Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 32/2020 del 23/03/2020

Il 20 marzo scorso si sono riuniti il CUP e la RPT per stigmatizzare il trattamento riservato dal Governo, nel D.L. 18/2020 “Cura Italia”, agli oltre 2,3 mln di professionisti ordinistici. Tutti presenti. Il pensiero di Marina Calderone (CUP – Comitato Unitario Permanente Ordini e Collegi Professionali) e di Armando Zambrano (Rete Professioni Tecniche). Tutte unite e determinate le 21 professioni presenti per proporre al Governo misure a sostegno delle professioni.

 

Una riunione “urgente” del Comitato Unitario Permanente degli Ordini e Collegi Professionali (C.U.P.), presieduto da Marina Calderone, Presidente Nazionale dei Consulenti del Lavoro, e della Rete Professioni Tecniche (R.P.T.) presieduta da Armando Zambrano, Presidente Nazionale degli Ingegneri, era da ipotizzarsi all’indomani del varo del D.L. 17 marzo 2020 n. 18, c.d. Cura Italia per il contrasto all’emergenza sanitaria e per venire incontro alle esigenze di imprese, famiglie e lavoratori, dove, inopinatamente, alcuna forma di sostegno è stata prevista per i liberi professionisti “ordinistici” iscritti a Casse di Previdenza private.
Ed ecco che il 20 marzo scorso si sono “riuniti” i rappresentanti di 21 professioni ordinistiche che hanno deciso di fare fronte comune contro l’esclusione dal Decreto “Cura Italia” e per la tutela dei propri iscritti in grave difficoltà.
Il Decreto “Cura Italia” ha, deliberatamente ignorato i professionisti ordinistici, non riconoscendo il ruolo svolto da ben 2,3 milioni di professionisti italiani. Così facendo il Paese rischia di pagare un prezzo altissimo, soprattutto quando arriverà il momento di rimetterlo in piedi.
Questo è stato il pensiero delle professioni riunite da CUP e RPT in un incontro in cui è stato stabilito una battaglia comune per la tutela dei liberi professionisti in questa fase drammatica causata dall’emergenza Covid-19.
A questo proposito, tutti i partecipanti si sono stretti attorno ai colleghi rappresentanti delle professioni sanitarie, ringraziandole per il lavoro eroico che stanno svolgendo in questi giorni.
Per queste ragioni, nei prossimi giorni i rappresentanti delle 21 professioni che hanno partecipato il 20 marzo a questo incontro C.U.P./R.P.T. lavoreranno ad un pacchetto di proposte unitario che tenga conto delle esigenze generali, nella logica della sussidiarietà al Paese, principio guida della loro attività, e di quelle specifiche delle singole professioni. Un lavoro che scaturirà, a strettissimo giro, nella elaborazione di un Manifesto delle professioni col quale i 2,3 milioni di professionisti rappresentati si proporranno in maniera unitaria e compatta al Governo per un’interlocuzione seria e puntuale.
Nel frattempo, CUP e RPT hanno chiesto un incontro urgente ai Ministri del Lavoro e delle Finanze per definire una serie di iniziative a tutela delle professioni.
I professionisti, hanno sostenuto CUP e RPT, devono riaffermare il proprio ruolo e parlare con un’unica voce. Non hanno bisogno di interventi a pioggia ma di una serie di interventi precisi, mirati. Chiarendo le modalità di applicazione dell’art.44 (Reddito di ultima istanza) e quindi la disponibilità di risorse per i professionisti.
E non solo!! Il Governo, hanno sostenuto le Professioni, deve mettere le Casse di Previdenza Private cui sono iscritte, in condizione di intervenire in maniera forte e risolutiva, utilizzando risorse proprie.

Basterebbe rendere disponibili tutte le somme della ingiusta doppia tassazione delle Casse (stimabile in 1 miliardo di euro), per un anno, che potrebbero alimentare provvedimenti importanti per la ripresa degli studi professionali ed a ristoro della crisi.
Poi, naturalmente, servono interventi nella direzione del rinvio del pagamento delle tasse, dell’eliminazione della ritenuta d’acconto, diventata anacronistica dopo l’introduzione della fattura elettronica. Ma soprattutto i professionisti ordinistici pretendono interventi decisi che rendano possibile risollevarci una volta passata l’emergenza, aggredendo i temi della sburocratizzazione, della semplificazione, delle infrastrutture.
I professionisti sono stufi di essere considerati una categoria di privilegiati!!
Chi continua a pensarlo vive ormai da anni fuori dalla realtà.
I professionisti ordinistici sono ora una categoria in difficoltà che ha bisogno di aiuti, esattamente come gli altri lavoratori.
In questo senso, i professionisti C.U.P./R.P.T. hanno espresso forti critiche all’art.44 (Reddito di ultima istanza) anche per aver incluso diverse forme di lavoratori senza prevedere una quota per le professioni ordinistiche.
Le conclusioni dei Professionisti C.U.P./R.P.T. sono da brividi.
Siamo in una condizione di guerra che può essere affrontata solo con proposte choc, 2,5 milioni di professionisti sono ormai alla canna del gas, anche a causa dell’abolizione delle tariffe e del loro conseguente impoverimento, e chiedono interventi radicali, come ad esempio l’eliminazione del Codice Appalti che, come attualmente strutturato, ingabbia il Paese. Non servono interventi che seguano la logica del reddito di cittadinanza, i professionisti non sono tutti uguali. Servono interventi specifici che tengano conto delle situazioni differenti”.
L’iter di conversione del D.L. Cura Italia sarà l’occasione per un intervento fattivo dei C.U.P./R.P.T. presso il Parlamento ed i Gruppi Politici affinchè tengano conto delle condizioni sempre più critiche degli studi professionali.
Buon lavoro.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/FC

notizie dall’ordine n° 34/2020 del 03/04/2020

La problematica FSBA/datori di lavoro non iscritti ed intervento del Fondo per le sospensioni e/o riduzioni di lavoro a seguito di COVID- 19. La Presidente Marina Calderone si è rivolta, con nota del 31 marzo scorso, al Ministro del Lavoro, Sen. Nunzia Catalfo ed al Presidente dell’INPS.   Questa emergenza epidemiologica ha colpito il nostro […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 33/2020 del 02/04/2020

Il DPCM 1 Aprile 2020 ha prorogato a tutto il 13 aprile prossimo l’efficacia delle misure in materia di “contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID- 19” confermando le restrizioni agli spostamenti, la sospensione di determinate attività economico-produttive e di servizi ivi comprese le cerimonie funebri, matrimoni ed ogni attività didattica. Di conseguenza le determinazioni […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 31/2020 del 20/03/2020

Sottoscritto ieri, 19 marzo 2020, l’accordo quadro della Regione Campania per la Cassa Integrazione in deroga (CIGD) prevista dall’art. 22 del Decreto Legge 17 marzo 2020 n.18. L’accordo contiene qualche “dimenticanza” e qualche “forzatura”. Inopinatamente escluse dal ricorso alla CIGD le imprese con più di 50 dipendenti. Prevista una “condivisione” con le OO.SS. I Consulenti […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 30/2020 del 18/03/2020

Nuove misure “anti-contagio” assunte dal CPO di Napoli per garantire ulteriormente la salute e la sicurezza dei dipendenti, colleghi, praticanti, fornitori e consiglieri. Ridotte al massimo le presenze nei locali operativi del CPO di Napoli. Ricorso allo “smart-working” a rotazione per i tre impiegati. Fatta elencazione delle attività da svolgersi “in presenza”. Contingentato l’accesso degli […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 29/2020 del 10/03/2020

L’ADEPP (Associazione degli Enti Previdenziali Privati), cui aderisce anche l’ENPACL, chiede al Governo che le provvidenze, a seguito dei disagi economici causati dall’epidemia COVID-19, ai lavoratori autonomi e liberi professionisti pari ad € 500,00 mensili sanciti dal D.L. 9/2020 siano estese anche ai liberi professionisti ordinistici iscritti agli Enti di Previdenza privati. Nel frattempo il […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 28/2020 del 09/03/2020

I provvedimenti adottati dal CPO di Napoli alla luce delle disposizioni ex DPCM del 4 marzo 2020 e della Nota del CNO del 6 marzo 2020. Confermata la sospensione di ogni attività formativa, in modalità frontale, fino al 3 aprile 2020. Cautele per evitare sovraffollamenti negli Uffici di segreteria del CPO e consentire la distanza […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 27/2020 del 03/03/2020

Il 25 marzo 2020, presso il Seggio Elettorale del CPO di Napoli, in Via A. De Gasperi, 55, Napoli, Sala “Russo Spena”, si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del CPO e del Collegio dei Sindaci Revisori per il triennio 2020/2023 con inizio alle ore 09:00 e fino alle ore 19:00. Il 2 marzo scorso […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 26/2020 del 02/03/2020

La strutturazione e la rendicontazione di progetti con finanziamenti europei. Questo il tema oggetto dell’importantissima iniziativa formativa gratuita assunta con la Regione Campania. 28 i posti riservati agli Iscritti all’Ordine di Napoli. Entro lunedì 9 marzo p.v. sarà possibile presentare, by pec all’Ordine, la propria candidatura per la partecipazione ai corsi.   Il ns. CPO […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 25/2020 del 02/03/2020

L’emergenza COVID-19, c.d. Coronavirus, entra anche negli studi professionali dei Consulenti del Lavoro. Con ordinanza prot. ORDSI/2020/0000107 del Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, si rende necessario procedere ad una attività straordinaria di disinfezione utilizzando le sostanze di cui al protocollo del Ministero della Salute del 22 febbraio 2020.   Il Sindaco di Napoli, De […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 24/2020 del 27/02/2020

Coronavirus e riflessi sull’occupazione, contribuzione e fisco. Dopo i primi provvedimenti del Governo relativi alle aziende e persone fisiche della “zona rossa” dove insistono i focolai del virus e la popolazione è in quarantena, il CNO suggerisce altri provvedimenti ritenuti necessari. La tutela degli studi professionali.   Non c’è giorno che non si parli del […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF