Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 77/2020 del 10/07/2020

Ammortizzatori Sociali da COVID-19. Decreto Legge 34/2020 e Decreto Legge 52/2020. Ulteriori 5 settimane e successive ulteriori 4 senza soluzione di continuità. Nel mentre si è in attesa della circolare ufficiale dell’INPS sulle modalità procedurali, sulla stampa specializzata appare una nota dell’Ufficio Legislativo del Ministero del Lavoro che, intervenendo sulla sconosciuta bozza di circolare INPS, impone, tra le altre, la proposizione di tre distinte domande con i conseguenziali adempimenti. Una per le prime 9 settimane, l’altra per le ulteriori 5 settimane e un’altra ancora per le 4 finali anche se il godimento è senza soluzione di continuità. Una burocratizzazione inaccettabile, una presunta area di parcheggio. L’intervento del CNO con la nota Prot. 2020/0005371 del 9 luglio 2020 rivolta al Ministro del lavoro, Sen. Nunzia Catalfo.

 

Non capita di sovente che la stampa specializzata (e non) pubblichi la posizione ufficiale dell’Ufficio Legislativo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul contenuto di una bozza di circolare dell’INPS in materia di ammortizzatori sociali 9+5+4 previsti dal “Cura Italia”, dal Decreto Rilancio e, da ultimo, dal Decreto Legge 52/2020.

Ci riferiamo alla famosa “circolare” INPS della quale siamo in attesa frenetica di emanazione e che, redatta in bozza, sarà stata inviata dall’Istituto di Via Ciro il Grande al Ministero del Lavoro.

Quella stessa circolare di cui, in tutti i nostri Convegni, a decorrere dal primo, in videoconferenza, del 9 maggio 2020, abbiamo AUSPICATO la pubblicazione per fornire risposte esaustive ai tanti quesiti.

Non ultimo, ricorderete, il Convegno in vc del 6 luglio che, iniziato alle 16:00 si sarebbe dovuto concludere alle ore 18:00 ma che, in effetti, è terminato alle 19:15 in quanto i quesiti cui rispondere erano davvero tanti e la maggior parte afferente il numero delle domande da inoltrare e, conseguenzialmente, il numero delle informative sindacali, esami congiunto ed (eventuali) accordi.

E cosa succede?

L’ufficio legislativo del Ministero del Lavoro, non si sa il perché, riesce nell’intento di far pubblicare dalla stampa la propria nota contenente i rilievi critici alla bozza di circolare dell’INPS.

Ergo, gli addetti ai lavori, cioè noi, veniamo a conoscenza, INDIRETTAMENTE, del contenuto della bozza di circolare INPS dai rilievi del Ministero del Lavoro espressi con Nota 0007020 del 6 luglio 2020 con cui si sancisce la non concordanza con quanto asserito dall’INPS nella bozza di Circolare in esame del Minlavoro e si prospettano ben tre domande una per ciascun periodo 9+5+4 anche se sono fruite tali settimane senza soluzione di continuità.

E questi signori sono gli stessi che vorrebbero salvare l’Italia con il Decreto SEMPLIFICAZIONE.

La presa di posizione del ns. CNO non si è fatta sentire.

La Presidente, Marina Calderone si è rivolta al Ministro del Lavoro, Sen. Nunzia Catalfo, con nota prot. 2020/0005371 del 9 luglio 2020, esprimendo sorpresa ed amarezza per l’episodio avvenuto.

La nota de qua merita di essere riportata testualmente!!!

Gentile Signor Ministro,

la nota dell’Ufficio legislativo del Ministero del Lavoro del 6 luglio, divulgata e ampiamente commentata a livello mediatico ancor prima della circolare a cui si riferisce, desta non poca preoccupazione per i suoi contenuti.

Mi riferisco al fatto che essa impone la necessità di provvedere alla presentazione di due distinte istanze per la fruizione dei periodi di ammortizzatore sociale successivi alle prime nove settimane, previste all’origine dal decreto “Cura Italia”.

Viene specificato che sia per richiedere l’ulteriore periodo di cinque settimane, così come le quattro, originariamente fruibili solo da settembre, per le quali è stata riconosciuta la possibilità di una richiesta anche immediata, ove siano state utilizzate tutte le precedenti quattordici, è necessario formulare domande distinte, anche nel caso in cui si verifichi una richiesta di fruizione senza soluzione di continuità.

In particolare, la nota di cui trattasi (che allego alla presente) invita l’Istituto a correggere una bozza di circolare, peraltro ad oggi non nota, che consentirebbe invece la proposizione di un’unica domanda qualora, nella prospettazione della necessità dell’utilizzo dell’ulteriore periodo di cinque settimane, il datore di lavoro si trovi nelle condizioni di dover richiedere ancora una porzione residua del periodo riconducibile alla prima tranche di nove settimane.

La soluzione non appare condivisibile, considerato che impone una rigidità applicativa che si somma a quella della norma, la cui previsione dell’accesso “a scaglioni” ai vari periodi di ammortizzatore

sociale riconosciuti dalla legislazione di emergenza, rappresenta innanzi tutto una prima ragione di farraginosità non dovuta ad esigenze gestionali.

Prevedere, come la nota dell’Ufficio legislativo vorrebbe, domande separate in ogni caso, a prescindere dalla sussistenza di ragioni che in concreto dimostrano l’unicità del periodo di fruizione, appare perciò gravemente contrario a quelle esigenze di celerità, efficienza, semplificazione, le cui istanze provengono diffusamente e si dichiarano perseguite anche dal Governo.

In buona sostanza, imporre tale duplicazione comporterebbe un grave appesantimento della procedura, con ripercussioni in termini di efficacia. Impedire che, per un unico periodo sia possibile proporre un’unica domanda, che ricomprenda anche il periodo residuo non fruito, importerebbe:

– Duplicazione degli adempimenti formali, con speculare duplicazione degli incombenti per i datori di lavoro ed i professionisti che li assistono;

– Duplicazione di verifica di termini, controlli, attività degli uffici dell’Istituto;

– Aumento, abnorme, di fatto, dei tempi e del rischio dei ritardi.

Per tutte le considerazioni di cui sopra, questo Consiglio Nazionale chiede di correggere l’impostazione della nota dell’Ufficio Legislativo e prevedere con apposito provvedimento una sola istanza di accesso a Cigo e Fis con causale Covid per l’intero periodo oggetto di tutela.

In questa sede, si sollecita una rapida definizione della questione, onde consentire ad aziende e professionisti di operare con tempestività, senza rischiare di incorrere in errori procedurali a loro certamente non imputabili.

Cordiali saluti.

IL PRESIDENTE

(Dott.ssa Marina E. Calderone)

E tutto questo nell’assoluto silenzio di organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori.

Buon Lavoro

Ad maiora

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

 

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/FC

 

notizie dall’ordine n° 7/2021 del 15/01/2021

Ai blocchi di partenza l’attuazione del programma formativo per il biennio 2021/2022. Inizieremo con una serie di “Convegni Zonali CPO/ANCL” provvedendo all’invito diretto di quanti hanno domicilio professionale in zone prescelte dalla ns. Commissione Formazione ed in misura di ben 500 colleghi ogni volta. Aderendo all’invito, cliccando sul link contenuto nello stesso e fornendo nominativo, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 6/2021 del 13/01/2021

Il comparto delle Professioni Sanitarie aderente al CUP Napoli “Maurizio de Tilla” offre la propria disponibilità al Presidente della Regione Campania, On.le Vincenzo De Luca, a collaborare nella campagna vaccinale per il COVID-19. Nota CUP-Prot. 01/u del 13 gennaio 2021. Inviato al Governatore De Luca l’elenco degli iscritti alle Professioni Sanitarie da utilizzare per la […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 5/2021 del 12/01/2021

Il CNO prende immediata posizione contro il Msg INPS n.72 del 11 gennaio 2021 con il quale l’Istituto, a seguito anche di parere ministeriale, sancisce (!!) che la decontribuzione vada applicata a dicembre solamente su 3/12 della 13^ mensilità. A parte l’aspetto giuridico, il CNO ha ricordato che non si può “interpretare” quando buona parte […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 4/2021 del 11/01/2021

Varato anche il provvedimento “Milleproroghe” con D.L. n.183/2020 del 31 dicembre 2020, in G.U. n.323 del 31 dicembre 2020. Tra le proroghe si annovera lo smart working e, per tutto il 2021, le modalità di svolgimento degli esami di abilitazione all’esercizio della professione con la sola prova orale. La “lotteria degli scontrini” è stata differita […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 3/2021 del 08/01/2021

Dal 1 gennaio è in vigore la “Legge di Bilancio 2021” (Legge 30/12/2020 n.178 – in G.U. n.322 del 30/12/2020) subito modificata dal D.L. 182/2020 del 31/12/2020 (in G.U. n.323 del 31/12/2020) contenente, tra le altre, numerose disposizioni in materia di lavoro alla luce della pandemia ancora in atto. Un breve excursus cui seguiranno gli […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 2/2021 del 07/01/2021

Da chi meno te lo aspetti. Il CNO fa sospendere l’avviso pubblico dell’ANPAL finalizzato alla creazione di un “elenco di consulenti per la produttività aziendale e l’equilibrio vita-lavoro”. L’iniziativa di ANPAL SERVIZI costituiva, secondo il ns. CNO, una palese violazione delle prerogative che la Legge 11/01/1979 n. 12 assegna il via esclusiva a coloro che, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 1/2021 del 5/01/2021

Formazione dei Revisori Legali per il triennio 2020/2022. Il nuovo calendario formativo stabilito dal D.L. 183/2020 (G.U. n.323 del 31 dicembre 2020). Resta invariato l’obbligo dei 60 crediti formativi nel triennio ma con una diversa ripartizione annuale a cagione degli effetti pandemici. Il CNO, attraverso il D.G. Dott.ssa Francesca Maione, ne ha dato notizia oggi, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 143/2020 del 31/12/2020

Importante “focus” della Fondazione Studi del 28 dicembre scorso sugli effetti della pandemia sull’occupazione privata e sul lavoro autonomo. Il 2021 sarà egualmente di sofferenza su questo piano nel mentre nel 2022 si potrà uscire dalla crisi. E’ quanto emerge dal 2° Rapporto della Fondazione Studi sugli effetti della Pandemia anche a seguito di sondaggio […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 142/2020 del 28/12/2020

Il CNO dà attuazione alla modifica del Regolamento per le elezioni dei CPO e dei CRC che aveva introdotto, a cagione dell’emergenza, la previsione, nel nuovo art. 27, della possibilità di esprimere il voto a distanza garantendo i requisiti della personalità e segretezza del voto. E’ stata scelta la PIATTAFORMA per l’attuazione. Non appena i […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 141/2020 del 21/12/2020

  FIS E CIG. Decreti Legge 104/2020 e Ristori. Apertura a nuovi beneficiari ma impossibilità di attuazione per periodi pregressi per avvenuta scadenza del termine di presentazione delle domande. Emendamento del parlamentare Errani teso alla riapertura dei termini non accolto in Commissione pur essendoci un parere favorevole dell’INPS. La Presidente del CNO il 12 novembre […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF