Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 81/2019 del 30/05/2019

La Commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna, con la sentenza n° 630/1/19 del 28 marzo 2019, ha statuito che è pienamente legittima ed efficace la notifica della cartella via Pec nel formato Pdf, anziché con il file p7m, ma non può essere omessa l’indicazione del criterio usato per il calcolo degli interessi, comprensivo del tasso, valuta e giorni.

 

La Commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna, con la sentenza n. 630/1/19 del 28/03/2019, si è pronunciata sulla notifica della cartella di pagamento via PEC nel formato Pdf, anziché con il file p7m, giudicandola pienamente legittima ed efficace, tuttavia, ha precisato che non si può omettere l'indicazione del criterio usato per il calcolo degli interessi, comprensivo del tasso, valuta e giorni, necessario per il controllo da parte del contribuente.

La notifica della cartella a mezzo PEC

Nel caso di specie, i Giudici della CTR Emilia-Romagna, nell'accogliere parzialmente le doglianze del ricorrente, un libero professionista dotato di indirizzo “Ini-Pec”, avverso una cartella di pagamento che gli era pervenuta al suo indirizzo di posta elettronica come allegato Pdf (id: Portable Document Format), sostenendo principalmente che detta notifica dovesse ritenersi nulla, in quanto effettuata in spregio delle modalità previste dal DPR n.68/2005, al quale fa espresso rinvio l'art. 26 del DPR n.602/1973, avvalorando la tesi sostenuta con la produzione di una perizia informatica redatta da un ricercatore del CNR, nella quale erano state evidenziate le numerose infrazioni riscontrate.

L’assenza della firma digitale del mittente

In particolare gravi e insanabili violazioni alle regole tecniche sancite dall'art. 17 del DPR n.68/2005, ma anche dall'art. 71 del D.lgs. n.82/2005, cagionate dalla “assenza di identificativo univoco che permetta il riconoscimento all'interno del sistema di conservazione del mittente; assenza dell'insieme minimo dei metadati, come richiesti dall'art. 3, comma 9 DPCM del 13/11/2014; assenza della firma digitale del mittente che permetta di ricondurre la paternità della copia ad Equitalia e trasferisca alla copia stessa lo stesso valore dell'originale come da art. 22, comma 1 del Codice amministrazione digitale (id: Cad).

Eccezioni superabili

I Giudici Territoriali hanno ritenuto superabili le eccezioni osservate dal contribuente nel ricorso de quo, poiché “non risultano avvalorate da alcun tipo di pregiudizio che sia derivato dal mancato rispetto dell'iter di trasmissione della mail e relativi allegati o mezzo Pec.

E quindi di nessun conto, come anche ha osservato recentemente la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6417/2019, è che la copia della cartella in formato Pdf, priva della firma digitale, al messaggio di posta elettronica non realizzi gli standard di sicurezza richiesti dalla legge ottenibili con quelli previsti nella deliberazione n. 45 del 21/5/2000 del Centro Nazionale per l'Informatica della Pubblica Amministrazione (id: DigitPA), cioè con l'estensione p7m del file.

Pertanto, per la CTR, spetta al contribuente denunciare vizi ed errori della cartella imputabili alla sua esternazione o l'indebita conoscenza da parte di estranei al procedimento esattivo da cui possa essere derivato nocumento al contribuente.

Mancata indicazione degli interessi

Ex adverso, i Giudici si sono pronunciati a favore di un altro motivo contenuto nell'appello, quello che attiene la mancata indicazione nella cartella del tasso e dei giorni necessari per il controllo degli interessi, peraltro come statuito dalla sentenza n. 9799/2017 della S.C., in special modo dove la stessa cartella non sia stata preceduta da un avviso di accertamento.

Per approfondire

E’ possibile trovare ulteriori notizie per gli approfondimenti del caso, collegandosi al seguente link:

Sentenza n. 630/1/19 CTR Emilia-Romagna

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/FT

N° 145/2019 del 18/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n° 83/E del 27 settembre 2019, ha reso noto le istruzioni operative e quali sono i codici tributo da indicare per il credito d’imposta Sisma e ZES.   L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 83/E del 27 settembre 2019, ha istituito i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, […]

Leggi di più

N° 144/2019 del 17/10/2019

L'Agenzia delle Entrate, con risposta ad Interpello n° 388 del 20 settembre scorso, ha riepilogato le modalità e le condizioni necessarie per la conservazione in modalità elettronica su supporto informatico di un documento analogico "non unico".   L’Agenzia delle Entrate, con la risposta ad Interpello del 20 settembre 2019 n°388, ha chiarito, in tema di […]

Leggi di più

N° 143/2019 del 16/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’Interpello n. 373 del 10 settembre 2019, ha chiarito che, in mancanza del regolamento (ad oggi non ancora emanato) di definizione dei criteri in base ai quali l’attività di locazione breve si presume svolta in forma imprenditoriale, è necessario fare riferimento ai principi generali stabiliti dall’articolo 2082, codice civile, […]

Leggi di più

N° 142/2019 del 15/10/2019

L’Inps, con il messaggio n° 3529 del 30 settembre scorso, ha comunicato di aver rilasciato l'applicazione che consente la sistemazione dei flussi relativi al controllo incrociato tra dati Uniemens e modello 770 della gestione separata.   L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, con il Messaggio n°3529 del 30 settembre 2019, annuncia il rilascio delle procedure di […]

Leggi di più

N° 141/2019 del 11/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con interpello n° 387 del 20 settembre scorso, ha precisato che in caso di variazione degli importi originariamente fatturati a causa di accordo transattivo, la detrazione della corrispondente imposta sul valore aggiunto è possibile entro un anno dalla prima operazione.   Con la risposta ad Interpello del 20 settembre 2019 n°387, l'Agenzia […]

Leggi di più

N° 140/2019 del 10/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con risposta ad Interpello n. 340 del 23 agosto 2019, ha chiarito che, ai fini dell’applicazione della cedolare secca alle locazioni commerciali, la previsione presente nel contratto di locazione che fa dipendere la quota variabile del canone al fatturato del conduttore, non è di ostacolo all’assoggettamento del contratto stesso a tassazione sostitutiva. […]

Leggi di più

N° 139/2019 del 09/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n° 33/E del 1° marzo 2019, ha istituito il codice tributo utilizzabile sul mod. F24 per il credito d’imposta per l'acquisto o l'adattamento dei registratori di cassa per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi   L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n.33 del 01 […]

Leggi di più

N° 138/2019 del 08/10/2019

L’INAIL, con circolare n.25 del 23 settembre 2019, ha pubblicato i nuovi importi dei minimali e massimali di rendita in vigore dal 1° luglio 2019. Facendo seguito al DM 95/2019, che ha rivalutato le prestazioni economiche erogate dall'INAIL nel settore industriale con decorrenza 1° luglio 2019, stabilendo gli importi del minimale e del massimale di rendita nelle misure di […]

Leggi di più

N° 137/2019 del 04/10/2019

L’INL, con Nota n. 8120 del 17 settembre 2019, ha fornito precisazioni sull’ulteriore contratto a termine stipulato presso l’ITL, ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del D.Lgs. 81/2015.   L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha risposto, con Nota n. 8120 del 17 settembre 2019, ad una richiesta proveniente dall’Ispettorato territoriale del Lavoro di Milano, in […]

Leggi di più

N° 136/2019 del 03/10/2019

L’Agenzia delle Entrate, con interpello n° 382 del 16 settembre scorso, ha precisato che la compresenza di un rapporto di lavoro dipendente non integra la causa ostativa per l'accesso al regime forfetario se precedente all'entrata in vigore della norma.   Con la risposta ad Interpello del 16 settembre 2019 n° 382, l'Agenzia delle Entrate ha […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF