Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 5/2021 del 12/01/2021

Il CNO prende immediata posizione contro il Msg INPS n.72 del 11 gennaio 2021 con il quale l’Istituto, a seguito anche di parere ministeriale, sancisce (!!) che la decontribuzione vada applicata a dicembre solamente su 3/12 della 13^ mensilità. A parte l’aspetto giuridico, il CNO ha ricordato che non si può “interpretare” quando buona parte delle buste paghe sono state elaborate al pari della contribuzione. Resta in ogni caso la scarsa considerazione del ns. lavoro.

 

Ieri sera, nel consueto orario 21:30/22:00 come è nelle sue migliori tradizioni, l’INPS ha diramato il Msg n. 72 del l 11 gennaio 2021 nel quale, al paragrafo 4, su preciso parere del Minlavoro, ha sancito che la decontribuzione, nel mese di Dicembre, debba tener conto solo del 3/12 della 13^ mensilità.
Già nella serata di ieri il ns. CPO ha preso posizione, dal punto di vista giuridico e poi sotto il profilo etico-comportamentale, contro l’assurda interpretazione dell’Istituto (id: del Ministero) che contravviene alle regole ermeneutiche più elementari nell’imporre lo spacchettamento della 13^ mensilità.
Abbiamo osservato come nel mese di dicembre ci sia solo l’atto di erogazione e che la 13^ pur maturando COME DIRITTO mese per mese deve essere, poi, EROGATA CON LA RETRIBUZIONE IN CORSO AL MESE DI DICEMBRE e sottoposta a contribuzione in base alle aliquote vigenti in QUEL MESE.
E che ragionando, poi, così, la stessa cosa si sarebbe potuta pretendere per ferie maturate in periodi precedenti (quando non sussisteva decontribuzione) ma fatte godere a Dicembre.
Quindi, sul piano del diritto, UNA CASTRONERIA UNICA!!
Peggio ancora sul piano comportamentale.
Non si può, la sera del 11 gennaio, quanto l‘80% delle buste paga è stato elaborato con relativo conguaglio e calcolo dei contributi, intervenire sulla determinazione della “decontribuzione”.
E’ un comportamento INQUALIFICABILE che si è ripetuto numerose volte in materia di ammortizzatori sociali a partire da marzo 2020.
A nulla, quindi, vale la CONCESSIONE che ci obbliga a restituire con le operazioni contributive di gennaio 2021 la decontribuzione “non spettante” con l’indicazione dei relativi codici.
Stamane ha preso posizione su tale scempio il ns. CNO, a firma della Presidente Calderone, con una nota, Prot. 2021/0000315, inviata al Presidente dell’INPS Prof. Pasquale Tridico.
L’incipit della nota de qua è fondamentale:” il messaggio n. 72 dell’11 gennaio 2021 con cui l’Istituto ha disciplinato tra l’altro gli aspetti operativi della c.d. Decontribuzione Sud sulla tredicesima mensilità non è accettabile”.
E poi così prosegue:
“E va a colpire, per l’ennesima volta in questa pandemia, le finanze degli imprenditori e dei lavoratori autonomi che si vedono negato il diritto previsto dalla norma di versare contributi in misura ridotta.
Come Le è noto, l’art. 27 della legge n. 126/20 ha introdotto uno sgravio del 30% dei contributi Inps dovuti dai datori di lavoro ubicati nelle regioni meridionali.
La misura ha le caratteristiche dell’aiuto al mantenimento dei livelli occupazionali e non d’incentivazione all’occupazione ed è entrata in vigore a ottobre dell’anno scorso.
L’Inps peraltro ha già regolamentato tale disciplina con circolare n. 122 del 22 ottobre 2020; ma, né in tali istruzioni né in quelle successive, è stato mai affrontato il tema della variazione delle modalità di calcolo dei contributi sulla tredicesima mensilità.
Le modalità con le quali risulta ora gestita questa importante questione sono quindi da stigmatizzare, sia nella forma che nel merito.
Nel merito, perché l’art. 6, comma 9, del Decreto Legislativo 2 settembre 1997, n. 314, stabilisce che le gratificazioni annuali e periodiche (comprendenti anche la tredicesima e la quattordicesima mensilità) devono essere assoggettate a contribuzione nel mese di corresponsione
ed allo stesso imputate (Circolare INPS 263/1997).
I contributi vanno versati sull’intera tredicesima maturata e corrisposta; non si comprende, allora, perché la decontribuzione correlata dovrebbe seguire criteri differenti e incoerenti.
Nella forma, in quanto questa non condivisibile interpretazione arriva in ritardo cioè in prossimità della scadenza del pagamento dei contributi stessi, con la maggior parte delle aziende e dei Consulenti del Lavoro che hanno già concluso i conteggi e la contabilizzazione dei relativi costi.
I motivi addotti nel merito dovrebbero indurre l’Istituto a rivedere la scelta interpretativa adottata, pur se supportata da un non condivisibile parere ministeriale”.

Secondo noi va presa una decisione drastica. Non si può essere schiavi di una burocrazia ottusa!!
Buon lavoro
Ad maiora          

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.
ED/FC

notizie dall’ordine n° 9/2021 del 19/01/2021

Pubblicato in G.U., Serie Generale, n.11 del 15 gennaio 2021 il DPCM 14 gennaio 2021 con l’entrata in vigore dal 16 gennaio. Un utile vademecum con tutte le principali misure in vigore dal 16 gennaio al 5 marzo 2021. Restano fermi il “coprifuoco” e “ l’uso della mascherina”. Tra le novità l’introduzione di una “fascia […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 8/2021 del 18/01/2021

Il Presidente del CPO di Bolzano, Loris de Bernardo, ha chiesto al CNO di intervenire a pubblicizzare la necessità dei colleghi iscritti in quell’Albo provinciale di instaurare rapporti di collaborazione con altri Colleghi d’Italia per redazione di buste paga e/o contabilità. Due i requisiti fondamentali: la buona conoscenza della lingua tedesca e l’interesse a trasferirsi […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 7/2021 del 15/01/2021

Ai blocchi di partenza l’attuazione del programma formativo per il biennio 2021/2022. Inizieremo con una serie di “Convegni Zonali CPO/ANCL” provvedendo all’invito diretto di quanti hanno domicilio professionale in zone prescelte dalla ns. Commissione Formazione ed in misura di ben 500 colleghi ogni volta. Aderendo all’invito, cliccando sul link contenuto nello stesso e fornendo nominativo, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 6/2021 del 13/01/2021

Il comparto delle Professioni Sanitarie aderente al CUP Napoli “Maurizio de Tilla” offre la propria disponibilità al Presidente della Regione Campania, On.le Vincenzo De Luca, a collaborare nella campagna vaccinale per il COVID-19. Nota CUP-Prot. 01/u del 13 gennaio 2021. Inviato al Governatore De Luca l’elenco degli iscritti alle Professioni Sanitarie da utilizzare per la […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 4/2021 del 11/01/2021

Varato anche il provvedimento “Milleproroghe” con D.L. n.183/2020 del 31 dicembre 2020, in G.U. n.323 del 31 dicembre 2020. Tra le proroghe si annovera lo smart working e, per tutto il 2021, le modalità di svolgimento degli esami di abilitazione all’esercizio della professione con la sola prova orale. La “lotteria degli scontrini” è stata differita […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 3/2021 del 08/01/2021

Dal 1 gennaio è in vigore la “Legge di Bilancio 2021” (Legge 30/12/2020 n.178 – in G.U. n.322 del 30/12/2020) subito modificata dal D.L. 182/2020 del 31/12/2020 (in G.U. n.323 del 31/12/2020) contenente, tra le altre, numerose disposizioni in materia di lavoro alla luce della pandemia ancora in atto. Un breve excursus cui seguiranno gli […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 2/2021 del 07/01/2021

Da chi meno te lo aspetti. Il CNO fa sospendere l’avviso pubblico dell’ANPAL finalizzato alla creazione di un “elenco di consulenti per la produttività aziendale e l’equilibrio vita-lavoro”. L’iniziativa di ANPAL SERVIZI costituiva, secondo il ns. CNO, una palese violazione delle prerogative che la Legge 11/01/1979 n. 12 assegna il via esclusiva a coloro che, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 1/2021 del 5/01/2021

Formazione dei Revisori Legali per il triennio 2020/2022. Il nuovo calendario formativo stabilito dal D.L. 183/2020 (G.U. n.323 del 31 dicembre 2020). Resta invariato l’obbligo dei 60 crediti formativi nel triennio ma con una diversa ripartizione annuale a cagione degli effetti pandemici. Il CNO, attraverso il D.G. Dott.ssa Francesca Maione, ne ha dato notizia oggi, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 143/2020 del 31/12/2020

Importante “focus” della Fondazione Studi del 28 dicembre scorso sugli effetti della pandemia sull’occupazione privata e sul lavoro autonomo. Il 2021 sarà egualmente di sofferenza su questo piano nel mentre nel 2022 si potrà uscire dalla crisi. E’ quanto emerge dal 2° Rapporto della Fondazione Studi sugli effetti della Pandemia anche a seguito di sondaggio […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 142/2020 del 28/12/2020

Il CNO dà attuazione alla modifica del Regolamento per le elezioni dei CPO e dei CRC che aveva introdotto, a cagione dell’emergenza, la previsione, nel nuovo art. 27, della possibilità di esprimere il voto a distanza garantendo i requisiti della personalità e segretezza del voto. E’ stata scelta la PIATTAFORMA per l’attuazione. Non appena i […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF