Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 140/2022 del 22/07/2022

L’Agenzia delle Entrate fornisce le istruzioni per trasmissione dei dati per i pagamenti con POS.

 

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n.253155 del 30/06/2022, ha reso note le informazioni e i termini dei dati da trasmettere relativamente agli strumenti di pagamento elettronico (id: POS) messi a disposizione degli esercenti attività d’impresa, arte e professione, in attuazione a quanto disposto dall’art. 22, c. 5, della L. n. 124/2019.

E’ bene ricordare che dallo scorso 30 giugno la mancata accettazione di pagamenti con carte di debito, credito o prepagate sarà oggetto di sanzione, istituita per contrastare l’evasione fiscale, in parallelo alla riduzione del limite per l’uso del denaro contante.

Infatti, l’articolo 19-ter del DL n. 152/2021, “Sanzioni per mancata accettazione di pagamenti effettuati con carte di debito e credito”, prevede una sanzione pari a 30 euro, aumentata del 4 per cento del valore della transazione, in caso di violazione dell’obbligo di accettare pagamenti con carte di credito o debito da parte di commercianti e professionisti. Per tali sanzioni non sarà possibile procedere al pagamento in misura ridotta, ossia all’oblazione amministrativa, che consente, entro 60 giorni dalla contestazione immediata o dalla notificazione della violazione, di pagare una somma pari alla terza parte del massimo o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo, oltre alle spese del procedimento.

Inoltre, la sanzione in parola, sarà comunque applicata a prescindere dall’importo dell’operazione per la quale è stato rifiutato il pagamento con strumenti tracciabili.

La trasmissione dei dati

Ai sensi della norma suddetta, gli operatori che mettono a disposizione degli esercenti sistemi di pagamento elettronico, tramite un contratto di convenzionamento, devono trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate, anche avvalendosi della società PagoPA Spa:

  • i dati identificativi degli anzidetti strumenti di pagamento;
  • l’importo complessivo delle transazioni giornaliere effettuate mediante tali strumenti.

Con il provvedimento de quo vengono definiti i termini, le modalità e le informazioni da trasmettere.

Le informazioni da inviare

Nello specifico, i prestatori di servizi di pagamento autorizzati che svolgono la propria attività nel territorio nazionale trasmettono a PagoPA Spa le seguenti informazioni:

  • il codice fiscale e, se disponibile, la partita Iva del commerciante e il codice univoco del contratto di convenzionamento con il prestatore di servizi di pagamento;
  • il codice Abi o il codice fiscale dell’operatore finanziario obbligato alla trasmissione;
  • l’identificativo assegnato da PagoPA all’operatore;
  • l’identificativo univoco dello strumento di pagamento, fisico o virtuale, con cui l’esercente accetta la transazione elettronica;
  • la tipologia di operazione, distinta tra pagamento e storno pagamento;
  • la data di trasmissione delle operazioni da parte del prestatore di servizi di pagamento;
  • la data contabile dei pagamenti;
  • l’importo complessivo giornaliero delle transazioni elettroniche effettuate dall’esercente;
  • il numero giornaliero dei pagamenti e-cash effettuati.

Modalità e termini di trasmissione

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento in commento, fa presente che si avvale di PagoPA per l’acquisizione dei dati suddetti, e che pertanto, i prestatori di servizi di pagamento trasmettono a PagoPA, direttamente o attraverso BANCOMAT S.p.A. in relazione ai pagamenti effettuati presso gli esercenti con carte a valere sui circuiti PagoBANCOMAT e BANCOMAT Pay, tutte le informazioni elencate.

L’invio deve essere eseguito entro il secondo giorno lavorativo successivo alla data di contabilizzazione della transazione, sulla base delle specifiche tecniche e delle modalità telematiche definite con apposita convenzione sottoscritta con PagoPA.

La suddetta società, a sua volta, rende disponibile all’Agenzia delle Entrate le informazioni ricevute entro il quinto giorno lavorativo successivo alla data di ricezione dei dati.

La prima data in cui eseguire la trasmissione è fissata al 5 settembre 2022 con riferimento alle informazioni relative alle transazioni contabilizzate dal 1° settembre 2022.

Ex adverso, per quanto riguarda le transazioni contabilizzate nel periodo dal 1° gennaio al 31 agosto 2022, la comunicazione deve essere effettuata entro il 31 ottobre 2022.

Per approfondire

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/4495904/Provvedimento+del+30+giugno+2022_2.pdf/141cfa94-3060-1f4c-7174-b94b1d252e15

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FT

N° 170/2022 del 27/09/2022

Fondo credito: esteso anche al 2022 l’aumento della durata massima dell’assegno straordinario   L’INPS, con il messaggio n. 3401 del 16 settembre 2022, recepisce la novella contenuta nel decreto n. 228/2021, cosiddetto decreto milleproroghe 2022, e rende noto che la durata massima dell’assegno straordinario erogato dal Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, […]

Leggi di più

N° 169/2022 del 26/09/2022

L’Inps, con la circolare n° 100 del 12 settembre scorso, ha comunicato la variazione del tasso di interesse di dilazione e di differimento o delle sanzioni per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.   L’INPS con la circolare n° 100 del 12 settembre 2022 ha reso noto l’ulteriore aumento del tasso di […]

Leggi di più

N° 168/2022 del 23/09/2022

Nuove regole in materia di tenuta e conservazione delle scritture e registri fiscali obbligatori   La Legge n.122/2022 di conversione del D.L. n. 73/2022 (id: Decreto Semplificazioni) ha disposto il venir meno dell’obbligo annuale di conservazione sostitutiva digitale dei registri contabili elettronici, modificando quanto previsto dall’articolo 7, comma 4-quater del D.L. n. 357/1994, viene infatti […]

Leggi di più

N° 167/2022 del 22/09/2022

La mera dimenticanza in fase dichiarativa della compilazione del quadro per la rivalutazione dei beni di impresa non fa venir meno gli effetti della particolare misura se comunicata mediante dichiarazione integrativa.   L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°443 del 2 settembre 2022, chiarisce che è possibile rimediare alla omessa compilazione del quadro […]

Leggi di più

N° 166/2022 del 21/09/2022

L’Inail, con la circolare n° 33 del 2 settembre scorso, ha diramato, all’esito della consueta rivalutazione, i nuovi minimali e massimali di rendita con decorrenza 1° luglio 2022, nonché i – limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi assicurativi   L’INAIL, con la circolare n° 33 del 2 settembre 2022, ha aggiornato i […]

Leggi di più

N° 165/2022 del 20/09/2022

Sgravio contributivo per assunzione di dipendenti di aziende in crisi L’INPS, con la circolare n. 99 del 7 settembre 2022, fornisce le istruzioni operative per l’accesso allo sgravio contributivo riconosciuto ai datori di lavoro privati che assumono con contratto di lavoro a tempo indeterminato, lavoratori subordinati, indipendentemente dalla loro età anagrafica, da imprese per le quali […]

Leggi di più

N° 164/2022 del 19/09/2022

Il Ministero per lo Sviluppo Economico attua il Bonus Fiere, istituendo i termini e le modalità per presentare la domanda Il Ministero per lo Sviluppo Economico, con il Decreto del 04/08/2022, G.U. n.195 del 22 agosto, che attua la norma introdotta dall'articolo 25-bis del primo decreto Aiuti (id: DL n. 50/2022), ha reso operativo, con […]

Leggi di più

N° 163/2022 del 16/09/2022

La residenza in un paese terzo non è di ostacolo a stabilire il domicilio fiscale in Italia ed a considerare il contribuente quale soggetto passivo di imposta.   L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°429 del 16 agosto 2022, chiarisce che la residenza in un Paese terzo (Regno Unito) non è di ostacolo […]

Leggi di più

N° 162/2022 del 15/09/2022

E’ operativo dal 31 agosto 2022 il Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche   Dal 31 agosto, presso il Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è operativo il Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche che deve assolvere alle funzioni di certificazione della natura dilettantistica di società e associazioni sportive, così come disposto dall’articolo […]

Leggi di più

N° 161/2022 del 14/09/2022

Le novità introdotte dal decreto legislativo n. 104 del 27 giugno 2022 in attuazione della direttiva UE 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili.   Con il d.lgs. 104/2022 (c.d. Decreto “Trasparenza”) pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 29 luglio u.s., è stata data […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF