Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 87/2022 del 10/05/2022

L’Inps fornisce i primi chiarimenti in merito all’assegno unico e universale

Con il messaggio n. 1714 del 20 aprile 2022, l’INPS fornisce ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina dell’assegno unico e universale, con particolare riferimento alle maggiorazioni spettanti ai nuclei per figli maggiorenni e genitori separati.

Come noto, dal 1° marzo 2022 è entrato in vigore il nuovo assegno unico e universale, introdotto nel nostro ordinamento dal D. Lgs. n. 230/2021. La prestazione previdenziale consiste in un beneficio economico attribuito con cadenza mensile ai nuclei familiari, nei periodi compresi tra marzo e febbraio dell’anno successivo.

Orbene, con il messaggio in esame l’ente di previdenza fornisce i primi chiarimenti sui nuclei in cui entrambi i genitori sono lavoratori.

In questo caso, il comma 8 dell’art. 4 del D. Lgs. n. 230/2021 prevede che, nell’eventualità in cui entrambi i genitori siano titolari di redditi da lavoro, spetterà una maggiorazione per ciascun figlio minore pari a euro 30,00 mensili, per ISEE inferiori a 15.000,00 euro, che si ridurrà gradualmente fino ad annullarsi in corrispondenza di un ISEE pari a euro 40.000,00.

Ai fini della suddetta maggiorazione assumono rilevanza:

  • i redditi da lavoro dipendente o assimilati;
  • i redditi da pensione;
  • i redditi da lavoro autonomo o d’impresa, posseduti al momento della domanda e percepiti per un periodo prevalente nel corso dell’anno;
  • i redditi derivanti da prestazioni previdenziali quali NASpI e DIS-COLL, purché percepiti al momento di presentazione della domanda e per un periodo prevalente nel corso dell’anno;
  • i redditi prodotti dal genitore che lavori all’estero con residenza fiscale in Italia;
  • i redditi da lavoro agricolo autonomo.

Ulteriore punto oggetto di chiarimenti da parte dell’INPS è quello relativo alle maggiorazioni per nuclei numerosi. A tale proposito, l’art. 4 comma 3 e 10 del D. Lgs. n. 230/2021 ha previsto una maggiorazione nella misura di euro 85,00 per ciascun figlio successivo al secondo, per ISEE pari o inferiori a 15.000,00 euro, che si ridurrà gradualmente, fino a raggiungere un valore pari a 15,00 euro, per ISEE pari o superiori a euro  40.000,00. Inoltre, lo stesso comma 10 stabilisce un’ulteriore maggiorazione forfettaria di euro 100,00 mensili per nuclei con quattro o più figli. Riguardo a questa disposizione, l’Istituto precisa che nel caso in cui siano presenti nel nucleo figli con genitori diversi, le maggiorazioni spettano unicamente ai soggetti per i quali è accertato il rapporto di genitorialità con i figli.

Per quanto riguarda, invece, l’erogazione dell’assegno ai genitori separati, l’INPS evidenzia che in linea generale l’assegno venga erogato in pari misura ad entrambi i genitori, tuttavia, gli stessi possono stabilire diversamente che il contributo venga interamente erogato solo a uno dei due, attestando in procedura l’accordo tra le parti. Rappresentano eccezioni alla regola citata i casi in cui l’assegno venga erogato interamente ad un solo genitore, se da un provvedimento del giudice o da un accordo scritto tra le parti risulta che quel genitore ha l'esercizio esclusivo della responsabilità genitoriale, ovvero l'affidamento esclusivo dei figli, oppure se il giudice, nel provvedimento di separazione di fatto, legale o di divorzio dei genitori, ha disposto che dei contributi pubblici usufruisca uno solo dei genitori. In tutti i casi indicati sarà comunque cura di colui che inoltra la domanda specificare all’interno di essa l'erogazione dell'assegno al 100%.

Ulteriore caso preso in esame dal messaggio è quello relativo all’assegno riconosciuto ai nuclei familiari per figli minorenni, che diventino maggiorenni successivamente all’inoltro della domanda. La norma di riferimento, infatti, prevede la possibilità che il figlio presenti domanda di assegno per conto proprio, tale eventualità comporta la decadenza della “scheda” presente nella domanda del genitore, con proseguimento della prestazione erogata direttamente al figlio maggiorenne, limitatamente alla quota a lui spettante.

Qualora, invece, prosegua la validità della precedente domanda ed il figlio non presenti domanda per conto proprio, a partire dal mese di compimento del diciottesimo anno, la domanda verrà messa in stato “Evidenza”, sarà cura del cittadino integrare le dichiarazioni relative al figlio maggiorenne. Successivamente all’inserimento dei dati richiesti la domanda verrà posta di nuovo in istruttoria, sempre che la fase di integrazione sia avvenuta entro il 28 febbraio di ciascun anno, infatti, oltre questa data non sarà più possibile effettuare l’integrazione dei dati mancanti.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

(*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/MS

N° 128/2022 del 06/07/2022

Adempimenti dichiarativi obbligatori per gli enti non commerciali se dotati di partita IVA  anche in assenza di reddito o debito di imposta L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°312 del 27 maggio 2022, ha precisato che la mera acquisizione della partita Iva comporta l’obbligo della tenuta delle scritture contabili nonché quello di presentazione della […]

Leggi di più

N° 127/2022 del 05/07/2022

Reddito di libertà per donne vittime di violenza finanziato con risorse delle Regioni e Province autonome L’INPS, con il messaggio n. 2453 del 16 giugno 2022, fornisce le informazioni operative e contabili per l'istruzione e la liquidazione delle domande di reddito di libertà presentate dalle donne vittime di violenza alle Regioni. Il reddito di libertà […]

Leggi di più

N° 126/2022 del 04/07/2022

L’Inps, con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, ha fornito le istruzioni operative in materia di sgravio contributivo per le assunzioni con contratto di apprendistato di primo livello effettuate nel 2022. Con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni operative relative allo sgravio contributivo per le assunzioni con […]

Leggi di più

N° 125/2022 del 01/07/2022

Pubblicato il nuovo modello per la richiesta del credito d’imposta Investimenti SUD, Sisma Centro Italia e ZES, con le relative istruzioni L’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n.193276 del 06 giugno 2022, ha pubblicato il nuovo modello per richiedere il credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, con ulteriori e importati aggiornamenti rispetto ai […]

Leggi di più

N° 124/2022 del 30/06/2022

L’Inps illustra le modalità di recupero dell’indennità una tantum ex art. 31 del d.l. n. 50/2022 Con il messaggio n. 2347 del 13 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni per l’esposizione nel flusso UniEmens, del credito generato dall’erogazione, da parte dei datori di lavoro, dell’indennità una tantum prevista dall’art. 31 del D.L. n. 50/2022. Come […]

Leggi di più

N° 123/2022 del 29/06/2022

Il riconoscimento alla generalità dei dipendenti di un benefit consistente nella ricarica gratuita per le auto elettriche può essere ricondotto nell'ambito delle iniziative di welfare aziendale. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°329 del 10 giugno 2022, ha precisato che il servizio di ricarica gratuito offerto a tutti i dipendenti che provino di […]

Leggi di più

N° 122/2022 del 28/06/2022

Contributi ART/COM e Gestione Separata – Quadro RR della Dichiarazione dei redditi – indicazione agevolazione contributiva. Inps Circolare n.66 del 9 giugno 2022. In periodo di liquidazione e presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2021, l’INPS interviene sulla compilazione del quadro RR del modello “Redditi 2022-PF”, che deve essere compilato dai soggetti […]

Leggi di più

N° 121/2022 del 27/06/2022

La Corte di Appello di Lecce, con la sentenza n° 502 del 28 aprile scorso, ha dichiarato leciti gli accessi ispettivi in dimora privata adibita a cantiere edile La Corte di Appello di Lecce, sentenza n° 502 del 28 aprile 2022, ha dichiarato la legittimità dell'accertamento ispettivo nelle private abitazioni in cui siano in corso […]

Leggi di più

N° 120/2022 del 24/06/2022

L’Inl fornisce chiarimenti in merito alla sospensione delle attività non differibili Con la nota n. 1159 del 7 giugno 2022, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito nuovi chiarimenti in merito all’emissione del provvedimento di sospensione dell’attività, ex art. 14 D. Lgs. n. 81/2008, con particolare riferimento alle cosiddette attività non differibili. Il documento viene emanato […]

Leggi di più

N° 119/2022 del 23/06/2022

L'Agenzia delle Entrate fornisce il quadro delle sanzioni relative alla violazione degli obblighi di comunicazione al sistema tessera sanitaria. L'Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n°22/E del 23 maggio 2022, sulla scorta delle richieste di chiarimenti in merito alle violazioni degli obblighi di comunicazione al Sistema tessera sanitaria ed in relazione alla interpretazione dell'art. 3, […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF