Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 04/2022 del 13/01/2022

CIG COVID-19: istruzioni operative per la fruizione delle ulteriori settimane di cassa integrazione previste dal DL 146/2021

 

L’INPS con la circolare n. 183 del 10/12/2021 ha reso note le modalità di applicazione delle tutele previste dal  decreto legge 146/2021 recante “Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili" che introduce un ulteriore periodo massimo di 13 settimane di trattamenti di Assegno ordinario (ASO) e Cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD) che può essere richiesto dai datori di lavoro che sono costretti a interrompere o ridurre l’attività produttiva per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2021 e il 31 dicembre 2021. 

I destinatari di tali provvedimenti sono quei datori di lavoro che, non rientrando nella disciplina in materia di cassa integrazione guadagni ordinaria, hanno accesso alle tutele del fondo di integrazione salariale, dei fondi di solidarietà bilaterali nonché alla cassa integrazione in deroga. Requisito per l’accesso alle ulteriori settimane di integrazione salariale è l’essere stati interamente autorizzati alla fruizione delle precedenti 28 settimane introdotte dal cosiddetto decreto sostegni. I datori che, utilizzate tutte le 28 settimane del DL 41/2021, prima dell’entrata in vigore del decreto 146/2021 avessero fatto ricorso a forme di ammortizzatori con causali diverse da “covid-19”, possono sostituire le settimane non ancora autorizzate con periodi con causale covid, inviando una nuova domanda con causale “COVID 19 – DL 146/21”, previa richiesta di annullamento della precedente richiesta da trasmettere tramite cassetto bidirezionale o a mezzo pec qualora si tratti di Fondi di solidarietà autorizzati con delibera dei rispettivi Comitati centrali.

Beneficiari dei trattamenti in parola sono tutti i lavoratori che risultino alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione alla data del 22 ottobre 2021.

Per quanto concerne le domande di Assegno Ordinario del Fondo Integrazione salariale (FIS), la circolare specifica che possono presentare domanda di assegno ordinario anche i datori di lavoro iscritti al fondo di integrazione salariale che, alla data del 22 ottobre 2021, avessero in corso un assegno di solidarietà. In questo caso la concessione dell’assegno ordinario, che sospende e sostituisce l’assegno di solidarietà già in corso, può riguardare anche i medesimi lavoratori beneficiari dell’assegno di solidarietà a totale copertura dell’orario di lavoro.

L’Istituto ricorda, inoltre, che al fine di garantire continuità di reddito ai percettori dei trattamenti di integrazione salariale, nel caso di richiesta di cassa integrazione in deroga (CIGD), anche non in continuità rispetto a precedenti richieste, non è necessaria la definizione di un nuovo accordo sindacale inerente il periodo oggetto della domanda. Limitatamente ai lavoratori del settore agricolo il trattamento è concesso ai soli dipendenti con rapporto di lavoro a tempo determinato, che non hanno diritto alla Cassa integrazione speciale per gli operai agricoli (CISOA): in questo caso, ai fini del calcolo delle prestazioni di disoccupazione agricola, per le ore di riduzione o sospensione delle attività, il trattamento è equiparato ai periodi di lavoro.

In favore dei soli datori di lavoro delle industrie tessili, confezione di articoli di abbigliamento e di articoli in pelle e pelliccia e fabbricazione di articoli in pelle e simili è concesso un ulteriore periodo di Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria di tipo emergenziale per un massimo di nove settimane nel periodo compreso tra il 01/10/2021 ed il 31/12/2021 e sempre che siano stati già autorizzati, in tutto o in parte, al precedente trattamento introdotto dal decreto sostegni bis.

Per quanto riguarda le modalità di trasmissione delle domande, nulla cambia rispetto al passato se non l’indicazione della nuova causale COVID-19 DL146/21. Il termine per la trasmissione delle istanze è fissato entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa tuttavia, considerato che la procedura informatica per l’invio delle istanze con il nuovo codice è stata messa a disposizione degli utenti solo intorno alla metà di novembre, le domande relative a periodi di sospensione/riduzione di attività decorrenti da ottobre 2021, rientranti nella regolamentazione del decreto Fiscale, potranno essere trasmesse entro e non oltre il 31 dicembre 2021. Viene inoltre confermato che i dati relativi al pagamento della prestazione (modello SR41) devono essere trasmessi entro la fine del mese successivo a quello in cui è collocato il periodo di integrazione salariale ovvero entro 30 giorni dalla notifica della PEC contenente l’autorizzazione, qualora questo termine sia più favorevole al datore di lavoro.

La circolare, infine, illustra le modalità di esposizione dei codici in Uniemens:

Nel caso di Cig in deroga, i datori di lavoro devono indicare il codice evento “CDR” (“cassa integrazione guadagni in deroga richiesta” o FDR per le province di Trento e Bolzano), sia per i trattamenti autorizzati che per quelli richiesti ma non ancora autorizzati ed inserire il codice T in “TipoEventoCig”. Nel caso di Assegno Ordinario, invece, deve essere indicato il codice “AOR.” Per il conguaglio delle prestazioni anticipate, i codici da utilizzare sono “G814”, avente significato di “conguaglio cigd DL 146/2021”, se di tratta di cassa integrazione in deroga (G815 per le aziende plurilocalizzate e G816 per la cigd Trento e Bolzano) e “L010”, avente il significato di “Conguaglio assegno ordinario decreto legge n. 146/2021” per l’assegno ordinario.

All’interno dell’elemento “CongCIGOAltCaus” deve essere indicato il codice di nuova istituzione “L086” per effettuare il conguaglio delle prestazioni anticipate dai datori di lavoro delle industrie tessili ed affini.

Nel caso delle aziende che facciano ricorso alla Cassa integrazione guadagni straordinaria, infine, il codice di nuova istituzione da valorizzare è “L087”, avente il significato di “Conguaglio CIGO COVID 19 – DL 146/21 – sospensione CIGS”.

Ad maiora

IL PRESIDENTE      
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/GA

N° 128/2022 del 06/07/2022

Adempimenti dichiarativi obbligatori per gli enti non commerciali se dotati di partita IVA  anche in assenza di reddito o debito di imposta L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°312 del 27 maggio 2022, ha precisato che la mera acquisizione della partita Iva comporta l’obbligo della tenuta delle scritture contabili nonché quello di presentazione della […]

Leggi di più

N° 127/2022 del 05/07/2022

Reddito di libertà per donne vittime di violenza finanziato con risorse delle Regioni e Province autonome L’INPS, con il messaggio n. 2453 del 16 giugno 2022, fornisce le informazioni operative e contabili per l'istruzione e la liquidazione delle domande di reddito di libertà presentate dalle donne vittime di violenza alle Regioni. Il reddito di libertà […]

Leggi di più

N° 126/2022 del 04/07/2022

L’Inps, con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, ha fornito le istruzioni operative in materia di sgravio contributivo per le assunzioni con contratto di apprendistato di primo livello effettuate nel 2022. Con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni operative relative allo sgravio contributivo per le assunzioni con […]

Leggi di più

N° 125/2022 del 01/07/2022

Pubblicato il nuovo modello per la richiesta del credito d’imposta Investimenti SUD, Sisma Centro Italia e ZES, con le relative istruzioni L’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n.193276 del 06 giugno 2022, ha pubblicato il nuovo modello per richiedere il credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, con ulteriori e importati aggiornamenti rispetto ai […]

Leggi di più

N° 124/2022 del 30/06/2022

L’Inps illustra le modalità di recupero dell’indennità una tantum ex art. 31 del d.l. n. 50/2022 Con il messaggio n. 2347 del 13 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni per l’esposizione nel flusso UniEmens, del credito generato dall’erogazione, da parte dei datori di lavoro, dell’indennità una tantum prevista dall’art. 31 del D.L. n. 50/2022. Come […]

Leggi di più

N° 123/2022 del 29/06/2022

Il riconoscimento alla generalità dei dipendenti di un benefit consistente nella ricarica gratuita per le auto elettriche può essere ricondotto nell'ambito delle iniziative di welfare aziendale. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°329 del 10 giugno 2022, ha precisato che il servizio di ricarica gratuito offerto a tutti i dipendenti che provino di […]

Leggi di più

N° 122/2022 del 28/06/2022

Contributi ART/COM e Gestione Separata – Quadro RR della Dichiarazione dei redditi – indicazione agevolazione contributiva. Inps Circolare n.66 del 9 giugno 2022. In periodo di liquidazione e presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2021, l’INPS interviene sulla compilazione del quadro RR del modello “Redditi 2022-PF”, che deve essere compilato dai soggetti […]

Leggi di più

N° 121/2022 del 27/06/2022

La Corte di Appello di Lecce, con la sentenza n° 502 del 28 aprile scorso, ha dichiarato leciti gli accessi ispettivi in dimora privata adibita a cantiere edile La Corte di Appello di Lecce, sentenza n° 502 del 28 aprile 2022, ha dichiarato la legittimità dell'accertamento ispettivo nelle private abitazioni in cui siano in corso […]

Leggi di più

N° 120/2022 del 24/06/2022

L’Inl fornisce chiarimenti in merito alla sospensione delle attività non differibili Con la nota n. 1159 del 7 giugno 2022, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito nuovi chiarimenti in merito all’emissione del provvedimento di sospensione dell’attività, ex art. 14 D. Lgs. n. 81/2008, con particolare riferimento alle cosiddette attività non differibili. Il documento viene emanato […]

Leggi di più

N° 119/2022 del 23/06/2022

L'Agenzia delle Entrate fornisce il quadro delle sanzioni relative alla violazione degli obblighi di comunicazione al sistema tessera sanitaria. L'Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n°22/E del 23 maggio 2022, sulla scorta delle richieste di chiarimenti in merito alle violazioni degli obblighi di comunicazione al Sistema tessera sanitaria ed in relazione alla interpretazione dell'art. 3, […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF