Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 161/2021 del 08/10/2021

Le somme erogate per il rimborso della fruizione di servizi formativi costituiscono redditi assimilati a lavoro dipendente ex art. 50, comma 1, lett. c) del Tuir. A.d.E. risposta ad interpello n. 619 del 21 settembre 2021.

L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°619 del 21 settembre 2021, ha chiarito l'ambito applicativo dell'art. 50, comma 1, lettera c), del Testo unico delle imposte sui redditi in ordine all'istanza formulata da una società operante nel campo della formazione professionale in ambito aziendale ed extra aziendale, nonché di formazione nel campo delle politiche attive del lavoro.

La società istante ha rappresentato di essere risultata aggiudicataria di un appalto avente per oggetto l'erogazione dei servizi di sostegno alle idee imprenditoriali giovanili, mediante la prestazione di servizi di accompagnamento e l'erogazione di "Carte ILA" (Individual Learning Account) previsti dal Programma Operativo della Provincia e finanziato con il Fondo Sociale Europeo (FSE).

Più nel particolare, l'assegnatario della Carta consegue il diritto di "spendere" un credito finalizzato alla formazione attraverso lo schema dell'anticipo della spesa da parte del beneficiario e del successivo rimborso della medesima da parte della società Istante.

Quest'ultima, a sua volta, viene ristorata dalla Provincia di quanto erogato al soggetto beneficiario in sede di conversione in denaro del valore totale o parziale delle carte medesime, in base alle disposizioni contenute nella determinazione del dirigente generale della Provincia.

All'uopo, la società istante ha chiesto chiarimenti in merito al regime fiscale applicabile, sia in capo all'Istante medesima che in capo all'assegnatario della Carta, ai rimborsi erogati dall'Istante a copertura delle spese anticipate dai giovani partecipanti per l'acquisto dei servizi formativi, ritenendo, altresì, che i suddetti rimborsi non siano rilevanti ai fini reddituali e non siano, pertanto, assoggettabili a tassazione né in capo all'Istante né in capo al beneficiario delle Carte.

In risposta al quesito, l'Agenzia delle Entrate ha preliminarmente ricordato che l'art. 50, comma 1, lettera c), del Testo unico delle imposte sui redditi riconduce ai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente "le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale, se il beneficiario non è legato da rapporti di lavoro dipendente nei confronti del soggetto erogante".

Con riferimento ai suddetti redditi, la circolare del Ministero delle Finanze 23 dicembre 1997, n°326, ha chiarito che rientrano nell'ambito della citata lettera c) e, in particolare, nella nozione di "assegni, premi o sussidi per fini di studio o addestramento professionale" oltre alle erogazioni per corsi di specializzazione, qualificazione o riqualificazione professionale, anche quelle per corsi finalizzati a una futura eventuale occupazione di lavoro. Sulla base di tale principio è stato, quindi, chiarito che rientrano in tale previsione anche le somme corrisposte per la realizzazione di iniziative formative volte a favorire l'ingresso dei lavoratori nel mondo del lavoro.

A tale proposito, hanno continuato i tecnici dell'Amministrazione Finanziaria, la Carte ILA, come descritto dalla società istante, costituisce un titolo di credito che il beneficiario può utilizzare per acquisire servizi formativi a supporto di percorsi di auto-imprenditorialità, aventi la finalità di agevolare l'inserimento dei beneficiari medesimi nel mondo del lavoro.

Pertanto, le somme rimborsate dalla Provincia alla società Istante non costituiscono reddito per quest'ultima in quanto non rappresentano un corrispettivo, ma la mera restituzione delle somme anticipate ai beneficiari delle Carte per conto della Provincia. Diversamente, le somme erogate dall'Istante ai beneficiari a titolo di ristoro delle spese da questi sostenute per l'acquisizione dei servizi formativi costituiscono, in capo ai beneficiari medesimi, redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ai sensi dell'art. 50, comma 1, lettera c), del Tuir.

Da ultimo, relativamente alle modalità di determinazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, si applicano le disposizioni recate dall'art. 51 del Tuir per i redditi di lavoro dipendente, nonché, relativamente alle ritenute alla fonte e agli adempimenti del sostituto d'imposta, le disposizioni ex art. 23 del DPR n°600/73.

Ad maiora

IL PRESIDENTE       
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/PDN

N° 197/2021 del 30/11/2021

L'Agenzia delle Entrate rende disponibili le comunicazioni di anomalia ISA/STUDI DI SETTORE per il triennio 2016-2018 disponibili online nel cassetto fiscale.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 314145 del 15 novembre 2021, annuncia la disponibilità on line attraverso il cassetto fiscale del contribuente delle comunicazioni relative a possibili anomalie nella compilazione dei modelli […]

Leggi di più

N° 196/2021 del 29/11/2021

L’INL fornisce chiarimenti in merito all’applicazione dell’istituto della sospensione dell’attività imprenditoriale, alla luce delle novità introdotte dal d.l. n. 146/2021.   Con la circolare n. 3 del 9 novembre 2021, l’INL ha fornito alcune precisazioni in ordine all’istituto della sospensione dell’attività imprenditoriale, a seguito di accesso ispettivo. Con il D.L. n. 146 del 21 ottobre […]

Leggi di più

N° 195/2021 del 26/11/2021

L'Agenzia delle Entrate detta criteri e modalità di emissione delle fatture elettroniche post esterometro dal 1° gennaio 2022.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 293384 del 28 ottobre 2021, riepiloga le modalità operative per la trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere a partire dal 1° gennaio 2022. Si ricorda che, fino al […]

Leggi di più

N° 194/2021 del 25/11/2021

Le nuove dichiarazioni IVA “OSS” e “IOSS” a regime dopo il primo invio dei dati relativi al terzo trimestre 2021   Con il D.lgs n. 83/2021 di recepimento degli art. 2 e 3 della Direttiva UE n. 2017/2455 in materia di Imposta sul Valore Aggiunto per le prestazioni di servizi e le vendite a distanza […]

Leggi di più

N° 193/2021 del 24/11/2021

  L'Agenzia delle Entrate detta criteri e modalità di attuazione delle attività di analisi di rischio e di controllo degli esportatori abituali.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 293390 del 28 ottobre 2021, stabilisce le modalità operative per l'attuazione del presidio antifrode di cui ai commi da 1079 a 1082 dell'art. 1 Legge […]

Leggi di più

N° 192/2021 del 23/11/2021

Il Tar Lazio, ordinanza n° 5705 del 20 ottobre 2021, ha statuito che l’obbligo del green pass per il personale scolastico è in linea con i principi costituzionali e che, peraltro, il datore di lavoro non è tenuto a sostenere i costi del tampone in favore dei dipendenti sprovvisti della certificazione verde.   Il Tribunale […]

Leggi di più

N° 191/2021 del 22/11/2021

L’Inl illustra le modalità di compilazione del modello UNI Distacco UE alla luce delle modifiche apportate dal D.lgs. n. 122/2020.   Con la nota n. 1659 del 29 ottobre 2021, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha illustrato le modalità di compilazione del modulo per la comunicazione preventiva di distacco transnazionale. Come noto, il D.Lgs. n. 122/2020 […]

Leggi di più

N° 190/2021 del 19/11/2021

Cassa Integrazione Guadagni: al via la nuova piattaforma per l’invio della domanda unificata uni-cig   L’INPS, con il messaggio n. 3727 del 29 ottobre u.s. comunica l’introduzione di un nuovo servizio per la presentazione della “domanda unificata di cassa integrazione guadagni UNI-CIG”, esclusivamente per le prestazioni di assegno ordinario, cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD) […]

Leggi di più

N° 189/2021 del 18/11/2021

Apertura termini per la presentazione delle istanze Bonus sulle rimanenze finali di magazzino del settore tessile, moda, accessori.   Con provvedimento n. 293378 pubblicato il 29 ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha dato comunicazione di aver aperto i termini per la presentazione delle istanze per il riconoscimento del credito d’imposta spettante alle imprese operanti nei […]

Leggi di più

N° 188/2021 del 17/11/2021

Ufficializzati i termini e i modelli di comunicazione per i tax credit del Piano Transizione 4.0. Il Ministero dello Sviluppo Economico con tre distinti Decreti Direttoriali, datati 6 ottobre 2021, ha approvato i modelli di comunicazione dei dati e delle altre informazioni necessari ai fini dei crediti d’imposta appartenenti al cosiddetto Piano Transizione 4.0. I […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF