Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 69/2019 del 02/10/2019

L’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro e la Fondazione Studi hanno presentato nel corso del Convegno Interregionale svoltosi a Matera il 27 settembre scorso un report dal titolo “Il lavoro nel mezzogiorno”.  Molto allarmanti i dati alcuni dei quali, relativi a Napoli ed alla Regione Campania, furono oggetto di disamina preventiva nel VI Forum “Lavoro, Occupazione, Imprese & Libere Professioni” il 9 maggio u.s. presso il Centro Congressi della Stazione Marittima. Cosa occorre fare per invertire questa negativa tendenza considerato l’aumento del divario occupazionale tra Nord e Sud. L’analisi e le proposte dei Consulenti del Lavoro a Matera.

 

Grandi Convegni della nostra Categoria, grandi report statistici sull’andamento dell’economia e dell’occupazione della Regione dove si svolge l’evento formativo/informativo.

Il tutto attraverso il lavoro, paziente, certosino, dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro e della Fondazione Studi.

E così, nel corso del Convegno Interregionale Basilicata/Puglia svoltosi a Matera, Capitale della Cultura, il 27 settembre scorso, la Fondazione Studi ha presentato il report “Il lavoro nel mezzogiorno” esponendo, analizzando e disquisendo su dati per niente incoraggianti e da bollettino di guerra, prospettando, a fronte di questa emergenza Sud, come invertire la tendenza.

E’ stato un sequel, a livello di negatività dei dati relativi al Mezzogiorno, di quelli già esposti da noi nel corso del VI Forum “Lavoro, Occupazione, Imprese & Libere Professioni” svoltosi il 9 maggio 2019 nel Centro Congressi della Stazione Marittima relativi all’economia ed occupazione in Campania e nelle singole province che la compongono.

A Matera l’indagine ha riguardato l’intero Mezzogiorno d’Italia avendo il 2018 come anno di riferimento.

Orbene, nel 2018 nel Mezzogiorno meno della metà della popolazione in età da lavoro risulta occupata, più di 1 giovane su 3 non studia e non lavora (Neet). Mancano all’appello 3 milioni di posti di lavoro.

In costante crescita precariato e lavori poco qualificati: in 10 anni i contratti stabili sono diminuiti del 7% e i lavori non qualificati hanno raggiunto il 15,7%, a fronte di una flessione del 2% delle professioni

altamente specializzate. Inoltre, a fine 2018, è emerso che per superare il divario che separa il Mezzogiorno dal resto d’Italia sarebbe stato necessario creare circa 3 milioni di posti di lavoro nelle sole regioni meridionali. In un quadro di emergenza strutturale come questo, resta necessario generare nuova occupazione al Sud con investimenti mirati a impedire l’abbandono dei territori da parte di imprese e nuovi talenti.

A conferma di ciò, i dati Istat rilevano che nei prossimi trent’anni in Italia la popolazione in età lavorativa diminuirà circa di 7,3 mln di persone, metà delle quali nel Meridione (3,8 mln), dove la flessione sarà pari a un quarto (-28,1%), con un aggravio dei già consistenti squilibri economici e produttivi.

Il “report” ha analizzato la situazione economica, demografica e occupazionale delle regioni del Sud ed evidenziato le forti disuguaglianze con il resto del Paese.

Se guardiamo alla classifica delle province italiane per tasso di occupazione nel 2018, in coda troviamo Trapani (38,4%), preceduta da Napoli (38,7%) e da Agrigento (38,8); in vetta invece tre province del Nord: Bolzano, con il 73,5% della popolazione occupata, Bologna con il 72,4% e Belluno con il 70,4%. Altre tre province meridionali occupano i primi posti in classifica per tasso di disoccupazione. Prime Crotone e Agrigento (27,6%), seguite da Messina, dove più di un quarto della popolazione è in cerca di lavoro (25,5%).

Non meno preoccupanti i dati riguardanti la disoccupazione giovanile che rimarcano il forte gap con il Nord Italia: se a Matera oltre 2 giovani su 3 fra 15 e 24 anni non trovano lavoro (69,2%), a Monza e Brianza in questa condizione si trova meno di 1 giovane su 10 (9,2%). Il 36,6% dei giovani meridionali tra i 15 e i 35 anni sono Neet, a fronte del 16,3% del Settentrione.

Significativo anche il divario di genere: sotto la media nazionale di occupazione femminile (49,5%) si trovano solo province meridionali, fra cui fanalino di coda è Agrigento con appena il 23,6% di donne occupate. Qui, infatti, 2 donne su 3 scelgono di non lavorare (il 68,9%), molto spesso a causa di salari troppo bassi che, in caso di figli a carico, si ridurrebbero drasticamente per sostenere le spese per la cura dei bambini e il lavoro domestico.

I dati registrati dall’Osservatorio mostrano anche come le misure di decontribuzione adottate negli ultimi anni risultino insufficienti in assenza di un piano strutturale di politiche attive del lavoro.

In particolare, gli esoneri contributivi del 2015 e 2016 – che hanno sostituito quelli della legge 407/90 sulle assunzioni agevolate con particolare attenzione al Mezzogiorno – non hanno prodotto particolari vantaggi a livello territoriale.

Solo dal 2017 in poi, con l’incentivo “Occupazione Sviluppo Sud” sono state favorite assunzioni e trasformazioni di contratti a tempo indeterminato, ma non il superamento del divario occupazionale Nord-Sud. Senza considerare, poi, che invece di introdurre misure efficaci di riqualificazione e accompagnamento al lavoro, è stata incrementata la spesa per sussidi di disoccupazione. Nel 2018 il costo medio mensile della NASpI è stato di 1,25 miliardi di euro, a cui si sono aggiunti, nel 2019, 284 milioni al mese per sostenere il reddito di cittadinanza.

Quest’ultima misura vede a settembre 2019 oltre 842 mila nuclei familiari beneficiari, di cui il 65,1% dei percettori e il 61,7% delle famiglie vivono al Sud. Se si moltiplica l’importo medio mensile dell’assegno – 518,36 euro – per i nuclei percettori del reddito, la spesa mensile in deficit ammonta a 437 milioni di euro, 285 dei quali sono destinati alle regioni meridionali.

Un’operazione di questo genere è sostenibile solo attraverso un piano di ricollocazione professionale dei disoccupati e una rete efficiente di servizi per l’impiego, che integri pubblico e privato”, ha

sottolineato il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca. “Pertanto, per superare il divario Nord-Sud Italia – ha aggiunto – sarà determinante attuare la fase 2 del reddito di cittadinanza, incentrata sulle politiche attive del lavoro con l’obiettivo di sostenere il percorso di ricerca o riqualificazione professionale di chi non ha un’occupazione”.

Ma non solo!! Secondo Rosario De Luca è necessario creare nuova occupazione facendo leva su un programma di abbattimento strutturale del costo del lavoro, che attiri investimenti in infrastrutture e tecnologia soprattutto nei territori del Mezzogiorno.

Abbiamo sostenuto con determinazione – ha precisato – l’estensione del ‘bonus Sud’ all’intero 2019 e l’utilizzo dei fondi ancora disponibili, perché i costi sostenuti dalle imprese che creano lavoro sono uno dei principali freni allo sviluppo dell’economia. Il taglio del cuneo fiscale e contributivo così come la semplificazione degli oneri burocratici sono interventi prioritari – ha concluso –, specialmente in quelle realtà in ritardo rispetto al resto del Paese”.

Ecco questa è la Categoria dei Consulenti del Lavoro. Di questo Report sull’economia ed occupazione del Mezzogiorno ne hanno parlato media e stampa specializzata citando la fonte dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro.

Ma non ci siamo limitati ad elaborare dati pubblici (id. ISTAT) ed in quanto tali incontrovertibili, ma abbiamo posto all’attenzione la nostra ricetta per invertire questa nefanda tendenza di gap produttivo ed occupazionale tra Nord e Sud per favorire una ripresa occupazionale generale che comprende gli anelli deboli della categoria degli attuali inoccupati: i giovani e le donne.

Abbiamo rimarcato la necessità di far ricorso a politiche attive, sburocratizzazione onde favorire investimenti al Sud, riduzione del cuneo fiscale e del costo del lavoro, premiare chi investe nel mezzogiorno.

Sono “suggerimenti” ben noti ai Colleghi di Napoli per tutte le volte che ne abbiamo parlato sui social, nel ns. Forum Lavoro ed in tanti Convegni.

E chi più del Consulente del Lavoro che vive il dramma delle PMI può suggerire, in qualità, tali rimedi?

Buon lavoro
Ad maiora

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/FC

 

notizie dall’ordine n° 16/2020 del 13/02/2020

Corso di aggiornamento ASSE.CO obbligatorio per gli Asseveratori iscritti da 24 mesi. Il Regolamento dell’ASSE.CO prevede specificatamente tale obbligo di aggiornamento biennale. Il Corso si terrà il 18 Febbraio prossimo, dalle ore 10:00 alle ore 17:00, presso la Scuola di Alta Formazione della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro in Roma al Viale del Caravaggio, 78. […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 15/2020 del 12/02/2020

Nella trasmissione della WEB TV dei Consulenti del Lavoro “Punti di vista” le tesi del Sottosegretario al M.E.F. Pier Paolo Baretta e del Vice Presidente della Commissione Lavoro del Senato, William De Vecchis, su riduzione della pressione fiscale e riforma delle pensioni. Il Presidente della Fondazione Studi, Rosario De Luca, ha evidenziato, invece, lo scarso […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 14/2020 del 11/02/2020

  Il prossimo 20 Febbraio altro importantissimo Convegno su di una tematica di interesse esclusivo e personale dei Colleghi. Affronteremo, con i vertici dell’ENPACL, il “Provvedimento Straordinario di Incentivazione alla Regolarità Contributiva” e, cosa che non guasta mai, la rilevanza disciplinare interna dell’inadempimento contributivo. Non mancheranno il ruolo dell’ANCL nella Previdenza di Categoria e le […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 13/2020 del 10/02/2020

Il 3 Febbraio scorso la Commissione Esaminatrice degli Esami di Abilitazione alla Professione di Consulente del Lavoro – sessione 2019 – ha completato le operazioni di correzione degli elaborati, effettuato gli abbinamenti e redatto il calendario delle prove orali. Su 140 partecipanti alle prove scritte ne sono stati ammessi agli orali 121. Dei 51 partecipanti, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 12/2020 del 06/02/2020

La Fondazione Studi con il documento “Verso la Riforma previdenziale. Alcuni elementi di riflessione” evidenzia le criticità del mercato del lavoro e le azioni da mettere in campo per sostenere la crescita. Particolarmente colpiti i giovani. I dati che evidenziano l’aumento dell’occupazione dal 2008 al 2018 vanno letti anche alla luce di una comparazione con […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 11/2020 del 05/02/2020

Esami di Stato di abilitazione all’esercizio della professione di Consulente del Lavoro – Sessione 2020. In G.U., 4^ serie speciale, n.9 del 31 gennaio 2020, il Decreto Direttoriale n. 1 del 30 gennaio 2020. Il 3 e 4 settembre 2020 le due prove scritte. Domande di partecipazione in esclusiva modalità telematica fino alle ore 24:00 […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 10/2020 del 27/01/2020

Legge di Bilancio 2020 e Decreto fiscale collegato. Problematica degli appalti e incombenze, relative alle ritenute, per committenti, appaltatori e subappaltatori. Nel corso del VIDEOFORUM CNO/ITALIAOGGI del 22 gennaio scorso il vice Presidente dell’Agenzia delle Entrate, Paolo Savini, ha preannunciato un incontro/confronto, al più presto, con i CDL e le Associazioni di Categoria per una […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 09/2020 del 20/01/2020

Il CNO, rappresentato dal Vice Presidente Sergio Giorgini, ha partecipato il 16 gennaio scorso alle audizioni alla Camera dei Deputati per il contenuto del Decreto Legge “Milleproroghe 2020” evidenziando la necessità di almeno due interventi. Il primo riguarda la tenuta dell’Albo contenente i soggetti incaricati di gestire le crisi d’impresa. Il secondo, invece, attiene alle […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 08/2020 del 16/01/2020

L’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro e la Fondazione Studi, attraverso l’elaborazione dei dati CICO (Campione Integrato Comunicazioni Obbligatorie), fanno luce sui licenziamenti a tutele crescenti dopo l’emanazione del Jobs Act e quelli, per assunti ante jobs act, sorretti dall’art. 18 della legge 300/1970. Dal confronto dei dati delle due tipologie di licenziamenti risulta infondata […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 07/2020 del 14/01/2020

Per i giovani l’attuale mercato del lavoro è una corsa ad ostacoli. Appare, infatti, difficile il passaggio dalla formazione al lavoro con l’aggravante di una funzione pubblica di intermediazione non sempre al passo con le esigenze di chi è in cerca di lavoro. Proprio per questo il CNO e la Fondazione Studi hanno organizzato il […]

Leggi di più

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF