Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 149/2021 del 22/09/2021

L’Inps, con la circolare n° 125 del 9 agosto scorso, fa il punto della situazione sulle casse integrazioni di cui alla conversione in legge del decreto Sostegni-bis (DL 73/21) e alla luce del DL 103/21.

 

Con la circolare n° 125 del 9 agosto scorso, l’Inps ha riepilogato le varie forme di ammortizzazione sociale che, per effetto della conversione in legge del DL 73/2021 ad opera della Legge 106 del 23 luglio scorso e del DL 103 del 20 luglio 2021, attualmente esistono fondamentalmente con riferimento al settore industriale.

In primis, è bene precisare che il DL 99/2021 non è stato convertito in legge, ma, i suoi effetti, quanto agli strumenti di ammortizzazione ivi previsti, sono stati fatti salvi e inseriti nel DL 73/2021.

Per l’effetto, la conseguente formulazione del decreto “sostegni-bis”, DL 73/2021, si è arricchito di 2 nuovi articoli: il 40-bis ed il 50-bis.

Di seguito i contenuti fondamentali.

Art. 40 comma 1

Trattasi di una particolare forma di cassa integrazione straordinaria, donde la relativa autorizzazione è rimessa al Ministero del Lavoro che, dal 16 luglio scorso, ha appositamente implementato la piattaforma CIGSONLINE.

Come noto, la disposizione si rivolge ai datori di lavoro di cui all’art. 8 comma 1 del DL 41/2021 che abbiano avuto una flessione del volume d’affari di almeno il 50% comparando i dati del 1° semestre 2021 con quelli dello speculare semestre del 2021.

E’ una particolare forma di ammortizzazione, per la quale non si versa la contribuzione addizionale, che prevede la sola riduzione (non la sospensione) dell’attività lavorativa, contenuta – mediamente – nell’80% dell’orario di lavoro, con punta pro-capite del 90% a condizione che sia rispettata l’aliquota media.

Anche l’ammontare dell’integrazione salariale è particolare atteso che non è soggetto al massimale CIGO/CIGS ma risulta essere pari al 70% della retribuzione percepita dal singolo dipendente epurata degli eventuali aumenti contrattuali del semestre precedente.

La durata massima è pari a 26 settimane decorrenti dal 26 maggio e con termine ultimo di godimento al 31/12/2021.

Art. 40 comma 3

Trattasi delle comuni CIGO e CIGS che, tuttavia, beneficiano del mancato pagamento della contribuzione addizionale fino al 31.12.2021 – E’ soggetta alle limitazioni di cui agli artt. 4, 5, 12 e 22 del decreto delegato 148/2015. Le domande vanno presentate negli ordinari termini di cui agli artt. 15 e 25 del citato decreto del 2015, rispettivamente in materia di CIGO e CIGS.

Art. 40-bis

La disposizione, dapprima inserita nel DL 99/2021, è oggi – come si diceva – parte integrande del DL 73/2021. Si rivolge a coloro che, per ragioni di durata e/o di contingentamento delle ore, non possono accedere agli ordinari strumenti CIGO/CIGS. Pertanto, stante la sua specialità, la relativa autorizzazione è rimessa al Ministero del Lavoro. La sua durata è di 13 settimane che ricoprono l’arco temporale dal 01/07/21 al 31/12/2021.

Art. 45

Trattasi della cassa prevista per le aziende aventi rilevanza strategica nazionale che abbiano avviato percorsi di cessazione dell’attività e in cui vi siano serie e concrete possibilità di salvaguardia, anche parziale, della forza lavoro. Lo strumento proroga di ulteriori 6 mesi l’ammortizzatore di cui all’art. 44 del DL 109/2018.

Art. 50-bis.

La disposizione, ex art. 4 del DL 99/2021, racchiude due strumenti.

Comma 1 Settore aereo

Comma 2 si rivolge alle industrie tessili, confezioni di articoli di abbigliamento e di articoli in pelle e pelliccia, di articoli in pelle e simili, caratterizzati dall’avere codice ATECO 13, 14 e 15.

E’ una cassa covid, donde la domanda va inoltrata entro la fine del mese di attivazione dello strumento ed è soggetta alla (sola) informativa sindacale.

La sua durata è di 17 settimane decorrenti dal 1° luglio 2021 e con termine ultimo di godimento 31.12.2021.

Con riferimento alle ipotesi di cui all’art. 40 comma 3 e 50-bis comma 2 l’Istituto ha precisato che la cassa poteva decorrere dal 28 giugno 2021, ricomprendendo – per l’effetto – l’intera settimana in cui è ricompreso il 1° luglio, soltanto nel caso in cui alla data del 27 giugno 2021 si fossero interamente goduti lo strumento della cassa-covid (13 settimane) di cui al DL 41/2021. La relativa domanda, come noto, andava inoltrata entro il 31 agosto scorso.

Infine, l’art. 3 del DL 103/2021 ha istituito per le imprese con interesse strategico nazionale in cui vi siano impiegati almeno 1000 dipendenti la possibilità di una cassa-covid per 13 settimane da godere fino al 31.12.2021.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FC

N° 167/2021 del 18/10/2021

L'agevolazione per l'acquisto prima casa non è fruibile dal contribuente che abbia un altro immobile in comproprietà con l'ex coniuge e acquistato con la medesima agevolazione, ancorchè non disponibile a causa della separazione. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°634 del 30 settembre 2021, risponde al quesito di una contribuente circa la rilevanza […]

Leggi di più

N° 166/2021 del 15/10/2021

L’Inps fornisce le indicazioni per la presentazione delle domande di assegno ordinario al fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali.   Con il messaggio n. 3240 del 28 settembre 2021, l’INPS ha fornito le indicazioni relative alla presentazione delle domande di assegno ordinario al Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali. Come noto, […]

Leggi di più

N° 165/2021 del 14/10/2021

La circolare A.D.E., n.11/e del 24 settembre 2021, esplicativa dello stralcio per i debiti fino a € 5.000   Con circolare n.11/E, l’Agenzia delle Entrate ha voluto chiarire ambito di applicazione, beneficiari, e modalità di annullamento dei debiti ancora giacenti presso gli agenti della riscossione, oggetto di stralcio come previsto dall’art.4 del D.L. 41/2021. L’annullamento […]

Leggi di più

N° 164/2021 del 13/10/2021

Il Tribunale di Milano, con la sentenza dello scorso 15 settembre (RG 2316/2021), ha affermato che il provvedimento di sospensione senza retribuzione, ancorché adottato per il legittimo fine di cui all’art. 2087 c.c. (salvaguardia della salubrità aziendale), è l’extrema ratio, donde la sua applicazione non può esonerare il datore di lavoro dall’onere probatorio dell’impossibilità a […]

Leggi di più

N° 163/2021 del 12/10/2021

Messaggio INPS n° 3216 del 24 settembre 2021: salve le indennità di maternità/paternità e malattia per i lavoratori autonomi che hanno beneficiato dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali introdotto per fronteggiare l’emergenza Covid-19.   Con il Messaggio n. 3216/2021, l’INPS fornisce indicazioni specifiche relativamente al pagamento delle indennità di maternità, congedo parentale, malattia e degenza […]

Leggi di più

N° 162/2021 del 11/10/2021

L’Agenzia delle Entrate Riscossione mette a disposizione sul proprio sito il software online per verificare se, nei piani di pagamento di rottamazione ter e saldo e stralcio, vi siano carichi soggetti all’annullamento   L’Agenzia delle Entrate, ai sensi dell’art.4 del DL n.41/2021, mette ai nastri di partenza la cancellazione delle cartelle sotto i 5.000 euro […]

Leggi di più

N° 161/2021 del 08/10/2021

Le somme erogate per il rimborso della fruizione di servizi formativi costituiscono redditi assimilati a lavoro dipendente ex art. 50, comma 1, lett. c) del Tuir. A.d.E. risposta ad interpello n. 619 del 21 settembre 2021. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°619 del 21 settembre 2021, ha chiarito l'ambito applicativo dell'art. 50, […]

Leggi di più

N° 160/2021 del 07/10/2021

L’Inps, con la circolare n° 137 del 17 settembre scorso, ha chiarito – contraddicendo le indicazioni di cui alle precedenti istruzioni in materia – che si rende necessario procedere al recupero delle somme versate in difetto, ma anche in eccesso, del contributo Naspi, recte ticket di licenziamento.   L’Inps, con la circolare in commento, ha […]

Leggi di più

N° 159/2021 del 06/10/2021

L’Inl fornisce indicazioni operative in merito all’apposizione di causali al contratto a tempo determinato in seguito alle modifiche apportate dal D.L. n. 73/2021   Con la nota n. 1363 del 14 settembre 2021, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito indicazioni operative in merito all’apposizione di causali al contratto a tempo determinato di durata superiore a […]

Leggi di più

N° 158/2021 del 05/10/2021

Il reddito prodotto dalle società tra professionisti ha natura di reddito d’impresa e permette di fruire del credito d’imposta industria 4.0.   Con risposta ad interpello 600 del 16.09.2021 l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad un quesito sulla possibilità per una STP, regolarmente costituita tra medici odontoiatri, di poter fruire del credito d’imposta di cui al […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF