Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 208/2022 del 18/11/2022

Ai nastri di partenza il nuovo Bonus per i genitori separati o divorziati

La piena operatività del Bonus per i genitori separati o divorziati è stata definita dal Dpcm del 23 agosto 2022, finalmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di mercoledì 26 ottobre 2022.

Si tratta di un contributo economico previsto inizialmente dal DL n. 41/2021 (id: Decreto Sostegni) successivamente confermato dalla Legge Delega Fiscale per aiutare i genitori a continuare a versare gli assegni di mantenimento per i figli.

Pertanto, sono stati definiti i criteri e le modalità di richiesta del contributo per la continuità degli assegni di mantenimento nei casi in cui il genitore che doveva versarlo abbia avuto difficoltà lavorative connesse alla emergenza COVID-19.

Bonus genitori separati o divorziati

Il contributo economico de quo spetta al genitore in stato di bisogno che deve provvedere al mantenimento proprio e dei figli minori, nonché dei figli maggiorenni portatori di handicap grave, conviventi, che non abbia ricevuto, del tutto o in parte, l'assegno di mantenimento a causa dell'inadempienza del genitore o del coniuge o del convivente che vi era tenuto, dovuta ad un'impossibilità in conseguenza dell'emergenza Covid, per effetto della quale ha cessato, ridotto o sospeso la propria attività lavorativa a decorrere dall'8 marzo 2020 per una durata minima di 90 giorni o per una riduzione del reddito di almeno il 30% rispetto a quello percepito nel 2019.

Le condizioni per il bonus

Il provvedimento attuativo in commento ha anche individuato le condizioni per poterne usufruire del bonus, stabilendo che:

  • il contributo è erogato esclusivamente a favore dei genitori che risultino conviventi con figli minori o maggiorenni portatori di handicap grave alla data della mancata percezione dell'assegno successivamente all'8 marzo 2020;
  • l'handicap è considerato grave quando la persona necessita di un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione.

E’ anche previsto uno specifico requisito reddituale per il richiedente, che potrà beneficiare del bonus esclusivamente in caso di reddito inferiore o uguale all’importo di 8.174 euro.

Il contributo, inoltre, è erogato solo ai genitori che non hanno ricevuto l’assegno di mantenimento o l’hanno ricevuto basso, nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2022, data di cessazione dello stato di emergenza Covid.

Criteri e modalità di erogazione

L’importo del bonus genitori 2022 può arrivare ad un massimo di 800 euro al mese, ed è corrisposto in una unica soluzione, in misura pari all’importo non versato dell’assegno di mantenimento di cui è titolare il richiedente, per un massimo di 12 mensilità, tenuto conto delle disponibilità del Fondo per genitori separati e divorziati che prevede una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro per il 2021 e per l’anno 2022.

La domanda

Con un avviso pubblicato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia sul proprio sito istituzionale (id: https://famiglia.governo.it/it/) verrà dato l’avvio della procedura di accesso al contributo del Fondo e la contestuale presentazione delle domande.

L’Istanza in parola, a pena di inammissibilità, deve contenere:

  • le generalità e i dati anagrafici del richiedente;
  • il codice fiscale;
  • gli estremi del proprio conto corrente bancario o postale;
  • l’importo dell’assegno di mantenimento di cui è titolare il richiedente, relativo al periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2022, e l’ammontare delle somme non versate a titolo di mantenimento, nello stesso periodo di tempo, dal coniuge obbligato;
  • se il coniuge inadempiente percepisca redditi da lavoro dipendente e, nel caso affermativo, l’indicazione della sussistenza dell’obbligo disposto dal giudice di versamento diretto a favore del richiedente a norma dell’art. 156, sesto comma, del codice civile;
  • il reddito eventualmente percepito nel corso dell’annualità per la quale non è stato corrisposto, in tutto o in parte, l’assegno di mantenimento. Relativamente ai contributi da erogare per il periodo 1° gennaio-31 marzo 2022, il reddito eventualmente percepito nel corso dell’anno 2021;
  • la dichiarazione attestante il nesso di causalità tra l’inadempienza e l’emergenza epidemiologica da COVID-19 quale fattore determinante la cessazione, la riduzione o la sospensione dell’attività lavorativa del coniuge obbligato, nei termini indicati dalla legge;
  • l’indirizzo di posta elettronica ordinaria o certificata a cui l’interessato intende ricevere ogni comunicazione relativa al monitoraggio della pratica.

Il Dipartimento per le Politiche della Famiglia procederà alla necessaria verifica dei presupposti consultando l'Agenzia delle Entrate, ai fini dell'accertamento della situazione reddituale del genitore tenuto al mantenimento, e gli Uffici Giudiziari competenti ai fini dell'accertamento dell'importo effettivamente dovuto.

Per approfondire

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-10-26&atto.codiceRedazionale=22A06061&elenco30giorni=false

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FT

N° 17/2023 del 31/01/2023

L’INPS ricorda quali sono i requisiti per chiedere l’Assegno Sociale   L’INPS, con la circolare n.131 del 12 dicembre 2022, in tema di assegni sociali di cui all’art. 3, comma 6, della L. n. 335/95, ha provveduto, a fornire le precisazioni relative ai requisiti occorrenti per il riconoscimento degli stessi. L’Assegno Sociale Il suddetto art. […]

Leggi di più

N° 16/2023 del 30/01/2023

CISOA anche per gli apprendisti L’INPS, con la circolare n. 1 del 4 gennaio 2023, comunica le modifiche concernenti gli aspetti di natura contributiva susseguenti all’entrata in vigore delle nuove disposizioni in materia di Cassa Integrazione Salariale Operai Agricoli (CISOA) relativamente ai lavoratori assunti con contratto di apprendistato. Facendo seguito alle modifiche apportate in tema di contribuzione […]

Leggi di più

N° 15/2023 del 27/01/2023

Fatturazione elettronica e regime forfettario   Con risposta a FAQ n. 150, pubblicata il 22 dicembre 2022, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che ai fini dell’individuazione dei limiti che fanno insorgere l’obbligo di procedere alla fatturazione in modalità elettronica, non rileva il raggiungimento e/o il superamento dei limiti relativi all’anno d’imposta 2022. Ricordiamo che l’art. 18 […]

Leggi di più

N° 14/2023 del 26/01/2023

Indicazioni operative per la fruizione dell’esonero contributivo previsto in favore dei datori di lavoro in possesso della certificazione della parità di genere   L’INPS, con circolare n. 137 del 27 dicembre 2022, ha illustrato le modalità di richiesta e di fruizione dell’esonero contributivo per i datori di lavoro che abbiano conseguito la certificazione della parità […]

Leggi di più

N° 13/2023 del 25/01/2023

No al controllo dei metadati della posta elettronica dei dipendenti senza adeguate tutele per la riservatezza e in violazione delle norme che limitano il controllo a distanza dei lavoratori   Con ordinanza ingiunzione del 1° dicembre 2022, il Garante per la privacy ha comminato una sanzione di 100.000 euro alla Regione Lazio per illecito controllo di metadati delle […]

Leggi di più

N° 12/2023 del 24/01/2023

Al via la registrazione telematica dei contratti di comodato tramite modello "RAP" di registrazione atto privato.   L'Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n° 465502 del 19 dicembre 2022, nell’ambito del processo di telematizzazione nei rapporti tra cittadini/contribuenti e fisco, ha approvato il nuovo modello per la “Richiesta di registrazione di atto privato” (id: modello RAP) […]

Leggi di più

N° 11/2023 del 23/01/2023

Il GPDP pubblica la scheda informativa relativa agli strumenti di tutela dell’interessato   Con notizia del 6 dicembre 2022, il Garante per la protezione dei dati personali, ha comunicato la pubblicazione di una scheda informativa relativa agli strumenti di tutela dell’interessato. Come noto, il cittadino può esercitare il proprio diritto di accesso, rettifica e cancellazione […]

Leggi di più

N° 10/2023 del 20/01/2023

L’Agenzia delle Entrate istituisce i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, dei crediti relativi al Superbonus dallo scorso 1° novembre 2022   L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n.71 del 7 dicembre 2022, ha predisposto, per le comunicazioni delle opzioni eseguite a decorrere dal 1° novembre 2022, riguardanti i crediti d’imposta Superbonus […]

Leggi di più

N° 09/2023 del 19/01/2023

Doppio riscatto della laurea per i liberi professionisti   Importante chiarimento dell’INPS in materia di “riscatto” della laurea per i liberi professionisti che, da sempre, è stato oggetto di dispute “pensionistiche”. L’INPS, infatti, con il messaggio n. 4419 del 7 dicembre 2022, “riservato” ai suoi uffici e non pubblicato, quindi, sul sito istituzionale, fornisce precisazioni […]

Leggi di più

N° 08/2023 del 18/01/2023

Assegno Unico ed Universale: l’INPS corrisponderà in continuità la prestazione da marzo 2023   La circolare 132 del 15 dicembre 2022 dell’INPS fornisce chiarimenti ed indicazioni circa la corresponsione in continuità dell’Assegno Unico ed Universale a partire dal mese di marzo 2023. Ricordiamo che l’AUU costituisce un beneficio economico attribuito, su base mensile, per il […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF