Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
N° 93/2022 del 18/05/2022

Assegno unico e universale per i nuclei familiari ai percettori di Reddito di cittadinanza

L’INPS, con la circolare n. 53 del 28 aprile 2022, chiarisce quali sono i requisiti previsti per l’erogazione dell’Assegno Unico e Universale (AUU) ai percettori di Reddito di Cittadinanza (Rdc).

Il Decreto Legislativo n. 230 del 2021, art.7 comma 2 ha stabilito che i nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza ricevano d’ufficio la corresponsione dell’Assegno unico e universale senza dover inoltrare alcuna domanda. Pertanto l’INPS è tenuto a riconoscere in automatico, congiuntamente e con le stesse modalità di erogazione del Rdc, una quota supplementare di beneficio economico riferita all’Assegno Unico e Universale.

I requisiti per l’erogazione dell’AUU sono indicati all’art.3 del richiamato D.Lgs. n. 230/2021 e, ai fini della loro verifica in riferimento ai percettori di RdC, la circolare in commento ha evidenziato che

  • i requisiti di residenza, cittadinanza e soggiorno, risultano assorbiti da quelli più restrittivi previsti per il RdC dall’art. 2, c. 1 lett. a) del DL 4/2019 conv. in L. 26/2019 così come modificato dalla L. 234/2021;
  • il requisito del pagamento delle imposte sui redditi in Italia si intende posseduto dal richiedente del RdC in quanto assorbito dalla verifica preventiva in merito al possesso della residenza in Italia.

Per quanto riguarda i beneficiari, fermo restando che l’erogazione dell’AUU è riconosciuta d’ufficio ai nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza, l’Istituto procederà all'individuazione dei nuclei familiari che abbiano diritto all'assegno unico precisando che si intendono per “figli a carico” quelli facenti parte del nucleo familiare indicato ai fini ISEE in base a quanto contenuto nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), in corso di validità.

Si precisa, tuttavia, che nel caso di genitori separati, divorziati o di genitori naturali non conviventi, il genitore esercente la responsabilità genitoriale in affido condiviso di uno o più figli appartenenti al nucleo familiare dell'altro genitore percettore di RdC, al fine del pagamento in parti uguali dell'assegno unico e universale, dovrà presentare autonoma domanda che sarà liquidata, qualora si riscontrino i requisiti di legge, in misura pari al 50% dell'importo totale dell'assegno (il restante 50% sarà corrisposto al genitore nel nucleo beneficiario di RdC, convivente con i figli, con accredito su carta RdC).

L'integrazione della misura è corrisposta mensilmente per un importo calcolato in base al numero di figli a carico presenti nel nucleo e può essere oggetto di prelevamento in contanti anche oltre il limite previsto pari a 100 euro mensili per singolo individuo. L’erogazione decorre a partire dal mese di marzo 2022, con liquidazione del pagamento dal mese di aprile 2022. Tale decorrenza dei pagamenti, con le relative maggiorazioni, sarà assicurata ai nuclei familiari le cui informazioni sono già in possesso dell'Istituto in quanto contenute nella domanda presentata per l'accesso al RdC o desumibili dalle banche dati a disposizione.

Per i restanti nuclei familiari, il pagamento dell'integrazione avverrà in seguito alla trasmissione delle informazioni necessarie tramite il modello “Rdc-Com/AU”.

Al riguardo, l'Istituto previdenziale ha chiarito che gli importi a titolo di integrazione saranno corrisposti il mese successivo a quello di liquidazione della rata del RdC, in modo da consentire di:

  • verificare la sussistenza del diritto alla prestazione del RdC per ogni mese di decorrenza dell'integrazione;
  • effettuare la determinazione dell'importo spettante ai nuclei familiari, sottraendo dall'importo teorico spettante a titolo di assegno unico e universale la quota mensile di RdC relativa ai figli che fanno parte del nucleo familiare, calcolata sulla base della scala di equivalenza (art. 2, c. 4, DL 4/2019 conv. in L. 26/2019).

Poiché ai beneficiari del Rdc l’assegno unico e universale è corrisposto congiuntamente al Rdc, la revoca o la decadenza del Rdc comportano l’interruzione del riconoscimento dell’integrazione Rdc/AU sulla medesima Carta Rdc. Qualora continui a sussistere il diritto alla percezione dell’assegno unico e universale, gli aventi titolo dovranno presentare apposita domanda, con decorrenza dalla mensilità successiva alla cessazione del Rdc.

L'INPS, infine, ha precisato che la sospensione del pagamento del RdC determinerà anche la sospensione dell'integrazione in commento; in caso di riattivazione, al termine del periodo di sospensione, sarà riattivata l'integrazione e i ratei non corrisposti verranno liquidati a titolo di arretrati congiuntamente alla prestazione base del RdC.

Al fine di assicurare la coincidenza degli importi spettanti a titolo di assegno unico e universale con quanto effettivamente erogato e spettante nell’intero anno di competenza, l’Istituto effettuerà un conguaglio a consuntivo, finalizzato a riconoscere le mensilità di assegno unico e universale non fruite né in forma di integrazione con Rdc né autonomamente a seguito di domanda o, al contrario, a recuperare eventuali indebiti per le stesse mensilità.

Ad maiora

IL PRESIDENTE
Edmondo Duraccio

 

(*) Rubrica riservata agli iscritti nell’Albo dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Napoli. E’ fatto, pertanto, divieto di riproduzione anche parziale. Diritti legalmente riservati agli Autori

ED/GA

N° 128/2022 del 06/07/2022

Adempimenti dichiarativi obbligatori per gli enti non commerciali se dotati di partita IVA  anche in assenza di reddito o debito di imposta L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°312 del 27 maggio 2022, ha precisato che la mera acquisizione della partita Iva comporta l’obbligo della tenuta delle scritture contabili nonché quello di presentazione della […]

Leggi di più

N° 127/2022 del 05/07/2022

Reddito di libertà per donne vittime di violenza finanziato con risorse delle Regioni e Province autonome L’INPS, con il messaggio n. 2453 del 16 giugno 2022, fornisce le informazioni operative e contabili per l'istruzione e la liquidazione delle domande di reddito di libertà presentate dalle donne vittime di violenza alle Regioni. Il reddito di libertà […]

Leggi di più

N° 126/2022 del 04/07/2022

L’Inps, con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, ha fornito le istruzioni operative in materia di sgravio contributivo per le assunzioni con contratto di apprendistato di primo livello effettuate nel 2022. Con la circolare n° 70 del 15 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni operative relative allo sgravio contributivo per le assunzioni con […]

Leggi di più

N° 125/2022 del 01/07/2022

Pubblicato il nuovo modello per la richiesta del credito d’imposta Investimenti SUD, Sisma Centro Italia e ZES, con le relative istruzioni L’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento n.193276 del 06 giugno 2022, ha pubblicato il nuovo modello per richiedere il credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, con ulteriori e importati aggiornamenti rispetto ai […]

Leggi di più

N° 124/2022 del 30/06/2022

L’Inps illustra le modalità di recupero dell’indennità una tantum ex art. 31 del d.l. n. 50/2022 Con il messaggio n. 2347 del 13 giugno 2022, l’INPS fornisce le istruzioni per l’esposizione nel flusso UniEmens, del credito generato dall’erogazione, da parte dei datori di lavoro, dell’indennità una tantum prevista dall’art. 31 del D.L. n. 50/2022. Come […]

Leggi di più

N° 123/2022 del 29/06/2022

Il riconoscimento alla generalità dei dipendenti di un benefit consistente nella ricarica gratuita per le auto elettriche può essere ricondotto nell'ambito delle iniziative di welfare aziendale. L'Agenzia delle Entrate con la risposta ad Interpello n°329 del 10 giugno 2022, ha precisato che il servizio di ricarica gratuito offerto a tutti i dipendenti che provino di […]

Leggi di più

N° 122/2022 del 28/06/2022

Contributi ART/COM e Gestione Separata – Quadro RR della Dichiarazione dei redditi – indicazione agevolazione contributiva. Inps Circolare n.66 del 9 giugno 2022. In periodo di liquidazione e presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2021, l’INPS interviene sulla compilazione del quadro RR del modello “Redditi 2022-PF”, che deve essere compilato dai soggetti […]

Leggi di più

N° 121/2022 del 27/06/2022

La Corte di Appello di Lecce, con la sentenza n° 502 del 28 aprile scorso, ha dichiarato leciti gli accessi ispettivi in dimora privata adibita a cantiere edile La Corte di Appello di Lecce, sentenza n° 502 del 28 aprile 2022, ha dichiarato la legittimità dell'accertamento ispettivo nelle private abitazioni in cui siano in corso […]

Leggi di più

N° 120/2022 del 24/06/2022

L’Inl fornisce chiarimenti in merito alla sospensione delle attività non differibili Con la nota n. 1159 del 7 giugno 2022, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito nuovi chiarimenti in merito all’emissione del provvedimento di sospensione dell’attività, ex art. 14 D. Lgs. n. 81/2008, con particolare riferimento alle cosiddette attività non differibili. Il documento viene emanato […]

Leggi di più

N° 119/2022 del 23/06/2022

L'Agenzia delle Entrate fornisce il quadro delle sanzioni relative alla violazione degli obblighi di comunicazione al sistema tessera sanitaria. L'Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n°22/E del 23 maggio 2022, sulla scorta delle richieste di chiarimenti in merito alle violazioni degli obblighi di comunicazione al Sistema tessera sanitaria ed in relazione alla interpretazione dell'art. 3, […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF