Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 209/2022 del 21/11/2022

L’Inps, con il messaggio n° 4042 del 9 novembre scorso, ha fornito chiarimenti su decorrenza, modalità di calcolo, cumulabilità e portabilità dello sgravio contributivo riconosciuto alle lavoratrici che rientrano dal congedo di maternità

 

L’INPS, con messaggio n° 4042 del 9 novembre 2022, fornisce chiarimenti in merito all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali, nella misura del 50 per cento, previsto per le lavoratrici del settore privato che rientrano dal congedo obbligatorio di maternità ex art. 1, comma 137, della Legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Legge di Bilancio 2022).

La misura, adottata in via sperimentale e valevole per i rientri fino al 31 dicembre 2022, si applica esclusivamente alla quota carico dipendente; non configurandosi, dunque, come aiuto di Stato – poiché improduttiva di benefici in capo al datore di lavoro – il diritto alla fruizione dell’agevolazione non è neppure subordinato al possesso del Durc.

L’Istituto previdenziale, che già si era occupato dell’agevolazione lo scorso settembre indicando le istruzioni operative e contabili (circ. 102 del 19.09.2022), ritorna sul punto per definire con chiarezza la decorrenza dell’esonero, le modalità di calcolo dell’imponibile contributivo e le condizioni di portabilità.

DECORRENZA DELL’ESONERO

La decorrenza effettiva dell’esonero ha generato diversi dubbi interpretativi. In particolare, è stato precisato che la spettanza dell'esonero viene riconosciuta anche qualora il rientro effettivo sul posto di lavoro della lavoratrice avvenga dopo la fruizione del periodo di astensione facoltativa e dopo il periodo di interdizione post partum, purché tali periodi siano fruiti senza soluzione di continuità rispetto al congedo obbligatorio. Ciò significa che l’agevolazione in trattazione trova applicazione a partire dalla data del rientro effettivo al lavoro della lavoratrice, purché lo stesso avvenga tra il 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2022; se la lavoratrice, dopo aver fruito del congedo di maternità, continua a rimanere assente senza soluzione di continuità per ferie, malattia o permessi, l’esonero contributivo, troverà applicazione solo con l’effettivo rientro al lavoro al termine di tutta l’assenza. Di seguito si riporta uno schema esemplificativo:

TERMINE CONGEDO OBBLIGATORIO

FRUIZIONE DEL CONGEDO PARENTALE (CON INTEGRAZIONE DEL DATORE)

FRUIZIONE FERIE

RIENTRO EFFETTIVO NEL POSTO DI LAVORO

18 LUGLIO 2022

DAL 19 LUGLIO 2022 AL 7 SETTEMBRE 2022

DALL’8 AL 14 SETTEMBRE 2022

15 SETTEMBRE 2022

Il diritto all’applicazione dell’esonero in oggetto decorre dal rientro effettivo nel posto di lavoro, ossia dal 15 settembre 2022, per un anno e, quindi, fino al 14 settembre 2023.

BASE IMPONIBILE

L’imponibile da considerare ai fini dell’applicazione dello sgravio in trattazione, con riferimento al primo mese di fruizione dello stesso e nelle ipotesi di rientro in servizio inframensile, è quello dalla data del rientro.

In caso di malattia e ferie occorse nel mese del rientro, dopo l’effettivo rientro nel posto di lavoro, si dovrà considerare sia l’imponibile relativo alle ferie sia quello riferito al periodo interessato dall’evento malattia.

A tal proposito, con riferimento allo schema di cui sopra, in presenza di un imponibile complessivo nel mese di settembre 2022 di 2.200 euro, di cui 200 euro di integrazione da parte del datore di lavoro, l’importo giornaliero del tetto è pari a 100,00 euro (= 2.000/20 giorni contribuiti, escludendo le giornate di congedo e il relativo imponibile integrato dal datore di lavoro). Detto valore giornaliero va moltiplicato per i giorni contribuiti del mese di settembre, successivi al rientro (14 giorni contribuiti), che, nell’esempio in commento decorrono dal 15 settembre, giorno di effettivo rientro nel posto di lavoro, al fine di ottenere la misura dell’imponibile oggetto di sgravio.

COORDINAMENTO CON ALTRE AGEVOLAZIONI

Lo sgravio è cumulabile con gli esoneri previsti a legislazione vigente relativi alla contribuzione dovuta dal datore di lavoro. Inoltre, è ammessa la cumulabilità con l’esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti (IVS) a carico del lavoratore, previsto per l’anno 2022, nella misura di 0,8 punti percentuali per il periodo gennaio/giugno 2022 e di 2 punti percentuali per il periodo luglio/dicembre 2022.

PORTABILITA’

Laddove la lavoratrice sia rientrata nel posto di lavoro a seguito dell’astensione per maternità, in caso di successivo cambio di datore di lavoro, occorre distinguere tra le seguenti due ipotesi:

  • nel caso in cui ci sia soluzione di continuità tra il precedente rapporto incentivato e il nuovo (ad esempio, dimissioni e nuova assunzione; scadenza di un contratto a termine e nuova assunzione), l’esonero non può essere riconosciuto. Rispetto al nuovo rapporto, infatti, difetterebbe la sussistenza del presupposto incentivato, cioè il rientro dopo la maternità;
  • nel caso in cui non ci sia soluzione di continuità (ad esempio, trasferimento di azienda; cessione di contratto), poiché il nuovo datore subentra nei diritti e negli obblighi del precedente, l’esonero continua a trovare applicazione, trattandosi della prosecuzione del medesimo rapporto di lavoro.

Nel caso in cui la lavoratrice, invece, non sia rientrata nel posto di lavoro relativo al rapporto contrattuale in costanza del quale si è verificata l’astensione per maternità, l’esonero può essere riconosciuto presso il datore di lavoro che successivamente assume la lavoratrice.

Si ricorda che i datori di lavoro per richiedere l’applicazione dell’esonero contributivo in argomento dovranno inoltrare all’INPS, tramite la funzionalità “Contatti” del “Cassetto previdenziale” alla voce “Assunzioni agevolate e sgravi”, campo “Esonero art.1 c. 137 L. 234/2021”, un’istanza per l’attribuzione del codice di autorizzazione “0U”. La richiesta di attribuzione del suddetto codice di autorizzazione “0U” deve essere inoltrata prima della trasmissione della denuncia contributiva relativa al primo periodo retributivo in cui si intende esporre l’esonero medesimo. Il recupero dello sgravio sul mese di gennaio 2022 e fino al mese precedente l’esposizione del corrente potrà essere effettuato esclusivamente nei flussi Uniemens di competenza dei tre mesi successivi alla pubblicazione della circ. n° 102 del 19-09-2022.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

 (*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

 

ED/FC

N° 213/2022 del 25/11/2022

Dichiarazioni doganali con abbandono del DAU dal 30 novembre 2022 e nuove modalità di gestione in modalità digitale.   L'Agenzia delle Dogane, con Avviso – Prot. 511592 del 11 novembre 2022 – rende nota la imminente operatività della procedura di presentazione e di gestione delle dichiarazioni doganali con le modalità digitali. La piena automazione del […]

Leggi di più

N° 212/2022 del 24/11/2022

Imposta di bollo sulle fatture elettroniche: il versamento del 30 novembre   Il 30 novembre scade il termine per effettuare il versamento dell’imposta di bollo assolta in maniera virtuale sulle fatture emesse. Ricordiamo che l’imposta di bollo (nella misura fissa di € 2,00) deve essere assolta nel caso di emissione di determinati documenti, tra cui […]

Leggi di più

N° 211/2022 del 23/11/2022

L’Inail comunica la pubblicazione del bando BIT   Il 7 novembre 2022, l’INAIL ha comunicato la pubblicazione, in collaborazione con ARTES 4.0, del bando BIT con il quale si intende incentivare le imprese a realizzare progetti di innovazione, ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, finalizzati alla riduzione del fenomeno infortunistico/tecnopatico o che abbiano una riconoscibile […]

Leggi di più

N° 210/2022 del 22/11/2022

Congedo parentale e facoltativo del padre: completati gli aggiornamenti procedurali è ora possibile inviare le domande in via telematica   Con il messaggio n. 4025 dell’8 novembre 2022, l’INPS comunica il completamento degli aggiornamenti procedurali per la presentazione delle domande di congedo parentale dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori iscritti alla Gestione separata, nonché per […]

Leggi di più

N° 208/2022 del 18/11/2022

Ai nastri di partenza il nuovo Bonus per i genitori separati o divorziati La piena operatività del Bonus per i genitori separati o divorziati è stata definita dal Dpcm del 23 agosto 2022, finalmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di mercoledì 26 ottobre 2022. Si tratta di un contributo economico previsto inizialmente dal DL n. 41/2021 […]

Leggi di più

N° 207/2022 del 17/11/2022

La Corte di Giustizia Tributaria di primo grado di Venezia ha rimesso al giudizio della Corte Costituzionale la questione di legittimità su molte disposizioni introdotte dalla legge n° 130/2022 di riforma della giustizia tributaria. CGT  1° di Venezia – Ordinanza n°402 del 31 ottobre 2022   Il 16 settembre 2022 è entrata in vigore la […]

Leggi di più

N° 206/2022 del 16/11/2022

Dichiarazione IVA anno d’imposta 2019: pronte le comunicazioni di eventuali anomalie   Con provvedimento n. 408592 del 4 novembre 2022 l’Agenzia delle Entrate fa presente che saranno rese disponibili, in attuazione dell’articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, apposite comunicazioni di eventuali discordanze tra le dichiarazioni ai fini […]

Leggi di più

N° 205/2022 del 15/11/2022

L’AdE con circolare n° 35 del 4 novembre 2022, fornisce chiarimenti in merito al superamento del limite di 600 euro per i fringe benefit   L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 35 del 2022, ha fornito chiarimenti in merito alla tassazione dei Fringe benefit in caso di superamento del limite di 600,00 euro previsto, […]

Leggi di più

N° 204/2022 del 14/11/2022

L’Inps, con la circolare n° 122 del 27 ottobre scorso, fa il punto della situazione sulle prestazioni a sostegno della genitorialità per i lavoratori dipendenti e autonomi   L’INPS, con la circolare n° 122 del 27 ottobre 2022, fornisce le prime indicazioni operative per illustrare le novità introdotte dal provvedimento in favore dei lavoratori dipendenti […]

Leggi di più

N° 203/2022 del 11/11/2022

Dall’Agenzia delle Entrate novità sull’imposizione fiscale diretta e indiretta dei trust. A.D.E. Circolare n.34 del 20 ottobre 2022   L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 34/2022, ha pubblicato la versione definitiva della disciplina fiscale dei trust ai fini della imposizione diretta e indiretta. Infatti nel documento di prassi de quo vengono fornite indicazioni sulla […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF