Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 167/2021 del 18/10/2021

L'agevolazione per l'acquisto prima casa non è fruibile dal contribuente che abbia un altro immobile in comproprietà con l'ex coniuge e acquistato con la medesima agevolazione, ancorchè non disponibile a causa della separazione.

L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°634 del 30 settembre 2021, risponde al quesito di una contribuente circa la rilevanza dell’inidoneità dell’abitazione in uso all'ex coniuge in caso di nuovo acquisto e fruizione dei benefici "prima casa".

In particolare, l'istante ha rappresentato di essere comproprietaria con l'ex coniuge della casa familiare, acquistata quando ha contratto matrimonio con i benefici di cui al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, Nota II bis, posta in calce all' art.1 della Tariffa, Parte I (id: agevolazioni prima casa). A seguito di separazione è stato stabilito che la casa familiare rimarrà in uso al marito fino al 2026 e, nel contempo, si è reso necessario l'acquisto di altra abitazione per la quale sono stati richiesti i medesimi benefici, assumendo l'impegno di alienare la propria quota della casa ex coniugale. All'uopo l'istante ha ritenuto che, anche qualora l'ex coniuge non avesse intenzione di acquistare la quota parte dell'immobile detenuto, considerata l'inidoneità della abitazione coniugale alla adibizione di propria dimora, potranno essere concessi i benefici indicati nella norma citata.

In risposta al quesito, l'Agenzia delle Entrate ha preliminarmente ricordato la misura dei benefici concessi per l'acquisto della prima casa di abitazione che prevedono l'applicazione dell'imposta di registro nella misura del 2 per cento per i trasferimenti e la costituzione di diritti reali di godimento che hanno per oggetto case di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A/1, A/8 e A/9, a condizione che l'acquirente dichiari nell'atto di acquisto di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni.

In deroga a tale principio, il legislatore ha previsto, al comma 4-bis della predetta Nota, che l'aliquota del 2 per cento si applichi anche agli atti di acquisto per i quali l'acquirente non soddisfa il requisito citato, a condizione che l'immobile già posseduto (acquistato con le medesime agevolazioni) sia alienato entro un anno dalla data dell'atto relativo al nuovo acquisto.

Sul punto, i tecnici dell'Agenzia delle Entrate hanno citato i numerosi precedenti giurisprudenziali e di prassi in ordine alla inidoneità dell'immobile posseduto a fungere da abitazione "principale" per il contribuente e, in senso restrittivo hanno ritenuto che le disposizioni di cui alla citata Nota II-bis hanno natura agevolativa e, quindi, non sono suscettibili di interpretazione che ne estenda la portata applicativa ad ipotesi non espressamente contemplate, pertanto, non si condivide la presunta inidoneità dell'immobile in oggetto pre-posseduto a soddisfare quelle esigenze abitative, quale elemento rilevante per impedire l'applicazione della citata disposizione di legge che prevede, tra l'altro, la decadenza dal beneficio fiscale in esame.

In conclusione, considerata la titolarità in capo all'istante del diritto di proprietà di altra casa di abitazione, acquistata con le agevolazioni in esame, lo stesso dovrà procedere alla alienazione della quota in sua proprietà della casa pre-posseduta, al fine di non incorrere nella decadenza dall'agevolazione fruita per il secondo acquisto.

Riguardo ai termini per effettuare gli adempimenti previsti ai fini del mantenimento dei benefici prima casa, si rammenta che per gli acquisti avvenuti tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2021, i termini inizieranno a decorrere dal 1° gennaio 2022, ex art. 3, comma 11-quinquies, D.L. n°183/2020 (id: Milleproroghe); al contempo, il contribuente, che non intende o non può assolvere agli impegni assunti in sede di acquisto della prima casa di abitazione (id: alienazione) può comunicare tale circostanza all'Agenzia delle Entrate ed evitare l'applicazione della sanzione amministrativa ovvero, corrisponderla in misura ridotta.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/PDN

N° 197/2021 del 30/11/2021

L'Agenzia delle Entrate rende disponibili le comunicazioni di anomalia ISA/STUDI DI SETTORE per il triennio 2016-2018 disponibili online nel cassetto fiscale.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 314145 del 15 novembre 2021, annuncia la disponibilità on line attraverso il cassetto fiscale del contribuente delle comunicazioni relative a possibili anomalie nella compilazione dei modelli […]

Leggi di più

N° 196/2021 del 29/11/2021

L’INL fornisce chiarimenti in merito all’applicazione dell’istituto della sospensione dell’attività imprenditoriale, alla luce delle novità introdotte dal d.l. n. 146/2021.   Con la circolare n. 3 del 9 novembre 2021, l’INL ha fornito alcune precisazioni in ordine all’istituto della sospensione dell’attività imprenditoriale, a seguito di accesso ispettivo. Con il D.L. n. 146 del 21 ottobre […]

Leggi di più

N° 195/2021 del 26/11/2021

L'Agenzia delle Entrate detta criteri e modalità di emissione delle fatture elettroniche post esterometro dal 1° gennaio 2022.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 293384 del 28 ottobre 2021, riepiloga le modalità operative per la trasmissione telematica dei dati delle operazioni transfrontaliere a partire dal 1° gennaio 2022. Si ricorda che, fino al […]

Leggi di più

N° 194/2021 del 25/11/2021

Le nuove dichiarazioni IVA “OSS” e “IOSS” a regime dopo il primo invio dei dati relativi al terzo trimestre 2021   Con il D.lgs n. 83/2021 di recepimento degli art. 2 e 3 della Direttiva UE n. 2017/2455 in materia di Imposta sul Valore Aggiunto per le prestazioni di servizi e le vendite a distanza […]

Leggi di più

N° 193/2021 del 24/11/2021

  L'Agenzia delle Entrate detta criteri e modalità di attuazione delle attività di analisi di rischio e di controllo degli esportatori abituali.   L'Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento n° 293390 del 28 ottobre 2021, stabilisce le modalità operative per l'attuazione del presidio antifrode di cui ai commi da 1079 a 1082 dell'art. 1 Legge […]

Leggi di più

N° 192/2021 del 23/11/2021

Il Tar Lazio, ordinanza n° 5705 del 20 ottobre 2021, ha statuito che l’obbligo del green pass per il personale scolastico è in linea con i principi costituzionali e che, peraltro, il datore di lavoro non è tenuto a sostenere i costi del tampone in favore dei dipendenti sprovvisti della certificazione verde.   Il Tribunale […]

Leggi di più

N° 191/2021 del 22/11/2021

L’Inl illustra le modalità di compilazione del modello UNI Distacco UE alla luce delle modifiche apportate dal D.lgs. n. 122/2020.   Con la nota n. 1659 del 29 ottobre 2021, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha illustrato le modalità di compilazione del modulo per la comunicazione preventiva di distacco transnazionale. Come noto, il D.Lgs. n. 122/2020 […]

Leggi di più

N° 190/2021 del 19/11/2021

Cassa Integrazione Guadagni: al via la nuova piattaforma per l’invio della domanda unificata uni-cig   L’INPS, con il messaggio n. 3727 del 29 ottobre u.s. comunica l’introduzione di un nuovo servizio per la presentazione della “domanda unificata di cassa integrazione guadagni UNI-CIG”, esclusivamente per le prestazioni di assegno ordinario, cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD) […]

Leggi di più

N° 189/2021 del 18/11/2021

Apertura termini per la presentazione delle istanze Bonus sulle rimanenze finali di magazzino del settore tessile, moda, accessori.   Con provvedimento n. 293378 pubblicato il 29 ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha dato comunicazione di aver aperto i termini per la presentazione delle istanze per il riconoscimento del credito d’imposta spettante alle imprese operanti nei […]

Leggi di più

N° 188/2021 del 17/11/2021

Ufficializzati i termini e i modelli di comunicazione per i tax credit del Piano Transizione 4.0. Il Ministero dello Sviluppo Economico con tre distinti Decreti Direttoriali, datati 6 ottobre 2021, ha approvato i modelli di comunicazione dei dati e delle altre informazioni necessari ai fini dei crediti d’imposta appartenenti al cosiddetto Piano Transizione 4.0. I […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF