Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 55/2019 del 11/04/2019

Il Garante per la Privacy, con il provvedimento n° 55 del 7 marzo scorso, ha fornito importanti chiarimenti in ordine al trattamento dei dati di pazienti in ambito sanitario da parte degli operatori del particolare settore.

 

Come noto, l'art. 9, par. 4, del Regolamento Ue 679/2016 ha previsto, per il trattamento dei dati sulla salute, la possibilità per gli Stati membri di mantenere o introdurre ulteriori condizioni.

All'uopo, il D.Lgs. 101/2018 ha previsto che il Garante per la privacy completi l’individuazione dei presupposti di liceità dei suddetti trattamenti, adottando specifiche misure di garanzia e promuovendo l’adozione di regole deontologiche.

Con il Provvedimento n° 55 del 7 marzo 2019, il Garante per la privacy, in attuazione della predetta disciplina, ha ritenuto opportuno focalizzare la propria attenzione sul trattamento dei dati relativi alla salute, in ambito sanitario.

In generale, le deroghe al divieto di trattare le cc.dd. "categorie particolari di dati", tra cui rientrano quelli sulla salute, sulla base delle quali è ammesso il trattamento, sono da individuarsi nell’art. 9 del Regolamento che elenca una serie di eccezioni che, in ambito sanitario, sono riconducibili, in via generale, ai trattamenti necessari per:

  1. motivi di interesse pubblico rilevante sulla base del diritto dell'Unione o degli Stati membri (art. 9, par. 2, lett. g) del Regolamento);
  2. motivi di interesse pubblico nel settore della sanità pubblica;
  3. finalità di medicina preventiva, diagnosi, assistenza o terapia sanitaria o sociale ovvero gestione dei sistemi e servizi sanitari o sociali (id: finalità di cura).

Ciò non esclude, osserva il Garante, che a seconda dello specifico trattamento effettuato, non possa ritenersi applicabile al caso concreto una delle altre deroghe previste dall’art. 9 del Regolamento. In particolare, i trattamenti per le c.d. "finalità di cura" sono propriamente quelli effettuati da (o sotto la responsabilità di) un professionista sanitario soggetto al segreto professionale o da altra persona anch’essa soggetta all’obbligo di segretezza. Diversamente dal passato, quindi, il professionista sanitario, soggetto al segreto professionale, non deve più richiedere il consenso del paziente per i trattamenti necessari alla prestazione sanitaria richiesta dall’interessato, indipendentemente dalla circostanza che operi in qualità di libero professionista (presso uno studio medico) ovvero all’interno di una struttura sanitaria pubblica o privata.

Per contro, gli eventuali trattamenti attinenti, solo in senso lato, alla cura, ma non strettamente necessari, richiedono, quindi, anche se effettuati da professionisti della sanità, una distinta base giuridica da individuarsi, eventualmente, nel consenso dell’interessato o in un altro presupposto di liceità (artt. 6 e 9, par. 2, del Regolamento).

Con riferimento a tali trattamenti (non strettamente necessari alla cura), il consenso esplicito dell'interessato dovrà essere richiesto, a titolo esemplificativo per:

  1. trattamenti connessi all’utilizzo di App mediche;
  2. trattamenti preordinati alla fidelizzazione della clientela;
  3. trattamenti effettuati in campo sanitario da persone giuridiche private per finalità promozionali o commerciali;
  4. trattamenti effettuati da professionisti sanitari per finalità commerciali o elettorali;
  5. trattamenti effettuati attraverso il Fascicolo sanitario elettronico.

Il Provvedimento in commento chiarisce altresì, che in ogni caso il principio di trasparenza previsto dall’art. 5, par. 1, lett. a) del Regolamento impone ai titolari di informare l’interessato sui principali elementi del trattamento, al fine di renderli consapevoli sulle principali caratteristiche dello stesso.

Al riguardo, si rappresenta che, pur nel rispetto dell’obbligo di comunicare gli elementi di cui agli artt. 13 e 14 del Regolamento, le informazioni da rendere all’interessato vanno rese in forma concisa, trasparente, intelligibile e facilmente accessibile, con linguaggio semplice e chiaro.

Relativamente al contenuto si ritiene opportuno suggerire di fornire all’interessato le informazioni previste dal Regolamento in modo progressivo in ordine agli specifici trattamenti adottati e per le specifiche esigenze dell'interessato.

In ordine alla designazione del Responsabile della protezione dei dati (art. 37 Regolamento), il Provvedimento chiarisce che i trattamenti dei dati personali relativi a pazienti effettuati da un’azienda sanitaria appartenente al SSN devono essere ricondotti a quelli per i quali è prevista la designazione obbligatoria del RPD, sia in relazione alla natura giuridica di "organismo pubblico" del titolare, sia in quanto rientrano nella condizione prevista dall’art. 37, par. 1, lett. c), considerato che le attività principali del titolare consistono nel trattamento, su larga scala, di dati sulla salute. Analogamente, per gli ospedali privati, case di cura e residenze sanitarie assistenziali (RSA).

Quanto, poi, al singolo professionista sanitario che operi in regime di libera professione a titolo individuale, si fa presente che lo stesso non è tenuto alla designazione di tale figura con riferimento allo svolgimento della propria attività. Analoghe considerazioni valgono anche per le farmacie, le parafarmacie, le aziende ortopediche e sanitarie. Pertanto, i citati soggetti, se non effettuano trattamenti di dati personali su larga scala, non sono obbligati a designare il RPD.

Ultimo aspetto richiamato dal documento di prassi riguarda la necessità di istituire il Registro delle attività di trattamento che rappresenta uno degli elementi per la definizione del quadro generale di accountability previsto dal Regolamento.

Sul punto, il Garante ricorda che la deroga alla tenuta del registro non opera in presenza anche di uno solo degli elementi indicati dall'art. 30, par. 5 (trattamento che presenta un rischio per i diritti e le libertà per l’interessato, trattamento non occasionale, trattamento che includa categorie particolari di dati di cui all’art. 9 o dati relativi a condanne penali e a reati). Ciò, in coerenza con la circostanza che il registro delle attività del trattamento costituisce uno strumento di gestione del rischio.

Per le suddette ragioni, si ritiene, quindi, che non ricadono nelle ipotesi di esenzione dall’obbligo di tenuta del registro i singoli professionisti sanitari che agiscano in libera professione, i medici di medicina generale/pediatri di libera scelta (MMG/PLS), gli ospedali privati, le case di cura, le RSA e le aziende sanitarie appartenenti al SSN, nonché le farmacie, le parafarmacie e le aziende ortopediche.

Ad maiora

IL PRESIDENTE  
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FC/PDN

N° 110/2019 del 19/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, risposta ad interpello n. 208 del 26 giugno 2019, ha chiarito che l’indicazione del numero REA nei dati dell’emittente la fattura elettronica non è previsto dal decreto IVA, per cui l’assenza del dato non ha riflessi in termini di documentazione delle operazioni e non obbliga all’emissione di alcuna nota di variazione.   […]

Leggi di più

N° 109/2019 del 18/07/2019

Il Ministero dell’Economia e Finanza, con la circolare n° 1 del 4 luglio scorso, ha fornito le prime indicazioni sulle modalità operative delle notifiche e dei depositi telematici obbligatori degli atti e documenti processuali in merito al processo tributario telematico.   All'interno di un ampio processo di digitalizzazione intrapreso dal legislatore italiano (id: Codice dell'Amministrazione […]

Leggi di più

N° 108/2019 del 17/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento del 27 giugno scorso, ha precisato che il certificato unico previsto dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza viene rilasciato su richiesta del debitore o del tribunale e riporta l’elenco dei debiti tributari risultanti da atti e contestazioni in corso che gravano sul contribuente.   Il Direttore dell’Agenzia delle […]

Leggi di più

N° 107/2019 del 16/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 14 del 17 giugno scorso, ha precisato che la data da indicare sulla fattura elettronica, indipendente dal fatto che la trasmissione possa avvenire nei giorni successivi, deve corrispondere con quella di effettuazione dell’operazione.   La data da indicare sulla fattura elettronica, indipendente dal fatto che la trasmissione possa […]

Leggi di più

N° 106/2019 del 12/07/2019

L’INPS, con la circolare n. 90 del 17 giugno 2019, ha fornito le istruzioni relative alla compilazione del quadro RR della dichiarazione dei redditi per i contribuenti iscritti nei registri autonomi e in quelli della gestione separata.   L’INPS ha fornito le istruzioni per la compilazione del Quadro RR del modello “Redditi 2019-PF”, da parte dei soggetti iscritti […]

Leggi di più

N° 105/2019 del 11/07/2019

L'Agenzia delle Entrate, con interpello n° 211 del 27 giugno scorso, ha fornito indicazioni in tema di compensi al consulente tecnico d'ufficio e relativo obbligo di fattura elettronica.   Con la risposta ad Interpello del 27 giugno 2019 n°211, l'Agenzia delle Entrate ha fornito utili indicazioni sulla corretta modalità di fatturazione da parte del consulente […]

Leggi di più

N° 104/2019 del 10/07/2019

L’Inps, con messaggio n. 2339 del 20 giugno 2019, ha comunicato che il “Cassetto Previdenziale per Artigiani e Commercianti” è stato integrato, nell’ambito della sezione “Comunicazione bidirezionale”, con la nuova funzione di “Agenda appuntamenti” e ne ha chiarito termini e modalità di utilizzo.   Il portale dell’Inps si arricchisce di un’altra importante funzionalità che faciliterà […]

Leggi di più

N° 103/2019 del 09/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n° 216422 del 25 giugno scorso, comunica che sono in arrivo avvisi di anomalia per la mancata presentazione della dichiarazione IVA o presentazione con solo il quadro VA compilato.   L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n.216422 del 25 giugno 2019, ha individuato le modalità con le quali sono […]

Leggi di più

N° 102/2019 del 05/07/2019

L’INPS, con la Circolare n. 93 del 17 giugno 2019, ha fornito le indicazioni relative all’esclusione dall’applicazione del massimale della base contributiva e pensionabile per i lavoratori della pubblica amministrazione, iscritti dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e privi di anzianità contributiva precedente (art. 21 DL 4/2019), per i quali non risultino attive forme di previdenza complementare compartecipate […]

Leggi di più

N° 101/2019 del 04/07/2019

L’Inps, con la circolare n° 78 del 29 maggio scorso, riepiloga i principi inderogabili della disciplina della costituzione della rendita vitalizia ai sensi dell'art. 13 della legge n. 1338 del 1962 fornendo utili chiarimenti ed individuando i comportamenti di cautela da adottare nell'istruttoria delle relative istanze.   Con la Circolare n° 78 del 29 maggio […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF