Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 98/2020 del 25/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 148 del 26 maggio scorso, ha precisato che i contributi Inps versati da un soggetto non residente non sono deducibili se i redditi prodotti in Italia non risultano pari o superiori al 75% del reddito complessivamente prodotto.

 

Con la risposta ad Interpello del 26 maggio 2020 n°148, l'Agenzia delle Entrate si è espressa sulla applicabilità delle disposizioni contenute nell'art. 10 (id: oneri deducibili) del DPR n°917/86 (TUIR) – nei confronti di un residente all'estero, domiciliato fiscalmente in Italia, che ha chiesto di conoscere la possibilità di dedurre i contributi previdenziali versati all'Ente (INPS) che gestisce la forma pensionistica obbligatoria di appartenenza.

Il contribuente, ritenendo di poter operare la deduzione come sopra evidenziata, ha altresì evidenziato che uno Stato membro non può adottare una normativa che preveda una disparità di trattamento tra contribuenti residenti e non residenti.

I tecnici dell'Agenzia dell'Entrate hanno ricordato che in base agli articoli 2 e 3 del D.P.R. n° 917/86, le persone fisiche fiscalmente non residenti nel territorio dello Stato sono soggetti passivi IRPEF e il relativo reddito complessivo è formato soltanto dai redditi prodotti nel territorio dello Stato, secondo i criteri forniti dall'art. 23 del TUIR. Il successivo art. 24 del TUIR, in materia di determinazione dell'imposta dovuta dai soggetti fiscalmente non residenti, prevede, al comma 2, che "dal reddito complessivo sono deducibili soltanto gli oneri di cui alle lettere a), g), h), i) e l) del comma 1 dell'art. 10", elencazione da ritenersi tassativa.

La specifica e tassativa previsione relativa alle modalità di determinazione del reddito per i non residenti esclude, pertanto, dal novero degli oneri deducibili, la lettera e), comma 1, del medesimo art. 10 del TUIR, relativa ai "contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, nonché quelli versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza, ivi compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi".

Quanto alla ratio dell'esclusione, continua il documento di prassi in commento, occorre ricordare che gli oneri di cui all'art. 10 del Tuir rappresentano un segnalatore della situazione economica del contribuente residente in Italia e sono, pertanto, espressione della capacità contributiva del soggetto il quale è tassato con riferimento a tutti i redditi, ovunque prodotti.

Ciò non accade invece per i non residenti, il cui reddito, per la quota prodotta in Italia, costituisce un parametro insufficiente della capacità contributiva complessiva, in quanto rappresenta solo una parte del reddito complessivo che viene assoggettato a tassazione nel paese di residenza.

Al fine di equilibrare la condizione il comma 3-bis dell'art. 24 del TUIR  rende applicabili tutti gli oneri deducibili previsti per i residenti (e quindi anche la lettera e), comma 1, dell'articolo 10 in esame) a tutti i soggetti non residenti nel territorio italiano che risultino residenti in Paesi che assicurino un adeguato scambio di informazioni, come elencati nel decreto del Ministro dell'Economia e Finanze del 23 marzo 2017, "a condizione che il reddito prodotto dal soggetto nel territorio dello Stato italiano sia pari almeno al 75 per cento del reddito dallo stesso complessivamente prodotto e che il soggetto non goda di agevolazioni fiscali analoghe nello Stato di residenza".

Nel caso di specie, avendo l'istante dichiarato di essere residente all'estero, e nel presupposto che non abbia prodotto in Italia almeno il 75 per cento del reddito complessivamente prodotto, lo stesso non potrà portare in deduzione i "contributi versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza"(INPS), atteso che tale categoria di oneri non è ricompresa tra quelli elencati nel citato comma 2 dell'art. 24 del TUIR.

Ad maiora

IL PRESIDENTE 
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FC/PDN

 

 

 

 

 

 

 

N° 108/2020 del 14/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con Risposta ad Interpello n. 184 del 12 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in merito all’applicabilità del regime della cedolare secca, in sede di proroga, al contratto di locazione ad uso non abitativo, di un immobile tipologia catastale C1.     Come noto, l’art. 1, comma 59, della legge n. 145/2018 (c.d. […]

Leggi di più

N° 107/2020 del 10/07/2020

L’INL, con la nota n° 260 del 18 giugno scorso, fornisce chiarimenti sui criteri di calcolo delle sanzioni applicabili per violazione dei tempi di guida e riposo nel settore dell’autotrasporto.   L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con nota n. 260 del 18 giugno 2020, su richiesta della ITL di Bergamo, ha espresso il suo parere in […]

Leggi di più

N° 106/2020 del 09/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n° 159 del 29 maggio scorso, ha precisato, in tema di benefici fiscali per le cessioni di veicoli adattati ai disabili, che lo stato di handicap grave può essere validamente attestato dal certificato rilasciato dalla commissione medica pubblica preposta all'accertamento della invalidità'.     Con la risposta ad Interpello del […]

Leggi di più

N° 105/2020 del 08/07/2020

L’INPS, con la Circolare n. 77 del 27 giugno 2020, ha fornito istruzioni per l’assunzione agevolata di lavoratori in CIGS che hanno chiesto l’assegno di ricollocazione.   L'INPS, con la Circolare n. 77/2020, ha fornito le istruzioni operative necessarie per consentire ai datori di lavoro di fruire dello sgravio contributivo nel caso in cui assumano […]

Leggi di più

N° 104/2020 del 07/07/2020

Pubblicato sulla G.U. n. 162 del 29 giugno 2020 il D.P.C.M. 27 giugno 2020 che fa slittare al prossimo 20 luglio i versamenti fiscali dei contribuenti soggetti agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa), in scadenza al 30 giugno. Rinviato, di conseguenza, al prossimo 20 agosto anche il termine dei pagamenti con maggiorazione dello 0,40% […]

Leggi di più

N° 103/2020 del 03/07/2020

L’INL, con nota n. 298 del 24 giugno scorso, ha chiarito che il divieto di licenziamento, di cui all’art. 46 del decreto “Cura Italia”, si applica anche all’inidoneità sopravvenuta alla mansione. Come noto, il decreto “Cura Italia”, DL 18/2020 – convertito dalla L. 27/2020 -, ha disposto il divieto dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo […]

Leggi di più

N° 102/2020 del 02/07/2020

L’INPS, con il Messaggio n. 2510 del 18 giugno scorso, ha fornito precisazioni sulla proroga della validità del Durc la cui scadenza rientrava nel periodo dal 31 gennaio al 15 aprile 2020.   Il Decreto Rilancio ha chiarito che i Documenti Unici di Regolarità Contributiva (DURC) restano esclusi dagli atti per i quali il Decreto […]

Leggi di più

N° 101/2020 del 01/07/2020

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento prot. n. 0230439/2020 del 10 giugno 2020, ha finalmente pubblicato le tanto attese istruzioni per richiedere il contributo a fondo perduto previsto dall’art. 25 del D.L. rilancio.   Come noto, l’articolo 25, D.L. n. 34/2020, ha previsto, al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica Covid-19, il riconoscimento di […]

Leggi di più

N° 100/2020 del 30/06/2020

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n° 16/E del 16 giugno scorso, fornisce chiarimenti in ordine all'applicazione per il periodo di imposta 2019 degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) specificando che i soggetti per i quali operi una causa di esclusione non possono accedere ai benefici premiali previsti.   Con la Circolare n° 16/E […]

Leggi di più

N° 99/2020 del 26/06/2020

Il Decreto Rilancio, D.L. 34/2020, all’art. 186, ha modificato e ampliato il credito di imposta al 50% degli investimenti pubblicitari effettuati nell'anno 2020.   Con L'art. 98 del D.L. 18/2020 (Id: Cura Italia) convertito in Legge n°27/2020,  nell’introdurre il comma 1-ter nell'art. 57-bis del D.L. 50/2017, convertito in Legge n°96/2017, ha operato un primo rafforzamento […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF