Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 141/2022 del 25/07/2022

L’INL, con la circolare n° 3 del 5 luglio scorso, ha diramato le indicazioni (anche) per i Consulenti del Lavoro, (fra) i professionisti abilitati, per le procedure semplificate finalizzate all'ingresso di personale EXTRA-UE.

 

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, circolare n° 3 del 5 luglio 2022, ha fornito le indicazioni in merito alla nuova procedura semplificata per il rilascio del nulla osta al lavoro subordinato di cittadini extra-UE, prevista all’art. 44 del D.L. n. 73/2022 (cd. Decreto Semplificazioni) per i soli ingressi 2021 e 2022 del Decreto Flussi.
Le verifiche, in precedenza rimesse allo Sportello Unico per l’Immigrazione, riguardanti regolarità, completezza e idoneità della documentazione presentata dal datore di lavoro, sono demandate dal 22 giugno in via esclusiva ai professionisti iscritti agli albi dei Consulenti del Lavoro, degli Avvocati, dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (stante l’assolvimento dell’obbligo di comunicazione agli Ispettorati del lavoro ex art. 1, Legge 12/1979 per le ultime due categorie di professionisti) o, in alternativa, alle organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale cui il datore di lavoro aderisce o ha conferito mandato.
Professionisti e organizzazioni datoriali sono tenuti dal 22 giugno ad asseverare la regolarità e congruità dell’istanza di nulla osta sulla base degli elementi specificati dalla circolare come:

  • capacità patrimoniale, da intendersi come capacità dell’impresa di sostenere tutti gli oneri derivanti dal nuovo rapporto di lavoro tenendo conto del numero del personale richiesto;
  • equilibrio economico-finanziario, che consenta all’azienda di assolvere agli obblighi di pagamento assunti e/o futuri, laddove necessari;
  • fatturato, non inferiore a 30.000,00 euro annui;
  • numero dei dipendenti, da intendersi come personale subordinato mediamente occupato almeno negli ultimi due anni;
  • tipo di attività svolta dall’impresa, anche con riferimento al carattere continuativo o stagionale della stessa.

Verificati i criteri, l’asseveratore è tenuto ad acquisire dal datore di lavoro:

  1. il Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) per la verifica di eventuali debiti previdenziali;
  2. un’autodichiarazione con cui attesta l’inesistenza di condanne e di non essere a conoscenza di indagini, anche non definitive, per reati contro sicurezza e dignità dei lavoratori o contro l’immigrazione;
  3. un’autodichiarazione riguardante l’insussistenza, negli ultimi due anni, di violazioni concernenti l’impiego di manodopera;
  4. un’autodichiarazione attestante le esigenze per la richiesta dei nulla osta e presenza di nuovi impegni contrattuali (commesse o appalti) che giustifichino il maggior numero di richieste;
  5. un’autodichiarazione relativa alla circostanza di non aver presentato ulteriori richieste di asseverazione presso altri professionisti o associazioni ovvero, se presentate, l’indicazione del numero dei lavoratori interessati e l’esito delle stesse.

L’asseverazione, sotto la responsabilità anche penale del dichiarante, dovrà dar evidenza di tutta la documentazione verificata ed essere dettagliatamente argomentata. Il professionista e l’organizzazione asseveranti sono comunque tenuti, al fine di semplificare eventuali controlli, a conservare la relativa documentazione per un periodo non inferiore a cinque anni.
Il nulla osta consente di svolgere attività lavorativa in Italia. Una volta ottenuto, il datore di lavoro può assumere i lavoratori stranieri già presenti nel territorio italiano alla data del 1° maggio 2022 anche se irregolari, purché la loro presenza sia provata da rilievi fotodattiloscopici o documentazione di data certa proveniente da organismi pubblici. Solo in un successivo momento lo Sportello Unico Immigrazione convocherà il datore di lavoro per la sottoscrizione del contratto di soggiorno.
Secondo la norma, la procedura semplificata non trova applicazione per le domande relative all’anno 2021 per cui siano già state effettuate le verifiche dall’Ispettorato competente.
Per le istanze relative all’anno 2021 già presentate, comprese quelle per cui è stata richiesta integrazione documentale, “l’asseverazione è presentata dal datore di lavoro al momento della sottoscrizione del contratto” come disposto dal comma 3 dell’art. 44 del D.L. 7372022.
Sempre all’art. 44, comma 5, si prevede l’esclusione della presentazione dell’asseverazione per le istanze demandate alle organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, qualora queste ultime abbiano sottoscritto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali un apposito protocollo di intesa con il quale si impegnano a garantire le dovute verifiche di congruità.
Alla circolare è altresì allegato il modello di asseverazione da utilizzare per attestare la sussistenza delle condizioni per il rilascio del nulla osta.
Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/FC

N° 170/2022 del 27/09/2022

Fondo credito: esteso anche al 2022 l’aumento della durata massima dell’assegno straordinario   L’INPS, con il messaggio n. 3401 del 16 settembre 2022, recepisce la novella contenuta nel decreto n. 228/2021, cosiddetto decreto milleproroghe 2022, e rende noto che la durata massima dell’assegno straordinario erogato dal Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, […]

Leggi di più

N° 169/2022 del 26/09/2022

L’Inps, con la circolare n° 100 del 12 settembre scorso, ha comunicato la variazione del tasso di interesse di dilazione e di differimento o delle sanzioni per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.   L’INPS con la circolare n° 100 del 12 settembre 2022 ha reso noto l’ulteriore aumento del tasso di […]

Leggi di più

N° 168/2022 del 23/09/2022

Nuove regole in materia di tenuta e conservazione delle scritture e registri fiscali obbligatori   La Legge n.122/2022 di conversione del D.L. n. 73/2022 (id: Decreto Semplificazioni) ha disposto il venir meno dell’obbligo annuale di conservazione sostitutiva digitale dei registri contabili elettronici, modificando quanto previsto dall’articolo 7, comma 4-quater del D.L. n. 357/1994, viene infatti […]

Leggi di più

N° 167/2022 del 22/09/2022

La mera dimenticanza in fase dichiarativa della compilazione del quadro per la rivalutazione dei beni di impresa non fa venir meno gli effetti della particolare misura se comunicata mediante dichiarazione integrativa.   L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°443 del 2 settembre 2022, chiarisce che è possibile rimediare alla omessa compilazione del quadro […]

Leggi di più

N° 166/2022 del 21/09/2022

L’Inail, con la circolare n° 33 del 2 settembre scorso, ha diramato, all’esito della consueta rivalutazione, i nuovi minimali e massimali di rendita con decorrenza 1° luglio 2022, nonché i – limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi assicurativi   L’INAIL, con la circolare n° 33 del 2 settembre 2022, ha aggiornato i […]

Leggi di più

N° 165/2022 del 20/09/2022

Sgravio contributivo per assunzione di dipendenti di aziende in crisi L’INPS, con la circolare n. 99 del 7 settembre 2022, fornisce le istruzioni operative per l’accesso allo sgravio contributivo riconosciuto ai datori di lavoro privati che assumono con contratto di lavoro a tempo indeterminato, lavoratori subordinati, indipendentemente dalla loro età anagrafica, da imprese per le quali […]

Leggi di più

N° 164/2022 del 19/09/2022

Il Ministero per lo Sviluppo Economico attua il Bonus Fiere, istituendo i termini e le modalità per presentare la domanda Il Ministero per lo Sviluppo Economico, con il Decreto del 04/08/2022, G.U. n.195 del 22 agosto, che attua la norma introdotta dall'articolo 25-bis del primo decreto Aiuti (id: DL n. 50/2022), ha reso operativo, con […]

Leggi di più

N° 163/2022 del 16/09/2022

La residenza in un paese terzo non è di ostacolo a stabilire il domicilio fiscale in Italia ed a considerare il contribuente quale soggetto passivo di imposta.   L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°429 del 16 agosto 2022, chiarisce che la residenza in un Paese terzo (Regno Unito) non è di ostacolo […]

Leggi di più

N° 162/2022 del 15/09/2022

E’ operativo dal 31 agosto 2022 il Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche   Dal 31 agosto, presso il Dipartimento per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è operativo il Registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche che deve assolvere alle funzioni di certificazione della natura dilettantistica di società e associazioni sportive, così come disposto dall’articolo […]

Leggi di più

N° 161/2022 del 14/09/2022

Le novità introdotte dal decreto legislativo n. 104 del 27 giugno 2022 in attuazione della direttiva UE 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili.   Con il d.lgs. 104/2022 (c.d. Decreto “Trasparenza”) pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 29 luglio u.s., è stata data […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF