Il Portale per i CDL di Napoli - Organo Ufficiale dell'Ordine

 
notizie dall’ordine n° 84/2021 del 13/09/2021

Smart working nel Pubblico Impiego. Da un’analisi della Fondazione Studi su dati della Ragioneria Generale dello Stato e FORMEZ emergono forti disomogeneità tra l’uso del lavoro agile, durante la pandemia, nelle Funzioni Centrali e negli Enti Locali. E’ forte comunque il dibattito nel Paese circa l’istituto dello smart working alla luce dell’ennesima riforma “Brunetta” della P.A. che avrebbe decretato la fine dell’allontanamento necessario dagli uffici. Ma il tema interessa anche il settore privato e ne parleremo nel 18° MASTER, in corso di organizzazione, che, more solito, si svolgerà ad Ottobre (2 Moduli) e a Novembre (3 Moduli).

 

Quando si parla di “smart working” il pensiero dei Consulenti del Lavoro di Napoli va sicuramente ai forti momenti di infunzionalità della sede INPS di Napoli donde la definizione, conforme alla filosofia ironica partenopea, di “perenne lockdown retribuito”.

E, d’altra parte, l’art. 87 del Decreto Legge “Cura Italia” si era subito affrettato a sancire la permanenza della retribuzione per gli statali a prescindere che il lockdown potesse essere utilizzato per lavorare da remoto.

Retribuiti, comunque!!!

Qui, lo rilevammo subito e lo abbiamo ribadito più volte, la forte discriminazione tra il trattamento economico dei lavoratori pubblici e di quelli privati costretti a non lavorare per ordine delle Autorità.

I primi a stipendio intero ed i secondi in base alle norme della Cassa Integrazione Guadagni e con oneri a carico dei datori di lavoro.

L’Istituto dello “smart-working” ha, comunque, fin dal varo della Legge n.81/2017, suscitato ampio dibattito (e non tanto sulle finalità tese al bilanciamento delle esigenze di vita e di lavoro) quanto sulle modalità di attuazione e, sul piano delle imprese, sulla cospicua rinuncia del potere direttivo e di controllo.

Un incesto, lo definì il ns. Presidente Edmondo Duraccio, in relazione all’art. 2094 che, “con lo smart working è divenuto obsoleto ed arcaico, simbolo di un diritto del lavoro che non c’è più”.

La nostra Fondazione Studi ha, comunque, condotto una interessante indagine sullo smart working nel Pubblico Impiego utilizzando dati della Ragioneria dello Stato e del Formez evidenziando l’esistenza di una forte disomogeneità nella sua utilizzazione da parte di tutto il comparto pubblico. 

In base alle analisi elaborate da Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, infatti, le funzioni centrali hanno fatto ricorso al lavoro agile molto più che gli enti locali.

Ministeri e agenzie fiscali, infatti, a settembre 2020 avevano il 71,1% del proprio personale connesso da remoto; una percentuale che toccava il 69,4% tra insegnanti e accademici e “crollava” al 30,9% in Regioni, aree metropolitane, Comuni. Nel comparto sanitario solo l’8,3% dei dipendenti pubblici ha lavorato da casa durante il picco dell’emergenza.

In attesa di indicazioni sulla composizione della quota del 15% indicata dal Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, Fondazione Studi ha ricostruito la curva degli smart workers negli ultimi 18 mesi.

A marzo 2020, su 3,2 milioni di dipendenti pubblici, 1,8 mln erano in smart working (56,6%). Già in settembre, una buona parte era però tornata in presenza, e meno della metà dei dipendenti pubblici (46,2%, pari a 1,5 milioni in termini assoluti) era interessato da tale modalità di lavoro.

A maggio 2021, poi, secondo l’indagine svolta dai Consulenti del Lavoro su un campione di lavoratori della PA, la quota di dipendenti pubblici in smart working risultava essere il 37,5%: in termini unitari si trattava di 1,2 mln di lavoratori che dovrebbero diventare circa 500 mila secondo la via tracciata dal responsabile di Palazzo Vidoni.

L’esperienza maturata nel periodo emergenziale, che ha improvvisamente obbligato un elevatissimo numero di lavoratori a operare da casa, va utilizzata per migliorare lo strumento e renderlo una modalità di lavoro alternativa ‒ ha commentato Rosario De Luca, presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, intervistato dal Corriere della Sera sul tema.

Certamente, ha continuato De Luca, è necessario un intervento normativo che meglio regolamenti i diversi diritti e doveri delle parti del rapporto, come possono essere il diritto alla disconnessione, la reperibilità ovvero il controllo da remoto. Insomma, lo smart working va ben strutturato in modo da farlo diventare un’opportunità per il futuro ma certo non può essere l’unico modo in cui viene svolta la prestazione lavorativa”.

In questa chiave, è decisivo che il processo di digitalizzazione della PA, e tutto quello che comporta (dalla semplificazione allo sviluppo delle competenze digitali dei dipendenti) abbia un’accelerazione, anche nell’ottica di attuazione dei progetti del Pnrr.

Decisivo sarà anche il ruolo della dirigenza pubblica, chiamata in questo momento a reinventarsi, per trainare una trasformazione organizzativa che, se l’esperienza dello smart working non vorrà essere definitivamente abbandonata, dovrà confrontarsi con temi che ancora stentano a trovare piena attuazione nel contesto della PA, come individuazione degli obiettivi e misurazione dei risultati.

Ne parleremo, comunque, con esponenti della Dottrina nel corso del 18° Master in Diritto del Lavoro e Legislazione Sociale in programma tra Ottobre (2 moduli) e Novembre (3 moduli). Se lo smart working è quello, anche con i risultati, del periodo pandemico, meglio lasciarlo morire!!!!

 

Buon lavoro

Ad maiora

 

IL PRESIDENTE

EDMONDO DURACCIO

 

(*) Rubrica contenente informazioni riservate ai soli iscritti all’Albo dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Riproduzione, anche parziale, vietata. Redazione a cura della Commissione Comunicazione Istituzionale del CPO di Napoli.

ED/ED

notizie dall’ordine n° 82/2022 del 05/08/2022

L’asse.co. entra nella Legge Regionale dell’Emilia Romagna con uno stanziamento di 1 milione di Euro per l’anno 2022 per la promozione della cultura della legalità sotto forma di contributi alle imprese che aderiscono all’Asseverazione contributiva e Retributiva. Ne aveva dato comunicazione al Festival del lavoro di Bologna il Governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. Questa notizia […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 81/2022 del 04/08/2022

La Presidente Calderone con Nota Prot. 0005469/U del 3 agosto si rivolge al Ministro della Pubblica Amministrazione, Brunetta, e al Ministro del Lavoro, Orlando, per rappresentare altre criticità del Decreto Legislativo 104/2022 (Decreto “Trasparenza”) anche in relazione alla disposizione per i dipendenti degli Enti Pubblici (tra cui quelli degli Ordini Professionali). Diciamocela tutta: non ci […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 80/2022 del 02/08/2022

A pochissimi giorni dalla pubblicazione in G.U. del Decreto Legislativo 27 giugno 2022 n.104 contenente, tra gli altri, condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili dell’Unione Europea mediante indicazione nel contratto individuale di lavoro di una serie di informative (peraltro contenute nel CCNL) a decorrere dal 13 agosto prossimo, la Presidente Marina Calderone si è rivolta […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 79/2022 del 28/07/2022

Attivo dal 18 luglio scorso sul sito INAIL lo “Sportello Digitale”, un nuovo servizio online per la gestione degli appuntamenti presso la sede INAIL competente.   Dal 18 luglio scorso è attivo sul sito dell'Inail lo "Sportello Digitale", il nuovo servizio online per la prenotazione di appuntamenti presso la sede Inail competente, che consente di […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 78/2022 del 27/07/2022

Prende corpo la Summer School 2022 riservata ai Presidenti dei CPO. Si svolgerà dal 22 al 24 settembre 2022 a Terrasini (Palermo) nel Villaggio Turistico Cds Hotels Città del Mare. La Comunicazione della Presidente ai CPO con Nota Prot. 2022/0005181 del 21 luglio 2022.   C’era stata una sommaria informativa ma senza dettagli precisi nell’ultima […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 77/2022 del 25/07/2022

Master di II livello in “Legal Manager & Advisor” organizzato dall’Università Parthenope di Napoli: pubblicato il bando della II edizione, iscrizioni aperte fino al 16 settembre.   Il CPO di Napoli anche quest’anno ha concesso all’Università degli studi di Napoli “Parthenope” il Patrocinio Gratuito all’organizzazione della Seconda Edizione del Master di II livello in “Legal […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 76/2022 del 21/07/2022

Importante accordo tra CNO e Direzione INPS circa una tregua estiva delle notifiche e diffide in materia previdenziale. Raggiunto dai ns. vertici lo stesso risultato apprezzabilissimo ottenuto con la interlocuzione con l’Agenzia delle Entrate. Dunque notifiche INPS sospese dal 25 luglio al 31 agosto 2022 in coincidenza con il periodo delle ferie estive. Nota CNO […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 75/2022 del 20/07/2022

Presentato il 11 Luglio scorso dall’INPS a Montecitorio il XXI Rapporto Annuale. I Consulenti del Lavoro, nel 2021, hanno gestito il numero più alto di aziende e di lavoratori.   Abbiamo sempre sostenuto che i Consulenti del Lavoro sono la Categoria che trasmettono, in qualità, la quantità di dati più elevata all’INPS immettendoli direttamente nei […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 74/2022 del 19/07/2022

Competenza dei Consulenti del Lavoro sulla gestione dei Nullaosta al lavoro. Indicazioni circa le procedure di asseverazione. FAQ.        Nota CNO – Comunicati e Notizie – con n.2 allegati. Prot. 2022/0005078 del 14 luglio 2022 a firma del Direttore Generale Dottoressa Francesca Maione.   Come vi è noto, il D.L. 21 Giugno 2022 n.73 avente […]

Leggi di più

notizie dall’ordine n° 73/2022 del 18/07/2022

Riunione Tavolo Tecnico Agenzia delle Entrate. Risultanze delle interlocuzioni con il Consiglio Nazionale dell’Ordine. Nota CNO – Comunicati e Notizie – Prot.2022/0005080 del 14 luglio 2022 a firma del Direttore Generale, Dottoressa Maione. E, dulcis in fundo, raggiunto accordo con A.D.E. per una tregua fiscale durante il periodo dall’ultima settimana di luglio alla prima settimana […]

Leggi di più

Privacy Policy
Cookie Policy
Termini e Condizioni

I contenuti di questo sito sono coperti da copyright - 2016 PORTALE UFFICIALE dei CDL di NAPOLI - Powered by WSTAFF