, il Giudice “deve” (non “può”) disporre la reintegrazione nel posto di lavoro, qualora si applichi l’art. 18 della L. […]

Leggi di più

N° 55/2021 del 15/04/2021

Il Decreto Sostegni, DL 41 del 22 marzo scorso, ha previsto una moratoria per la notifica di cartelle ed avvisi fino al prossimo 30 aprile, nonché nuove scadenze per i versamenti   Con il Decreto Legge n. 41 del 22/03/2021, (id: Decreto Sostegni) sono state previste ulteriori e importanti  novità in materia di riscossione, prorogando […]

Leggi di più

N° 54/2021 del 14/04/2021

L’Inps, con il messaggio n° 1276 del 25 marzo scorso, fornisce le prime istruzioni relative al congedo previsto dal D.L. n. 30/2021 per assistenza dei figli minori affetti da covid-19, in quarantena ovvero per interruzione della didattica in presenza.   Con messaggio n. 1276 del 25 marzo 2021, l’INPS ha fornito le prime indicazione in […]

Leggi di più

N° 53/2021 del 13/04/2021

L’INL, con la nota prot. 441 del 17 marzo scorso, ha fornito chiarimenti in merito all’utilizzo dell’istituto della diffida accertativa per crediti patrimoniali ex art. 12 del D.lgs. n. 124/2004   Con la nota prot. n. 441 del 17 marzo 2021, l’INL ha fornito chiarimenti in merito all’utilizzo dello strumento della diffida accertativa per crediti […]

Leggi di più

N° 52/2021 del 09/04/2021

L’INL, con la nota n° 473 del 22 marzo 2021, ha fornito chiarimenti in merito all’obbligo di corresponsione della retribuzione ai lavoratori dipendenti con modalità tracciabili.   Con nota n. 473 del 22 marzo 2021, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito chiarimenti riguardo all’obbligo di corresponsione della retribuzione ai lavoratori dipendenti con modalità tracciabili e […]

Leggi di più

N° 51/2021 del 08/04/2021

L’Inps, con la circolare n° 45 del 19 marzo scorso, ha reso note le nuove modalità operative per il riproporzionamento dei permessi giornalieri per l'assistenza ai disabili in caso di rapporto di lavoro part time di tipo verticale o di tipo misto.   Con la Circolare n°45 del 19 Marzo 2021, l'Inps fornisce i dovuti […]

Leggi di più

N° 50/2021 del 07/04/2021

L’INPS, con messaggio n° 1297 del 26 marzo 2021, fornisce le prime indicazioni sulla gestione delle domande di cassa integrazione guadagni ex D.L. 41/2021   Con il Messaggio n. 1297/2021, l’INPS fornisce le prime indicazioni sulla gestione delle domande di cassa integrazione, ordinaria e in deroga, assegno ordinario e cassa integrazione speciale operai agricoli, in […]

Leggi di più

N° 48/2021 del 02/04/2021

Con la legge 21 del 26 febbraio scorso, di conversione del Milleproroghe, è stata disposta, per i bilanci 2020, la proroga a 180 giorni per la convocazione dell’assemblea di approvazione   La legge 26 febbraio 2021 n. 21 di conversione del Decreto Milleproroghe (id: D.L. n. 183/2020) ha riproposto anche per i bilanci di esercizio […]

Leggi di più

N° 47/2021 del 01/04/2021

L'Inps, con il messaggio n. 1028 dell’11 marzo scorso, comunica di aver implementato le funzioni del nuovo cassetto previdenziale del contribuente con l'inserimento del servizio evidenze 2.0 per aziende e intermediari.   L'Inps, con il Messaggio n°1028 dell'11 marzo 2021, nell'ambito del rilascio del “Nuovo Cassetto Previdenziale del Contribuente” (Cfr. Msg n°4702 del 14 dicembre […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF