Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 81/2019 del 30/05/2019

La Commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna, con la sentenza n° 630/1/19 del 28 marzo 2019, ha statuito che è pienamente legittima ed efficace la notifica della cartella via Pec nel formato Pdf, anziché con il file p7m, ma non può essere omessa l’indicazione del criterio usato per il calcolo degli interessi, comprensivo del tasso, valuta e giorni.

 

La Commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna, con la sentenza n. 630/1/19 del 28/03/2019, si è pronunciata sulla notifica della cartella di pagamento via PEC nel formato Pdf, anziché con il file p7m, giudicandola pienamente legittima ed efficace, tuttavia, ha precisato che non si può omettere l'indicazione del criterio usato per il calcolo degli interessi, comprensivo del tasso, valuta e giorni, necessario per il controllo da parte del contribuente.

La notifica della cartella a mezzo PEC

Nel caso di specie, i Giudici della CTR Emilia-Romagna, nell'accogliere parzialmente le doglianze del ricorrente, un libero professionista dotato di indirizzo “Ini-Pec”, avverso una cartella di pagamento che gli era pervenuta al suo indirizzo di posta elettronica come allegato Pdf (id: Portable Document Format), sostenendo principalmente che detta notifica dovesse ritenersi nulla, in quanto effettuata in spregio delle modalità previste dal DPR n.68/2005, al quale fa espresso rinvio l'art. 26 del DPR n.602/1973, avvalorando la tesi sostenuta con la produzione di una perizia informatica redatta da un ricercatore del CNR, nella quale erano state evidenziate le numerose infrazioni riscontrate.

L’assenza della firma digitale del mittente

In particolare gravi e insanabili violazioni alle regole tecniche sancite dall'art. 17 del DPR n.68/2005, ma anche dall'art. 71 del D.lgs. n.82/2005, cagionate dalla “assenza di identificativo univoco che permetta il riconoscimento all'interno del sistema di conservazione del mittente; assenza dell'insieme minimo dei metadati, come richiesti dall'art. 3, comma 9 DPCM del 13/11/2014; assenza della firma digitale del mittente che permetta di ricondurre la paternità della copia ad Equitalia e trasferisca alla copia stessa lo stesso valore dell'originale come da art. 22, comma 1 del Codice amministrazione digitale (id: Cad).

Eccezioni superabili

I Giudici Territoriali hanno ritenuto superabili le eccezioni osservate dal contribuente nel ricorso de quo, poiché “non risultano avvalorate da alcun tipo di pregiudizio che sia derivato dal mancato rispetto dell'iter di trasmissione della mail e relativi allegati o mezzo Pec.

E quindi di nessun conto, come anche ha osservato recentemente la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6417/2019, è che la copia della cartella in formato Pdf, priva della firma digitale, al messaggio di posta elettronica non realizzi gli standard di sicurezza richiesti dalla legge ottenibili con quelli previsti nella deliberazione n. 45 del 21/5/2000 del Centro Nazionale per l'Informatica della Pubblica Amministrazione (id: DigitPA), cioè con l'estensione p7m del file.

Pertanto, per la CTR, spetta al contribuente denunciare vizi ed errori della cartella imputabili alla sua esternazione o l'indebita conoscenza da parte di estranei al procedimento esattivo da cui possa essere derivato nocumento al contribuente.

Mancata indicazione degli interessi

Ex adverso, i Giudici si sono pronunciati a favore di un altro motivo contenuto nell'appello, quello che attiene la mancata indicazione nella cartella del tasso e dei giorni necessari per il controllo degli interessi, peraltro come statuito dalla sentenza n. 9799/2017 della S.C., in special modo dove la stessa cartella non sia stata preceduta da un avviso di accertamento.

Per approfondire

E’ possibile trovare ulteriori notizie per gli approfondimenti del caso, collegandosi al seguente link:

Sentenza n. 630/1/19 CTR Emilia-Romagna

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC/FT

N° 110/2019 del 19/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, risposta ad interpello n. 208 del 26 giugno 2019, ha chiarito che l’indicazione del numero REA nei dati dell’emittente la fattura elettronica non è previsto dal decreto IVA, per cui l’assenza del dato non ha riflessi in termini di documentazione delle operazioni e non obbliga all’emissione di alcuna nota di variazione.   […]

Leggi di più

N° 109/2019 del 18/07/2019

Il Ministero dell’Economia e Finanza, con la circolare n° 1 del 4 luglio scorso, ha fornito le prime indicazioni sulle modalità operative delle notifiche e dei depositi telematici obbligatori degli atti e documenti processuali in merito al processo tributario telematico.   All'interno di un ampio processo di digitalizzazione intrapreso dal legislatore italiano (id: Codice dell'Amministrazione […]

Leggi di più

N° 108/2019 del 17/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento del 27 giugno scorso, ha precisato che il certificato unico previsto dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza viene rilasciato su richiesta del debitore o del tribunale e riporta l’elenco dei debiti tributari risultanti da atti e contestazioni in corso che gravano sul contribuente.   Il Direttore dell’Agenzia delle […]

Leggi di più

N° 107/2019 del 16/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 14 del 17 giugno scorso, ha precisato che la data da indicare sulla fattura elettronica, indipendente dal fatto che la trasmissione possa avvenire nei giorni successivi, deve corrispondere con quella di effettuazione dell’operazione.   La data da indicare sulla fattura elettronica, indipendente dal fatto che la trasmissione possa […]

Leggi di più

N° 106/2019 del 12/07/2019

L’INPS, con la circolare n. 90 del 17 giugno 2019, ha fornito le istruzioni relative alla compilazione del quadro RR della dichiarazione dei redditi per i contribuenti iscritti nei registri autonomi e in quelli della gestione separata.   L’INPS ha fornito le istruzioni per la compilazione del Quadro RR del modello “Redditi 2019-PF”, da parte dei soggetti iscritti […]

Leggi di più

N° 105/2019 del 11/07/2019

L'Agenzia delle Entrate, con interpello n° 211 del 27 giugno scorso, ha fornito indicazioni in tema di compensi al consulente tecnico d'ufficio e relativo obbligo di fattura elettronica.   Con la risposta ad Interpello del 27 giugno 2019 n°211, l'Agenzia delle Entrate ha fornito utili indicazioni sulla corretta modalità di fatturazione da parte del consulente […]

Leggi di più

N° 104/2019 del 10/07/2019

L’Inps, con messaggio n. 2339 del 20 giugno 2019, ha comunicato che il “Cassetto Previdenziale per Artigiani e Commercianti” è stato integrato, nell’ambito della sezione “Comunicazione bidirezionale”, con la nuova funzione di “Agenda appuntamenti” e ne ha chiarito termini e modalità di utilizzo.   Il portale dell’Inps si arricchisce di un’altra importante funzionalità che faciliterà […]

Leggi di più

N° 103/2019 del 09/07/2019

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n° 216422 del 25 giugno scorso, comunica che sono in arrivo avvisi di anomalia per la mancata presentazione della dichiarazione IVA o presentazione con solo il quadro VA compilato.   L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n.216422 del 25 giugno 2019, ha individuato le modalità con le quali sono […]

Leggi di più

N° 102/2019 del 05/07/2019

L’INPS, con la Circolare n. 93 del 17 giugno 2019, ha fornito le indicazioni relative all’esclusione dall’applicazione del massimale della base contributiva e pensionabile per i lavoratori della pubblica amministrazione, iscritti dal 1° gennaio 1996 a forme pensionistiche obbligatorie e privi di anzianità contributiva precedente (art. 21 DL 4/2019), per i quali non risultino attive forme di previdenza complementare compartecipate […]

Leggi di più

N° 101/2019 del 04/07/2019

L’Inps, con la circolare n° 78 del 29 maggio scorso, riepiloga i principi inderogabili della disciplina della costituzione della rendita vitalizia ai sensi dell'art. 13 della legge n. 1338 del 1962 fornendo utili chiarimenti ed individuando i comportamenti di cautela da adottare nell'istruttoria delle relative istanze.   Con la Circolare n° 78 del 29 maggio […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF