Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 107/2022 del 24/11/2022

Il 25 e 26 Novembre prossimi presso il Palazzo dei Congressi di Roma si terrà la Convention “GIOVANI E PROFESSIONE, EVOLUZIONE E PROSPETTIVE DEL CONSULENTE DEL LAVORO”. La Consulta dei Presidenti CPO della Campania ha redatto, per l’occasione, un documento inviato all’attenzione del CNO sui temi che saranno trattati. Ve ne offriamo un’anteprima.

 

Il 25 e 26 novembre 2022 Dirigenti nazionali e territoriali di Categoria, riuniti presso il Palazzo dei Congressi di Roma, per discutere su “Giovani e professione: evoluzione e prospettive del Consulente del Lavoro”. L’evento si focalizzerà sulle tematiche riguardanti l’attrattività della professione, il punto di vista dei giovani sul lavoro autonomo professionale e il futuro dei Consulenti del Lavoro, con l’esposizione di una ricerca condotta dalla Fondazione Studi e la presentazione delle proposte elaborate a livello regionale.

In occasione della Convention in oggetto ed aderendo all’invito del CNO, la ns. Consulta, in composizione singola ha incontrato in ciascuna provincia gruppi di giovani a prescindere dalla loro adesione all’ANCL o all’AGCDL ed ha raccolto le loro impressioni sui vari temi che saranno presumibilmente affrontati nella Convention del 25 e 26 Novembre 2022 presso il Palazzo dei Congressi di Roma.

Poi è stato dato incarico al Coordinatore della Consulta, Presidente Edmondo Duraccio, di redigere il Report Informativo ed inviarlo al CNO quale contributo della Campania.

Va detto in premessa che la ns. Regione è in controtendenza positiva rispetto al numero dei praticanti e degli abilitati il che è già sintomatico circa la cura che riserviamo alle nuove leve che fanno parte della nostra professione fin dal momento in cui si instaura il rapporto di praticantato, proseguendo per corsi di preparazione agli esami ed incontri presso il CPO per renderci conto di come prosegue il rapporto di tirocinio obbligatorio, rimborso spese, frequenza assidua e diligente, presenza del dante pratica, tipologia di tematiche pratiche affrontate.

In questo modo, fin dall’inizio del praticantato, si crea una simbiosi tra Istituzione, intesa come CPO, e giovani tirocinanti.

La soddisfazione più bella ricevuta nel corso di questi colloqui “specifici” svolti in occasione della Convention l’abbiamo avuta da alcuni colleghi che hanno ricordato come il loro approccio alla professione sia avvenuto nel corso di una ns relazione all’Università. Altri, invece, hanno fatto riferimento a ns. visite negli istituti superiori.

E in effetti i nostri CPO:

  • Hanno stipulato protocolli e convenzioni con le Università al fine dello svolgimento del praticantato fin dall’ultimo anno;
  • Hanno avuto contatti con i ragazzi della scuola secondaria per una sorta di orientamento parlando della nostra professione;
  • Hanno partecipato a tutte le Convention come quelle organizzate dal Ministero della Gioventù o il Salone degli Studenti;
  • Hanno continui rapporti con le Università, sia con la facoltà di giurisprudenza che di economia partecipando a dibattiti.

In queste “operazioni preliminari” comunque ci rendiamo conto di fare una corsa contro il tempo in quanto 18 mesi ci risultano essere pochi se si vuol “assistere” ad un ciclo completo di adempimenti.

Altro piccolo “neo” è quello della richiesta (a volte congiunta) di dante pratica e praticanti che al termine “ufficiale” del praticantato si trovano nella necessità (ma più che altro da parte del praticante) di continuare la frequenza per implementare le competenze tecniche in attesa degli esami.

Infine c’è il problema, emerso chiaramente nel corso degli incontri propedeutici alla Convention, di giovani abilitati che vorrebbero iniziare la professione ma che, al di là dei costi e della carenza di clientela, preferirebbero continuare un rapporto libero professionale con il loro dante pratica ora collega.

E qui subentra l’altra problematica della settorializzazione dello studio in quanto i CDL che accolgono i praticanti lavorano solamente in un settore (ad esempio buste paga).

Ergo, occorrerebbe una campagna su larga scala, Convegni, dibattiti, per far comprendere ai colleghi che hanno studi “importanti” e dal “nome attrattivo” di poter lavorare in forma aggregata con questi giovani colleghi affidando loro incarichi in altre prerogative professionali che loro non trattano.

Si pensi, ad esempio, al contenzioso previdenziale-contributivo, contenzioso tributario, sicurezza sul lavoro.

ATTRATTIVITA’ DELLA PROFESSIONE

La nostra, indubbiamente, è una professione che attrae!! Occorre, tuttavia, che il “fascino” della nostra professione venga veicolato verso una platea che sia in grado di poterne valutare lo stress ed il ritorno economico. Lo stress, ci è stato riferito, pure è importante ed è una componente che spesso frena i giovani che vorrebbero affacciarsi alla nostra professione.

Bisognerebbe, a tal proposito, metter su una campagna di stampa tipo quella che si fa in occasione del Festival del Lavoro, produrre dei filmati “promo” della ns. professione e cercare di implementare la nostra presenza nei talk-show.

In questo momento sarebbe necessaria un’amalgama per un idem sentire tra tutti i CPO di una medesima Regione.

La promozione della Categoria se avviene solo attraverso il Festival del Lavoro perde la propria importanza dopo pochi giorni. Gli effetti del “Festival”, invece, devono portarci ad agire sul territorio.

Tale attività promozionale deve avvenire presso le Scuole e le Università!!

Quando Napoli ha ospitato “La Giornata della Previdenza” per due anni consecutivi abbiamo fatto all’interno della struttura due convegni con la partecipazione dei ragazzi dell’ultimo anno delle superiori.

LAVORO AUTONOMO PROFESSIONALE VISTO DAI GIOVANI

Il vero “vulnus” i giovani intervistati con il dialogo preparatorio alla Convention è rappresentato dai costi da sostenere “per mettersi in proprio” considerato che il dante pratica continua a far corsa da solo.

In effetti è una bella somma annuale se si tiene conto del contributo di iscrizione nell’albo provinciale, della dotazione tecnologica, programma paga, contributo Enpacl, assicurazione RC.

A questo si aggiunga che con il venir meno delle tariffe, spesso gli studi professionali sono costretti a ridurre gli onorari e giostrare sulle quantità dei clienti, il tutto a discapito dell’organizzazione del lavoro con stress correlato e una miriade di adempimenti.

Occorrerebbe   pensare ad una riduzione da parte dei CPO per i primi due anni della quota di iscrizione (ma con una norma chiara e di rango superiore), idem per quanto concerne la contribuzione all’Enpacl tenendo conto del minimale che, comunque, annualmente aumenta.

Poi hanno evidenziato le difficoltà ed ai costi della F.C.O. che quand’anche gratuita da parte dei CPO li espone a spese, allontanamento forzato dallo studio.

Hanno espresso la possibilità di conseguire crediti da remoto in modo prevalente.

Quello dell’Assicurazione RC e F.C.O. è un qualcosa da monitorare per venire loro incontro.

Poi c’è l’incertezza della clientela pur sapendo che il proprio ex dante pratica potrebbe affidar loro incombenze professionali che lui non tratta.

Occorrerebbe creare una rete, organizzata dai CPO o dal CNO, con una piattaforma dove magari un collega possa affidare a chi voglia accettare delle incombenze professionali. Sarebbe un’attività prodromica a quell’aggregazione, che poi sarebbe conseguenziale, di un rapporto continuo da tra due professionisti tra i quali si è instaurato un vincolo più che fiduciario.

FUTURO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

Il futuro che è già iniziato nell’ottica della transizione digitale ed ecologica, intelligenza artificiale, metaverso, blockchain, vede sempre di più la necessità di creazione di studi multidisciplinari ancorchè riferito alla sola consulenza del lavoro in quanto anche “il bene primario” delle buste paga presto sarà soppiantato, sostituito da sofisticati aggeggi che a comando vocale redigeranno cedolini o tagliandini con la retribuzione ed in contemporanea la banca farà il bonifico. La Categoria deve essere pronta ad affrontarlo.
Buon lavoro

Ad maiora

IL PRESIDENTE
EDMONDO DURACCIO

 

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/ED

notizie dall’ordine n° 106/2022 del 21/11/2022

Rosario De Luca è il nuovo Presidente del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro. Eletto il 18 Novembre scorso all’unanimità dopo le dimissioni della Presidente Calderone chiamata dall’On.le Meloni a presiedere il Dicastero del Lavoro e delle Politiche Sociali. E’ una scelta giusta considerata l’esperienza politico-gestionale maturata in tanti anni di presidenza della Fondazione Studi. […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 105/2022 del 16/11/2022

La certificazione dei rapporti di lavoro, nella parte retributiva e contributiva, denominata “ASSE.CO” è stata oggetto di protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e la Regione Marche. L’accordo avrà durata triennale.   Si espande, ormai, in Italia l’importanza dell’ASSE.CO l’importante strumento, prerogativa dei Consulenti del Lavoro, di certificazione del rapporto […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 104/2022 del 14/11/2022

Tour de force di adempimenti istituzionali per il CPO di Napoli nel mese di Novembre e di Dicembre. In discussione, tra le altre, una riforma del Regolamento della F.C.O. Ci sarà poi l’apoteosi del XIX Master in Diritto del Lavoro e Diritto Tributario con lo svolgimento della VII Edizione del ns. Forum Lavoro. Ed a […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 103/2022 del 08/11/2022

Iniziativa promozionale della FONDAZIONE CONSULENTI PER IL LAVORO, altro fiore all’occhiello, insieme alla Fondazione Studi, del ns. Consiglio Nazionale dell’Ordine. L’iscrizione alla Fondazione Consulenti per il lavoro entro il 31 dicembre avrà validità anche per l’anno 2023 ed inoltre si potrà fruire fin da subito di tutti i servizi compresa la nuova Piattaforma. L’importanza della […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 102/2022 del 07/11/2022

Il 25 E 26 Novembre prossimi, in luogo del Congresso Straordinario per i Giovani, il CNO ha deciso di tenere, sempre al Palazzo dei Congressi a Roma, una Convention Nazionale dal titolo “Giovani e Professione: evoluzione e prospettive del Consulente del Lavoro”. La notizia, pervenuta il 3 Novembre scorso con Nota Prot. 2022/0007059 a firma […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 101/2022 del 02/11/2022

Il CNO, ai sensi del Regolamento sulla Contabilità e Finanze, ha comunicato che per l’anno 2023 la quota annuale di sua spettanza sarà invariata per gli iscritti e le STP. Resta, pertanto, l’importo di € 190,00. Circolare CNO n.1177 del 29/10/2022 – Nota Prot. 2022/0006993 pari data.   Il Regolamento CNO su Contabilità e Finanze, […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 100/2022 del 01/11/2022

La Sicurezza sul lavoro è importante. La Categoria è impegnata nella promozione della legalità e della sicurezza. In materia di sicurezza in edilizia INL e Ministero del Lavoro evidenziano in un report le risultanze di attività ispettiva condotta dall’Ispettorato del Lavoro il 27 ottobre in tutta Italia. C’è bisogno, visti i numeri, di un diverso […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 99/2022 del 24/10/2022

La nostra Presidente Nazionale, Marina Calderone, è il nuovo Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del Governo presieduto dall’On.le Giorgia Meloni.   Era nell’aria, se ne parlava ma a giorni alterni. Negli ultimi giorni, invece, la casella “Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”, della lista preparata da Giorgia Meloni, premier in pectore, la […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 98/2022 del 13/10/2022

Nuovo Corso per Revisori Legali anno 2022 organizzato dalla Fondazione Studi Consulenti del Lavoro   Anche quest’anno la Fondazione Studi ha organizzato un videocorso dedicato ai Consulenti del Lavoro che sono iscritti anche al Registro dei Revisori legali dei Conti. Il Corso si articola in cinque lezioni della durata di quattro ore per complessive 20 […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 97/2022 del 11/10/2022

Piattaforma “Formazione” del CNO. Nuova implementazione anche per motivi statistici relativa alla modalità di richiesta del “riproporzionamento”   Torniamo a parlare di Formazione Continua Obbligatoria atteso che il biennio formativo 2021/2022 volge al termine e chi non avesse ancora maturato i crediti necessari per assolvere all’obbligo formativo ha ancora qualche mese per correre ai ripari. […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF