Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 07/2022 del 18/01/2022

L’Agenzia delle Entrate concede un extra-time per l’invio dell’autodichiarazione del rispetto dei limiti degli aiuti di Stato indispensabile per sfruttare i benefici della sanatoria degli avvisi bonari.

 

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n.345838 del 03/12/2021, concede un extra-time per l'invio dell'autodichiarazione del rispetto dei limiti degli aiuti di Stato indispensabile per sfruttare i benefici della mini sanatoria degli avvisi bonari.

Lo sgravio delle somme aggiuntive
L’articolo 5 del Dl n. 41/2021 dal titolo “Ulteriori interventi fiscali di agevolazione e razionalizzazione connessi all’emergenza da COVID-19” ha disposto che “in considerazione dei gravi effetti derivanti dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, al fine di sostenere gli operatori economici che hanno subito riduzioni del volume d’affari nell’anno 2020”, una definizione agevolata degli avvisi.
In pratica è stato previsto lo sgravio delle somme dovute per sanzioni e somme aggiuntive da corrispondere a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni, di cui agli artt. 36-bis del DPR n.600/73 e 54-bis del DPR n.633/72, e richieste tramite avvisi elaborati entro il 31 dicembre 2020 per l’anno 2017, ma non inviati per effetto della sospensione disposta dall’articolo 157 del DL n.34/2020, convertito con modificazioni dalla Legge 17 luglio 2020, n. 77, nonché con tramite le comunicazioni relative all’anno 2018 ed elaborate entro il 31 dicembre 2021.

La riduzione del volume d’affari
A tale definizione agevolata accedono “i soggetti con partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge, che hanno subito una riduzione maggiore del 30 per cento del volume d’affari dell’anno 2020 rispetto al volume d’affari dell’anno precedente”.
Per i contribuenti non tenuti alla presentazione della dichiarazione IVA, il riferimento di confronto da prendere in considerazione per rilevare la riduzione è invece l’ammontare dei ricavi o compensi indicati in dichiarazione.

Il termine dell’invio per l’autodichiarazione
L'Agenzia delle Entrate ha stabilito che l'autodichiarazione richiesta all'art. 1, c. 14-15 del DL n.41/2021 deve essere presentata entro il termine di 60 giorni dall'approvazione del relativo modello, ovvero se successivo, entro il termine di 60 giorni dal pagamento delle somme dovute o della prima rata dell'avviso bonario.
Va evidenziato che in precedenza, l'Amministrazione Finanziaria aveva invece deciso che il termine per l'invio dell'autodichiarazione era invece il 31 dicembre 2021 o, se il pagamento delle somme dovute o della prima rata dell'avviso bonario era effettuato dopo il 30 novembre 2021, entro la fine del mese successivo a quello in cui era effettuato il pagamento stesso.

L’extra time per l’invio
L’extra time concesso, come viene evidenziato tra le motivazioni del provvedimento, si è reso necessario per concedere ai contribuenti destinatari delle proposte di definizione agevolata un congruo lasso di tempo per compilare e inviare il documento de quo.
Con tale adempimento gli operatori economici possibili fruitori della sanatoria vanno infatti ad auto dichiarare il rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalle sezioni 3.1 “Aiuti di importo limitato” e 3.12 “Aiuti sotto forma di sostegno a costi fissi non coperti” della Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del Covid-19”, e successive modificazioni.

I campi delle dichiarazioni per la verifica dei requisiti
Nello specifico, la mini sanatoria concede ai soggetti con partita iva di definire in via agevolata, senza corrispondere le sanzioni, eventuali somme richieste dall'Agenzia delle Entrate a seguito dei controlli automatizzati delle dichiarazioni ai sensi degli art. 36-bis del DPR n.600/73 e 54-bis del DPR n.633/72, relative ai periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2017 e al 21 dicembre 2018 e non inviate per effetto delle varie sospensioni covid che si sono succedute nel corso del 2020 e 2021, esclusivamente per chi ha subito una riduzione maggiore del 30% del volume d'affari dell'anno 2020 rispetto a quello del 2019. La verifica della contrazione del fatturato è riscontrata sulla base di quanto esposto nella dichiarazione Iva 2021 per l'anno 2020 e per i contribuenti non soggetti a tale adempimento considerando invece le dichiarazioni dei redditi presentate nei termini sempre per l'anno d'imposta 2020.

I campi delle dichiarazioni
Con il provvedimento de quo l'Agenzia delle Entrate ha ricordato i campi delle dichiarazioni dei redditi per gli anni d'imposta 2019 e 2020 da controllare per la verifica del requisito della perdita del “volume d'affari”.
Nello specifico, per le persone fisiche valgono i campi:

  • RS116, RE2 col. 2, per il lavoro autonomo;
  • RG2 col. 2, per le attività impresa in contabilità semplificata;
  • LM2 col. 3 o da LM22 a LM27, col. 3, per i minimi e forfettari.

Per le società di persone vanno confrontati i campi:

  • RS116, RE2 o RG2 col. 5.

Per le società di capitali:

  • il rigo RS107 col. 2.

Per gli enti non commerciali:

  • i campi RS111, RC1, RE2, RG2 col.7 o RG4 col. 2.

Una volta accertata la diminuzione del 30% è possibile effettuare il pagamento scontato in unica soluzione o tramite rateizzazione con i tempi e modalità fissati dall'art. 3-bis, Dlgs n.462/97.

Per approfondire

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/4014692/Provvedimento+prot.+345838+del+3+dicembre+2021.pdf/06d3bf91-e75c-bd8a-1d55-e166414079ad

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

(*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FT

N° 95/2022 del 20/05/2022

Disponibili i modelli per la richiesta del Contributo a Fondo Perduto per i servizi della Ristorazione Collettiva. A.D.E. Provvedimento 151077 del 03/02/2022 L’articolo 43-bis del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106 ha istituito un contributo a fondo perduto per le imprese operanti nel settore della […]

Leggi di più

N° 94/2022 del 19/05/2022

L’Inps, con il messaggio n° 1800 del 28 aprile scorso, cambiando il proprio precedentemente orientamento, ha precisato che l’assegno agli operatori in servizio civile universale è pienamente cumulabile con le indennità Naspi e DIS-COLL. L’INPS, messaggio n° 1800 del 28 aprile 2022, correggendo quanto affermato nella circolare n° 142 del 2015, ha chiarito che l’assegno […]

Leggi di più

N° 93/2022 del 18/05/2022

Assegno unico e universale per i nuclei familiari ai percettori di Reddito di cittadinanza L’INPS, con la circolare n. 53 del 28 aprile 2022, chiarisce quali sono i requisiti previsti per l’erogazione dell’Assegno Unico e Universale (AUU) ai percettori di Reddito di Cittadinanza (Rdc). Il Decreto Legislativo n. 230 del 2021, art.7 comma 2 ha stabilito che i […]

Leggi di più

N° 92/2022 del 17/05/2022

L’Inps fornisce le istruzioni per la fruizione dello sgravio contributivo relativo ai contratti di solidarietà Con la circolare n. 55 del 29 aprile 2022, l’INPS fornisce le istruzioni operative per la fruizione della riduzione contributiva relativa ai contratti di solidarietà, applicati all’interno di aziende ammesse allo sgravio contributivo previsto dalla L. n. 608/1996. Come noto,  […]

Leggi di più

N° 91/2022 del 16/05/2022

Un accordo transattivo con il quale una parte rinuncia a coltivare in giudizio la pretesa risarcitoria, integra una prestazione di servizi soggetta all’Iva. A.D.E. Interpello del 22 aprile 2022. L’Agenzia delle Entrate, con la risposta ad Interpello n.212 del 22 aprile 2022, confermando il proprio orientamento in merito all'assoggettamento all'imposta delle transazioni, ha ribadito che […]

Leggi di più

N° 90/2022 del 13/05/2022

I compensi erogati nell’esercizio diretto dell’attività sportiva dilettantistica non comprendono, ai fini del regime di favore ex art. 69 del Tuir, quelli relativi al personale addetto alla custodia ed alla pulizia. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°189 del 12 aprile 2022, ha evidenziato che i compensi corrisposti da ASD ad addetti a […]

Leggi di più

N° 89/2022 del 12/05/2022

Il momento della chiusura della Partita IVA non coincide con il momento in cui il Professionista si astiene dal continuare la propria attività Con risposta ad interpello N. 218 del 26 aprile 2022, l’Agenzia delle Entrate specifica le condizioni per procedere alla chiusura della propria posizione fiscale. Un professionista a ottobre 2021 decide di trasferire […]

Leggi di più

N° 88/2022 del 11/05/2022

L’INL, con nota n° 856 del 20 aprile scorso, fornisce il vademecum sule maxi-sanzioni per lavoro sommerso. L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n° 856 del 20 aprile 2022, fornisce un vademecum aggiornato sull’applicazione delle sanzioni in materia di lavoro irregolare. AMBITO DI APPLICAZIONE La maxi-sanzione si applica a: datori di lavoro privato, organizzati […]

Leggi di più

N° 87/2022 del 10/05/2022

L’Inps fornisce i primi chiarimenti in merito all’assegno unico e universale Con il messaggio n. 1714 del 20 aprile 2022, l’INPS fornisce ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina dell’assegno unico e universale, con particolare riferimento alle maggiorazioni spettanti ai nuclei per figli maggiorenni e genitori separati. Come noto, dal 1° marzo 2022 è entrato in […]

Leggi di più

N° 86/2022 del 09/05/2022

Per l’Agenzia delle Entrate l’imposta di bollo deve essere applicata anche sulle copie di documenti in pdf inviate per email L’Agenzia delle Entrate, con la risposta ad interpello n. 170 del 6 aprile 2022, in riferimento al regolamento sull’imposta di bollo (id: DPR n. 642/1972) che va collegato al Codice dell'amministrazione digitale ergo CAD (id: […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF