Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 65/2019 del 16/09/2019

IL 12 SETTEMBRE SCORSO IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL’ORDINE HA ORGANIZZATO A ROMA CON L’OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO (O.M.L.) DEL C.E.S.E. (COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO), DI CUI FA PARTE LA PRESIDENTE CALDERONE, UN IMPORTANTE CONVEGNO SULLA “DISOCCUPAZIONE DI LUNGO PERIODO”. PRESENTE ANCHE IL PRESIDENTE INPS, PROF. TRIDICO. DI RILIEVO MEDIATICO ED INTERESSANTI, COME SEMPRE, LE PROPOSTE DEI CONSULENTI DEL LAVORO SULLA NECESSITA’ DI INVESTIMENTI NELLE POLITICHE ATTIVE IN GRADO DI FAVORIRE L’OCCUPAZIONE.

 

Nei giorni scorsi c’è stato, ancora una volta e con effetti mediatici strabilianti, l’ennesima elevazione di immagine della Categoria dei Consulenti del Lavoro sempre più punto di riferimento “di tutti” in materia di “lavoro ed occupazione”.

Anche se la notizia poteva sfuggire, ci hanno pensato la stampa specializzata, i social, le televisioni a proiettare verso l’opinione pubblica lo svolgimento di un Convegno (Roma, Palazzo Vedekind in Piazza Colonna, 366) e le relative risultanze tra le quali spiccano le proposte della categoria dei Consulenti del Lavoro.

Il Convegno è stato organizzato dal Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro il 12 settembre scorso insieme all’Osservatorio del Mercato del Lavoro (O.M.L.), di derivazione del C.E.S.E. (Comitato Economico e Sociale Europeo) del quale fa parte a pieno titolo e con nostro orgoglio la Presidente del CNO, Marina Calderone.

Il tema del Convegno era di quelli che la stampa specializzata definisce “calamitosi” nel senso di idoneità ad attrarre l’attenzione dell’opinione pubblica. Si trattava di discutere come “Combattere la disoccupazione di lungo periodo: il ruolo della società civile organizzata”.

Chiaro e forte il messaggio dei Consulenti del Lavoro su questa tematica che viviamo quotidianamente stando a contatto con le imprese (id: poche assunzioni) ed al cospetto di un’economia che non tende a crescere.

La ns. Presidente, in sintesi, ha rimarcato il ruolo delle Politiche Attive proponendo di investire in percorsi di riaccompagnamento al lavoro per i disoccupati onde impedire che il “reddito di cittadinanza” si trasformi in una misura prettamente assistenziale.

Il Presidente INPS, Prof. Pasquale Tridico, ha sostenuto, invece, la necessità di “investire nella scuola”, “nella formazione continua” e “nelle competenze”.

I dati della disoccupazione di lungo periodo in Italia sono davvero impressionanti. La percentuale di questa disoccupazione lunga è pari al 51,2% su di un totale di 2.865.000 disoccupati.

Nel commentare questo dato, la Presidente Calderone ha posto l’accento sulla spesa in “politiche passive” sostenuta dal nostro Paese che non ha la disponibilità né la convenienza ad aderire su base volontaria a programmi di Politica Attiva del lavoro.

A questo punto, la Presidente Calderone ha fatto riferimento al rapporto annuale diffuso dall’Inps nel mese di luglio scorso che evidenzia, nel 2018, una spesa di 15 mld di euro a fronte dei 5,7 mld che hanno alimentato il fondo per la disoccupazione ed ha rimarcato come i Servizi per l’Impiego siano dotati di poco personale, senza investimenti tecnologici, in ciò incentivando il disoccupato a scegliere la strada più conveniente della fruizione del sussidio di politica passiva.

E qui, la ns. Presidente è andata al “cuore del problema” senza mezzi termini: un piano di investimenti in PAL riservato a quel milione e mezzo di disoccupati che ogni anno percepiscono il sussidio NASPI.

Attualmente, come ha riferito la Presidente, l’assegno di ricollocazione è stato dirottato sui beneficiari del reddito di cittadinanza avviabili al lavoro.

La vera sfida, dunque, è quella di evitare che il reddito di cittadinanza, specie al Sud dove la disoccupazione è maggiore, diventi una misura assistenziale.

Da qui la necessità, ha ancora affermato la Presidente dei Consulenti del Lavoro, di produrre quel benefico “matching” tra la politica di sostegno e gli interventi di riaccompagnamento al lavoro. E qui emerge il ruolo dei Consulenti del Lavoro che assistono 1,5 mln di imprese e gestiscono 8 mln di rapporti di lavoro.

I Consulenti del Lavoro, ha concluso la Presidente Calderone, possono contribuire ad un maggiore incrocio tra domanda ed offerta anche grazie alla Fondazione Consulenti per il Lavoro ma, coerentemente con la Raccomandazione 2016 del Consiglio dell’U.E. sull’inserimento nel mercato del lavoro dei disoccupati di lungo periodo, occorre che il Governo promuova investimenti in riqualificazione del lavoro per chi il lavoro l’ha perso, in linea con le

esigenze delle imprese. Sono queste, infatti, che possono raccontarci i fabbisogni formativi dei lavoratori e farci riflettere sulle nuove figure professionali di cui ha bisogno il mercato.

Di rilievo anche l’intervento del Presidente dell’O.M.L., Krzysztof Pater, che ha evidenziato il ruolo importante dell’Europa nell’affrontare la piaga dei disoccupati di lungo periodo.

Ha affermato: “Dopo la raccomandazione europea, la Commissione europea ha implementato e messo in atto numerose misure per fornire sostegno ai disoccupati coinvolgendo tutti gli Stati membri, soprattutto quelli con maggiori risorse”. In quest’ambito si muove anche il Comitato Economico e Sociale Europeo per individuare le opportunità di lavoro a livello nazionale e comunitario e contribuire ad affrontare gli squilibri tra domanda e offerta sul mercato del lavoro.

Fin qui il Convegno!!

Ora, secondo noi, tutto spetta all’Europa ed agli Stati membri. La prima per destinare ulteriori risorse agli Stati da investire in PAL o per consentire, oltre i parametri ed in regime di flessibilità considerata la crisi economica dei Paesi U.E., l’utilizzo del deficit da investire in PAL.

Lo speriamo!!!!

Buon lavoro

Ad maiora  

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

 (*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

notizie dall’ordine n° 09/2020 del 20/01/2020

Il CNO, rappresentato dal Vice Presidente Sergio Giorgini, ha partecipato il 16 gennaio scorso alle audizioni alla Camera dei Deputati per il contenuto del Decreto Legge “Milleproroghe 2020” evidenziando la necessità di almeno due interventi. Il primo riguarda la tenuta dell’Albo contenente i soggetti incaricati di gestire le crisi d’impresa. Il secondo, invece, attiene alle […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 08/2020 del 16/01/2020

L’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro e la Fondazione Studi, attraverso l’elaborazione dei dati CICO (Campione Integrato Comunicazioni Obbligatorie), fanno luce sui licenziamenti a tutele crescenti dopo l’emanazione del Jobs Act e quelli, per assunti ante jobs act, sorretti dall’art. 18 della legge 300/1970. Dal confronto dei dati delle due tipologie di licenziamenti risulta infondata […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 07/2020 del 14/01/2020

Per i giovani l’attuale mercato del lavoro è una corsa ad ostacoli. Appare, infatti, difficile il passaggio dalla formazione al lavoro con l’aggravante di una funzione pubblica di intermediazione non sempre al passo con le esigenze di chi è in cerca di lavoro. Proprio per questo il CNO e la Fondazione Studi hanno organizzato il […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 06/2020 del 13/01/2020

Positivo il bilancio delle attività in favore della Categoria svolte dalla Fondazione Studi nel 2019. Dai “corsi formativi” alla “Summer School”, dai “Videoforum” al “Festival del Lavoro” passando per “Gli Stati Generali della Categoria per i 40 anni della legge 12/1979”. Rosario De Luca, Presidente della Fondazione Studi, non nasconde la sua orgogliosa soddisfazione ed […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 05/2020 del 10/01/2020

Nelle giornate del 15, 16 e 17 gennaio prossimi, ci saranno le audizioni di garanzia per circa 100 colleghi deferiti al Consiglio di Disciplina per morosità oltre i 12 mesi e, dunque, in relazione al mancato pagamento della quota, per il CPO ed il CNO, dell’anno 2018. La sanzione prevista dalla Legge 12/1979 per tale […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 04/2020 del 09/01/2020

Anno nuovo, F.C.O. sempre in primo piano. Il 22 gennaio 2020 ci sarà il primo evento formativo dell’anno. Avremo la possibilità nei 6 punti di ascolto di assistere al VIDEOFORUM del CNO/Fondazione Studi sulle novità in materia di lavoro e fiscale introdotte dalla Legge di Bilancio 2020.   L’anno 2020, per il quale vi rinnoviamo […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 03/2020 del 08/01/2020

Legge di Bilancio 2020. Flat tax. Reintrodotto dal 2020 il divieto di cumulo tra redditi di lavoro dipendente ed autonomo. Secondo l’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro della Fondazione Studi si perderanno oltre 10.000 Partite IVA.   La Legge di Bilancio di uno Stato, come il nostro che vive e sopravvive con il debito pubblico […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 02/2020 del 07/01/2020

Anche Vincenzo Silvestri, Presidente della Fondazione Consulenti per il lavoro, esprime soddisfazione per i risultati raggiunti nel 2019. Restano le perplessità per il ruolo delle Agenzie per il Lavoro private e per la riforma del reddito di cittadinanza collegata all’assegno di ricollocazione riservato, al momento, ai soli beneficiari del sussidio.   Dopo Alfio Catalano, Presidente […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 01/2020 del 03/01/2020

  Bilancio positivo per l’anno 2019 dell’O.M.C.C. (Organismo di Mediazione Civile e Commerciale), presieduto da Alfio Catalano, istituito presso la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro e progetto ambizioso per il 2020. Implementare il “manuale della mediazione civile e commerciale dei Consulenti del Lavoro” ed estendere l’istituto anche ad “altri” conflitti aziendali.   Alfio Catalano, Presidente […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 92/2019 del 30/12/2019

Sottoscritta, il giorno 11 dicembre scorso a margine di un Convegno di Studi a Milano, un’importante Convenzione tra l’Agenzia per il lavoro Quanta S.p.A. e la Fondazione Consulenti per il Lavoro. I Consulenti del Lavoro potranno proporre ai loro clienti, attraverso la Quanta S.p.A., la soluzione del “lavoro temporaneo in somministrazione” quale strumento alternativo ad […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF