Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 83/2019 del 14/11/2019

Decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio. Decreto Legge 26 ottobre 2019 n. 124. Il CNO, in audizione in Commissione Finanze della Camera dei Deputati, ha presentato un documento in cui auspica due proposte di modifica relative agli artt. 3 e 4 (compensazione crediti di natura fiscale oltre i 5000 euro e ritenute/compensazioni in appalti e subappalti.

 

Il Consiglio Nazionale ha partecipato alle audizioni, presso la Commissione Finanze della Camera dei Deputati, per il Decreto Fiscale collegato alla legge di Bilancio 2020 (id: D.L. 26 ottobre 2019 n. 124), presentando un documento nel quale auspica la revisione di due articoli (il 3 e il 4) per quanto attiene alla posizione dei lavoratori autonomi.

L’art. 3 prevede la possibilità di compensare crediti di natura fiscale per importi superiori a 5.000 euro annui.

L’art. 4 contiene, invece, la disciplina in materia di ritenute e compensazioni in appalti e subappalti.

Quanto precede nell’ambito della “necessaria e non più procrastinabile riorganizzazione del sistema tributario” evidenziato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro.

Per la Categoria gli intenti di lotta all’evasione e di semplificazione, più volte richiamati dal legislatore nelle recenti riforme, non hanno trovato piena corrispondenza nella pratica operativa.

Al contrario, invece, si sono moltiplicati gli adempimenti, le dichiarazioni, le scadenze e le richieste di documentazione nei confronti di contribuenti, imprese e professionisti, provocando disagi operativi e aumento di costi legati all’attività di tali soggetti.

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine, dunque, pur condividendo l’intento di contrasto all’evasione perseguito dal decreto, ha espresso diverse perplessità sui mezzi e le modalità individuate, che complicano ancor di più l’attuale sistema.

In particolare, in riferimento al contrasto alle indebite compensazioni, la modifica all'articolo 17, comma 1, del D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241 introdotta dall’art. 3 comma 1, D.L. 26 ottobre 2019 n. 124, viene estesa, oltre all’IVA, a tutte le tipologie di crediti di natura fiscale.

Di tale estensione ricevono i maggiori disagi i lavoratori autonomi che sono già soggetti alla ritenuta a titolo di acconto dell'imposta sul reddito peraltro già certificate dal committente e conosciute dall’Agenzia delle Entrate. La norma (id: art. 3), infatti, prevede la possibilità di compensare crediti di natura fiscale per importi superiori a 5.000 euro annui, a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui il credito emerge. Questa modifica crea per tali soggetti, percettori di redditi già gravati alla fonte da ritenuta d’acconto, enormi difficoltà finanziarie dovendo posticipare notevolmente il termine dal quale potranno effettuare le compensazioni “orizzontali”.

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine ha chiesto pertanto la modifica del comma 1, dell’art. 3, del Decreto fiscale escludendo i soggetti di cui agli articoli 53 e 54 del D.P.R. 917/1986.

Tra le proposte di modifica contenute nel documento presentato dal Consiglio Nazionale, inoltre, c’è quella inerente l’art. 4 sulle ritenute e compensazioni in appalti e subappalti e in merito all’estensione del regime del reverse charge.

Condivisibile per i Consulenti del Lavoro l’estensione del regime dell’inversione contabile con l’obiettivo di contrastare e arginare il fenomeno dell’evasione dell’IVA nei contratti di appalto e subappalto caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera. Troppo complesso e gravoso, invece, il meccanismo di comunicazioni incrociate e gli adempimenti relativi al versamento delle ritenute fiscali di lavoro dipendente ad opera del committente in luogo dell’appaltatore, dell’affidatario o del subappaltatore (cd. Sostituto del sostituto d’imposta).

Secondo il Consiglio Nazionale la disciplina introdotta dal provvedimento fa ricadere sulle imprese oneri amministrativi non proporzionati rispetto all'intento prefissato.

Il CNO, dunque, ritiene che la disciplina introdotta dall’art. 4 debba essere eliminata o, in subordine, rideterminata come segue: limitare la platea dei destinatari alle sole ipotesi di contratto di appalto e di subappalto di servizi endoaziendali (cd. Interni), in cui vi è prevalente utilizzo di manodopera (cd. labour intensive); semplificare la procedura introducendo un servizio informatizzato di controllo dell’operato dell’appaltatore/subappaltatore; infine, escludere dall’obbligo di versamento al committente (di cui al comma 12) anche le piccole e medie imprese, di fatto discriminate rispetto ai soggetti di maggiore dimensione.

Vedremo, ora, il Governo ed il Parlamento come si porranno a fronte di queste giuste argomentazioni e proposte del ns. CNO.

Buon lavoro

Ad maiora

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

 

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/FC

notizie dall’ordine n° 75/2021 del 29/07/2021

F.C.O. ANNO 2021. Formazione a distanza e-learning e webinar. Percentuale massima prevista dal Regolamento. Atto di coordinamento e di indirizzo del CNO per il corrente anno. Eventi in “videoconferenza”. Dal 1° settembre 2021, ritorno alla “normalità”. Dichiarazione di Responsabilità dei CPO e degli Enti Formatori autorizzati circa le caratteristiche tecniche della Piattaforma Webinar ed eliminazione […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 74/2021 del 22/07/2021

La Presidente del CNO, Marina Calderone, a fronte dell’invio massivo di richieste INPS di indicazione codici conguaglio tutela malattia ex art. 26 D.L. 18/2020, si rivolge al D.G. INPS, Dottoressa Gabriella Di Michele, anticipando le difficoltà di adempimento anche sotto il profilo della legittimità della richiesta e la conseguenziale posizione della Categoria dei Consulenti del […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 73/2021 del 22/07/2021

Importante sentenza del Consiglio di Stato, N. 5441 del 19 luglio 2021, in materia di “praticantato” e “status del dante pratica”. Per i giudici amministrativi è corretta la norma sul Praticantato che vede il rapporto di tirocinio professionale per l’esercizio della professione di Consulente del Lavoro svolgersi, esclusivamente, presso un Consulente del Lavoro. Ritenuta, quindi, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 72/2021 del 21/07/2021

  Modificato dal CNO, con Delibera n. 97 del 14 luglio 2021, l’art. 8 del “Regolamento per la riscossione dei contributi dovuti dagli iscritti all’Albo”. Il termine del 31 luglio, previsto dall’art. 8 del citato Regolamento, per la determinazione e la comunicazione ai CPO della quota annuale di pertinenza del CNO per l’anno successivo, è […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 71/2021 del 20/07/2021

Il 16 luglio scorso è stato sottoscritto a Palazzo Vidoni un Protocollo d’Intesa tra il Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, e Professioni Italiane (Zambrano e Calderone). Statuita una collaborazione per favorire il reclutamento del personale tecnico ed il conferimento di incarichi a Professionisti per l’attuazione del PNRR da parte delle Amministrazioni Pubbliche.   Un’altra […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 70/2021 del 19/07/2021

Il Presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli, Francesco Salzano, in previsione della ripresa delle udienze “in presenza” dal 1° settembre 2021, ha emanato il Decreto Prot. 8563/2021 del 16 luglio 2021 contenente condizioni, restrizioni e modalità di svolgimento delle predette allo scopo di evitare la diffusione del contagio del CORONAVIRUS.   L’emergenza epidemiologica ci […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 69/2021 del 16/07/2021

Proprio in questi minuti il CNO, a firma del Direttore Generale Dottoressa Francesca Maione, ha comunicato l’emanazione del Decreto Interdirettoriale Ministero del Lavoro e Ministero della Salute, emanato oggi, con le indicazioni circa le modalità di svolgimento degli esami di abilitazione. Prove orali in  presenza con inizio il 25 ottobre e presentazione, in modalità telematica, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 68/2021 del 15/07/2021

Con decreto del Presidente del Tribunale di Napoli, N.207/2021 del 13 luglio 2021, pervenuto al CPO, by PEC, il giorno successivo, è stato nominato, per il triennio 2021/2024, il Consiglio di Disciplina Territoriale presso il CPO di Napoli composto da 9 membri titolari e quattro supplenti. La “rosa” di 13 candidati era stata deliberata dal […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 67/2021 del 07/07/2021

Ripreso in Commissione Giustizia della Camera l’iter legislativo per l’approvazione del Disegno di Legge, AC 3179, sull’Equo Compenso Professionale. “Professioni Italiane”, l’associazione che comprende gli Ordini Professionali che appartengono a C.U.P. e R.P.T., chiede al Parlamento una normativa chiara, inequivocabile ed erga omnes.     Sull’equo compenso abbiamo profuso tante energie ad iniziare dall’intervento del Presidente […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 66/2021 del 06/07/2021

Quando si lavora con coscienza e professionalità i risultati si vedono. I tirocini promossi da Fondazione Lavoro si trasformano, per il 59,4%, in contratti di lavoro entro i 6 mesi.  Lo testimoniano i dati dell’indagine di Fondazione Studi elaborata in collaborazione con il Ministero del Lavoro.   Una recente indagine di Fondazione Studi in collaborazione […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF